Almeno un’altra squadra sudafricana potrebbe entrare nel Pro14 dal 2019

Il “trasloco” dall’emisfero Sud all’Europa potrebbe non fermarsi solo a Cheetahs e Kings

sharks super rugby 2017

ph. Reuters

Le voci su una possibile ed’ulteriore espansione del Pro14 in Sudafrica tornano ad essere insistenti. Alcuni media esteri hanno riportato indiscrezioni secondo cui un certo numero di squadre potrebbe compiere lo stesso percorso dei Cheetahs e dei Kings, le due franchigie della Rainbow Nation escluse dal Super Rugby e approdate nell’Emisfero Nord la scorsa estate al fianco dei team irlandesi, gallesi, scozzesi e italiani.

Il primo a rilanciare quest’ipotesi è stato il Wales Online. Secondo il quotidiano gallese, tre franchigie sudafricane entrerebbero a far parte del torneo a partire dalla stagione 2019/2020: gli Sharks sarebbero i più propensi a lasciare il Super Rugby seguiti da Lions e Stormers, citate come le squadre che con più probabilità potrebbero accordarsi alla franchigia di Durban.

Il Sudafrica, sempre secondo il Wales Online, non vedrebbe più di buon occhio l’attuale Super Rugby, sia per i differenti fusi orari sia per le composizioni delle attuali Conference, a suo dire sbilanciate. Inoltre, la Federazione auspica che con il trasferimento di altre squadre nel Pro14 si possa interrompere l’emorragia di partenze dei propri giocatori verso l’Europa, allettato da stipendi maggiormente remunerativi.

Lunedì, invece, è stato l’Irish Times a pubblicare un articolo con alcuni possibili dettagli sul nuovo allargamento del torneo. Il quotidiano irlandese di fatto conferma la tesi del Wales Online secondo cui gli Sharks entrerebbero nel Pro14 a partire dal 2019, ma solo insieme ad una seconda squadra (una tra Bulls, Lions e Stormers); dal 2020/2021, poi, le franchigie in totale diventerebbero cinque, poiché si aggiungerebbe al lotto una terza squadra.

Entrambe le versioni, invece, concordano sull’eventuale ritorno economico positivo per il Pro14 qualora questo piano espansionistico dovesse effettivamente concretizzarsi – e Cheetahs e Kings hanno già portato, secondo il Wales Online, almeno 500mila sterline nelle casse di ogni squadra.

Martin Anayi, CEO della competizione, del resto ha tra gli obiettivi proprio l’aumento dei ricavi legati al torneo, un’operazione che l’amministratore delegato sta già conducendo con un buon successo visto il nuovo accordo siglato con Premier Sports per la trasmissione (in Irlanda del Nord, Galles e Scozia) delle partite dal prossimo anno.

Gli introiti derivanti dai diritti tv, infatti, sono aumentati da 13,5 milioni ai circa 25 milioni di sterline con il nuovo broadcaster. Un altro dettaglio di notevole rilevanza, riportato da Wales Online Irish Times, è che al momento della firma del contratto triennale con Premier Sports l’imminente ingresso di nuove squadre sudafricane è stato preso in considerazione dalle parti, a testimonianza di discorsi già piuttosto avviati.

Il Super Rugby e la risposta della SANZAAR

Entrambi i quotidiani, inoltre, collegano la volontà della Federazione sudafricana di spostare le proprie franchigie in Europa con il documento della SANZAAR (il governo sudafricano, neozelandese, australiano e argentino a capo di Super Rugby e Rugby Championship) in cui si fa riferimento alle possibilità di espandere il Super Rugby negli Stati Uniti. Il progetto denominato “SANZAAR 2030 Strategy”, dunque, sarebbe consequenziale alla possibile uscita del Sudafrica dal Super Rugby.

Intanto, la SANZAAR ha ribadito con un comunicato ufficiale che la confederazione è nel mezzo di una revisione strategica per definire il futuro del Super Rugby e del Rugby Championship. “Il fine ultimo è di produrre un piano d’azione per i formati delle competizioni fino al 2030 – ha dichiarato il CEO Andy Marinos – […] Le Federazioni si sono impegnate pienamente in questa strategia e nella loro futura partecipazione. Qualsiasi discussione su una modifica delle relazioni tra gli stakeholder e il ritiro dei soci, la creazione di nuovi team in nuovi mercati e di competizioni tra Australia e Nuova Zelanda (“trans-Tasman competitions) è una speculazione non comprovata e semplicemente falsa”.

Parlando poi del documento relativo all’espansione negli Stati Uniti, svelato dal Sydney Morning Herald, Marinos ha dichiarato che “è molto deludente che alcuni aspetti del lavoro iniziale, in termini di potenziali nuovi formati, siano stati estrapolati dal loro contesto e diffusi al pubblico”.

“Potenziali aperture a nuovi mercati, per esempio, non dovrebbe essere confusa con il mero incremento di squadre. Siamo già al punto in cui abbiamo portato il nostro prodotto in nuovi mercati; le sfide giocate a Singapore, Hong Kong, Fiji e Samoa sono degli esempi in questo senso”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Pro14, atto finale: gli Scarlets provano a fermare il Leinster

Le due squadre si ritrovano dopo la semifinale di Champions Cup a senso unico, in palio il trofeo celtico

26 maggio 2018 Pro 14
item-thumbnail

Le Zebre mettono Jimmy Tuivaiti nel motore

Il terza linea neozelandese giocherà a Parma la prossima stagione. Aveva già esordito da permit player a febbraio

25 maggio 2018 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Pro14: le formazioni della finale Leinster-Scarlets

Gli irlandesi con Sexton e Kearney dal primo minuto, Pivac ritrova Leigh Halfpenny

25 maggio 2018 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Marius Mitrea sarà assistente nella finale del Pro14

Dopo quattro anni di fila, non sarà Nigel Owens ad arbitrarla. Scelto un italiano anche come Citing Commissioner

25 maggio 2018 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Un australiano alla guida del Connacht dalla prossima stagione

La franchigia di Galway sarà allenata da Andy Friend, fino ad aprile coach della nazionale australiana di rugby seven

25 maggio 2018 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Derrick Appiah è un nuovo giocatore del Benetton Treviso

Il pilone classe 1994 rinforzerà il reparto di prima linea biancoverde

24 maggio 2018 Pro 14 / Benetton Rugby