Brad Shields potrà giocare con l’Inghilterra a giugno

La NZRU ha dato il proprio via libera: Eddie Jones potrà convocare il terza linea neozelandese

brad shields

Brad Shields con la maglia dei Barbarians, nel novembre 2016 (ph. Reuters)

La Federazione neozelandese ha deciso che consentirà a Brad Shields di essere disponibile per una convocazione dell’Inghilterra in vista dei Test Match di giugno. “Anche se NZR crede che ci siano motivi legali per declinare la richiesta dell’agente di Shields e della Federzione inglese, NZR ha considerato le circostanze come eccezionali in questo caso”, si legge nel comunicato diffuso giovedì.

“Il nostro accordo prevede che Brad sia legato soltanto alle squadre neozelandesi fino alla sua scadenza, ovvero fino al termine dell’attuale Super Rugby – ha detto Chris Lendrum, capo del rugby professionistico della NZRU – […] Ci siamo presi un po’ di tempo per considerare la complessità della richiesta […] Possiamo dire i essere contenti con i termini di questo rilascio temporaneo”.

“Siamo amareggiati del fatto che la RFU abbiamo deciso di fare questo inusuale step, visto che Brad non ha ancora giocato in Inghilterra. Speriamo per lui che raggiunga il suo obiettivo di giocare a livello internazionale a giugno”.

Attorno a Shields, nelle ultime settimane, si era create alcune polemiche, poiché la Federazione neozelandese credeva – e lo crede tuttora, probabilmente – di potersi appellare ad una propria regola interna – quella citata da Lendrum – per impedire la convocazione del giocatore con l’Inghilterra, sebbene la ‘regola 8’ di World Rugby imponga a tutte le squadre di rilasciare i giocatori eleggibili per una nazionale nelle finestre di partite prestabilite.

Il lasciapassare della Federazione neozelandese, dunque, potrebbe essere arrivato anche nell’ottica di evitare uno scontro frontale con la RFU e, di conseguenza, di rivolgersi a World Rugby per risolvere lo stallo.

Il 27enne, terza linea degli Hurricanes e nato da genitori inglesi, si trasferirà ai Wasps a partire dalla prossima estate. Già al momento dell’annuncio avvenuto lo scorso autunno, alcune indiscrezioni parlavano di un suo immediato coinvolgimento con la Nazionale a partire dal prossimo novembre, ma a quanto pare il CT Eddie Jones ha premuto per far anticipare i tempi.

“Apprezzo il fatto che la Federazione neozelandese abbia considerato la richiesta – ha detto Shields, 9 presenze e una meta fin qui nel Super Rugby – Era una materia complicata per loro, ma sono molto grato per il loro supporto”.

A giugno, l’Inghilterra giocherà una serie di tre Test Match in Sudafrica contro gli Springboks.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Os Du Randt torna sul campo per allenare la mischia della Russia

Il leggendario pilone sudafricano si rimette in discussione per provare a rialzare la Russia dopo un periodo di risultati poveri

item-thumbnail

Dopo tre anni, nel 2022 l’Argentina tornerà a giocare in patria: ecco l’avversaria di luglio

I Pumas sfideranno la Scozia in una serie di tre test match, uno dei quali sarà disputato in una città che mai aveva visto la Nazionale

28 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Dick Muir è il nuovo head coach della Russia

Ex assistente degli Springboks e head coach degli Sharks proverà a risollevare il movimento dalla crisi che sta attraversando

24 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Eddie Jones sorprende tutti: “Rassie Erasmus? Aveva ragione sugli arbitri, ma è mancato il rispetto”

Il tecnico dell'Inghilterra ha analizzato quello che è successo con il Director of Rugby degli Springboks

22 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Gli higlights di Paesi-Bassi Spagna. Giocatore iberico in fin di vita per un incidente dopo la partita

Vittoria a due facce per la Spagna, che chiude il torneo in quarta posizione ma è molto preoccupata per uno dei suoi equiparati

21 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match