Champions Cup: il futuro di Carbery e Byrne distrae Leinster in vista di Bilbao

L’IRFU insiste nel volere una delle due aperture a Belfast, mentre O’Gara chiama in causa anche Munster

carbery irlanda

ph. Reuters

DUBLINO – Leinster e tutto il suo ambiente scherzano col fuoco in vista della finale di Champions Cup di sabato. I giornali di questi giorni infatti sembrerebbero quelli classici di fine stagione, con le voci di mercato sui giocatori più importanti. La finale da giocare contro una delle squadre più forti d’Europa passa quasi in secondo piano rispetto alla lite fra Leinster e IRFU sul trasferimento di Joey Carbery o Ross Byrne all’Ulster.

I media hanno riferito di un incontro avvenuto domenica 29 aprile fra Carbery e Schmidt in un Caffè di Dublino 6, quando probabilmente l’allenatore della nazionale ha ripetuto i motivi per i quali Carbery dovrebbe andare a Belfast. Leinster però non si muove dalle proprie convinzioni: non intende costringere Carbery né Byrne ad andare nell’Ulster. L’ultimo a parlare in ordine di tempo è stato Lancaster: “Il futuro di Carbery lo deve decidere lui stesso. Se si trova bene con la provincia con la quale è cresciuto, tutti dovrebbero rispettare la sua scelta. Per quanto ci riguarda, vogliamo che resti”. Parole chiare, sicuramente concordate con il club.

Dalla Nuova Zelanda Ronan O’Gara ha detto quello che molti pensano: “Non capisco perché Munster non risolva questa situazione prendendo Carbery”. Da Thomond Park, per adesso, non è arrivata nessuna parola sulla vicenda. Rúaidhrí O’Connor, sull’Irish Independent, intanto ha ricordato quanto accaduto nella NFL al quarterback Jimmy Garoppolo che, stufatosi di aspettare ai Patriots che Tom Brady smettesse, ha accettato l’offerta dei San Francisco 49ers.

Sulla baia è diventato una stella della lega, lasciando i Patriots col dubbio che sarebbe stato meglio far smettere Brady prima. Un altro punto della vicenda infatti è che il posto di apertura titolare a Leinster sarà occupato da Jonathan Sexton ancora per un bel po’. Alla cerimonia di consegna dei caps dei Lions Jonathan ha detto: “Nel 2021 avrà 36 anni: non è troppo tardi per essere chiamato di nuovo nei Lions”.

In tutto questo, appunto, c’è la finale alle porte. Tutti si dicono tranquilli del fatto che queste voci non stiano distraendo l’ambiente in vista della finale, ma c’è da giurare che le polemiche scoppieranno in caso di sconfitta. Ufficiale il forfait di McFadden, infortunatosi in semifinale contro gli Scarlets, mentre Luke McGrath e Jordy Murphy si allenano da giorni e dovrebbero esserci. Fuori da tempo anche Cathal Marsh (toe), Sean O’Brien (spalla), Dave Kearney (spalla) e Josh van der Flier (ginocchio).

Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Leinster: quei tre momenti sui quali recriminare

La finale di Champions Cup è andata meritatamente ai Saracens, ma gli irlandesi hanno sprecato qualche occasione di troppo

13 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Gregariato saraceno: come la Champions Cup è tornata a Londra

Da Barritt a Koch, da Lozowski a Wray. Una vittoria costruita sul lavoro operaio dei volti meno noti

13 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

La festa dei Saracens, i rimpianti del Leinster

Mark McCall elogia i suoi per la reazione nel corso del match. Leo Cullen: "Bisognava sfruttare le occasioni create"

12 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Alex Goode è il giocatore dell’anno per la Champions Cup 2018/2019

È il terzo giocatore dei Saracens a vincere il premio dopo Itoje e Farrell nel 2016 e nel 2017

12 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: I Saracens sono i migliori d’Europa e sono ancora campioni

Finisce 20-10, Sarries dominanti in ogni fase e che hanno saputo approfittare degli errori commessi da Leinster

11 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup, la stima di Mako per Furlong: “Ho imparato da lui”

Alla vigilia della finale, il pilone sinistro dei Saracens confessa la sua stima per l'avversario che avrà di fronte

11 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
  1. LiukMarc 9 maggio 2018, 12:18

    Da capire se non si muovono perchè vogliono stare al Leinster (e quindi lottare per determinati traguardi) o per stare a Dublino. Nel secondo caso, Ulster o Munster non cambierebbe niente (quindi non capirei le parole di RoG), nel primo invece ok, Munster potrebbe dare qualcosa in più in termini di appeal (ma rimane il problema che Ulster non ha un’apertura di livello, e comunque a Limerick ci sono Bleyendaal (che è equiparabile per residenza), Hanrahan e Keatley, a meno che io mi sia perso qualche movimento di mercato verso Belfast o l’estero..

    • gattonero 9 maggio 2018, 18:06

      penso che RoG ,che tira acqua al proprio mulino,voglia Carbery a munster perche’ manca un’apertura in prospettiva e di livello(per puntare a vincere un torneo), Keatley e’ bravo… quando e’ in giornata, Bleyendaal sarebbe forte ma dalla piazzola ha percentuali peggiori di canna, Hanrahan a 10 non si puo’ vedere, e’ un buon estremo pero’…comunque avercene di questi problemi dalle nostre parti… 😉

Lascia un commento