Test Match, Inghilterra: Shields titolare dal primo minuto

Eddie Jones sacrifica Chris Robshaw per il terza linea neozelandese, mentre torna Launchbury in seconda linea e Cipriani siede in panchina

ph. Reuters

Eddie Jones ha voluto compiere pochi, ma significativi ritocchi alla sua selezione in vista del secondo test match che opporrà la sua Inghilterra al Sudafrica di Rassie Erasmus.

Mentre torna in seconda linea Joe Launchbury al posto di Nick Isiekwe, come peraltro già annunciato ieri anche su queste pagine, la novità più grossa è caratterizzata dall’ingresso nella formazione titolare di Brad Shields.

Dopo la controversa questione della sua convocazione, il neozelandese eleggibile per l’Inghilterra grazie ai propri genitori ha ottenuto il suo primo cap sostituendo proprio il succitato Isiekwe nella sconfitta della scorsa settimana. Questa volta Jones ha deciso di affidargli immediatamente un posto nel XV titolare, preferendolo ad un Chris Robshaw in effetti opaco nella precedente uscita.

Shields, 27 anni, ha giocato con la under 20 della Nuova Zelanda ed ha anche partecipato a diversi training camp degli All Blacks, senza però mai vincere un cap. Visto il suo trasferimento nelle fila degli Wasps a partire dalla prossima stagione, ha preferito rispondere alla chiamata di Eddie Jones piuttosto che ascoltare le sirene neozelandesi e quindi legarsi all’Inghilterra a livello internazionale.

Gli altri cambi interessanti operati da Jones stanno nella composizione della panchina, dove il terza linea di Newcastle Mark Wilson prende il posto di Isiekwe, lasciato fuori squadra. Danny Cipriani sostituisce Piers Francis come playmaker di riserva: il mediano di apertura non ottiene una presenza in nazionale dal 2015.

“Siamo venuti qui per vincere la serie contro il Sudafrica – ha detto Eddie Jones – e la squadra è pronta ad andare là fuori e batterli questo weekend.”

“Abbiamo avuto una buona preparazione questa settimana e l’intensità e le esecuzioni nelle recenti sessioni ci metteranno in una buona posizione per vincere sabato.”

Inghilterra: 15 Elliot Daly, 14 Jonny May, 13 Henry Slade, 12 Owen Farrell (c), 11 Mike Brown, 10 George Ford, 9 Ben Youngs, 8 Billy Vunipola, 7 Tom Curry, 6 Brad Shields, 5 Maro Itoje, 4 Joe Launchbury, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Mako Vunipola
A disposizione: 16 Luke Cowan-Dickie, 17 Joe Marler, 18 Harry Williams, 19 Mark Wilson, 20 Nathan Hughes, 21 Ben Spencer, 22 Danny Cipriani, 23 Denny Solomona

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Test Match, calendario novembre 2018: date, orari e luoghi dell’autunno ovale internazionale

Tutti i dettagli da sapere sulla prossima finestra internazionale

item-thumbnail

La federazione inglese mette pressione ad Eddie Jones

Steve Brown, CEO di RFU, si aspetta che l'Inghilterra vinca tutti i test del prossimo autunno

item-thumbnail

L’ultima vittoria di Sam Warburton

Che non ha portato ad una vittoria, ma al pareggio più memorabile nella storia recente del rugby

item-thumbnail

Sfruttare le fasi statiche in modo creativo

Mischia e touche sono sempre più utilizzate per lanciare schemi elaborati e fantasiosi. Due esempi dall'ultima stagione

item-thumbnail

Australia: i dubbi e le certezze di Michael Cheika

Dalla finestra estiva è uscita una nazionale sconfitta ma forte, in crescita e in grado di mettere in difficoltà anche i migliori

item-thumbnail

Israel Folau è stato squalificato per una giornata

La Federazione australiana ha già presentato ricorso. Punito il contrasto aereo con Peter O'Mahony nell'ultimo Test Match