Pro14, diritti TV: bye bye BBC, è il momento di Premier Sports

Il torneo celtico sceglie un nuovo partner nel Regno Unito: una svolta epocale che potrebbe portare a nuove conseguenze

ph. Sebastiano Pessina

“E’ la fine di un’era”: questo è il titolo del Walesonline, per descrivere una svolta storica nella trasmissione dei diritti televisivi sul Pro14. Dall’anno prossimo infatti nel Regno Unito non sarà più la BBC il broadcaster di riferimento, ma bensì Premier Sports.
Una svolta epocale a cui Oltremanica stanno provando a darsi una risposta partendo dalle parole del giornalista Simon Thomas, che in un’intervista al quotidiano gallese ha cercato di spiegare come sono andate le cose: “Per il rugby del Regno Unito cronologicamente è come tornare indietro di vent’anni, quando la BBC non deteneva i diritti del rugby domestico.
Il Board del Pro14, coinvolgendo anche le emittenti sudafricane (che hanno versato 6 Mln di sterline) inseritesi da quest’anno, sta cercando di ampliare i suoi ricavi parametrandoli, ovviamente in misura minore, anche a quelli dei campionati di Francia e Inghilterra (dove Canal + e BT portano rispettivamente circa 75 milioni e 42 milioni di sterline all’anno) e quindi la situazione a cui siamo arrivati è un po’ figlia anche di questo.
Un vento di cambiamento si era già percepito, per la prima volta a gennaio: Sky Sports, che detiene i diritti per l’Irlanda, battuta da eir Sport nella gara di acquisizione dei prossimi anni. Ed ecco l’Isola di Smeraldo con un nuova emittente dall’anno prossimo.
Poi il rumor su Premier Sports, appunto: prima sembravano poter solo condividere una parte dei diritti, ma poi la sorpresa; con l’acquisizione di tutto il pacchetto del Pro14″.

 

Ma Premier Sports cos’è?
La domanda nel Regno Unito sta attanagliando tanto gli addetti ai lavori quanto gli appassionati: “E’ un canale gestito da Premier Media, attivo dal 2009 e per essere visto – continua a spiegare Thomas – necessita di un abbonamento. Attualmente è disponibile è sulle piattaforme Sky e Virgin Media, nonché tramite il loro sito web. Si occupano di calcio, detenendo i diritti delle gare sudamericane, hockey su ghiaccio, motorsport e ora rugby. Con la palla ovale hanno un precedente: i Test Match autunnali della Francia, nell’anno 2016.

Come mai la BBC ha perso i diritti tv? E quali sono gli scenari in divenire?
Una questione meramente economica. Per garantire i diritti in Galles, Scozia e Nord Irlanda – in collaborazione con l’emittente S4C – volevano offrire 4,5 mln di sterline, ma il board ha trovato un acquirente che gliene dava di più e non si è fatto troppi problemi. La BBC ha provato a rimediare con una controfferta finale, ma gli accordi ormai erano già stati siglati. Ora resta da capire quale sia il futuro dei giornalisti che in BBC lavorano sul rugby: non sono poche le persone che vivono uno stato di incertezza.

Il futuro televisivo, e non solo, a che tinte sarà per il rugby celtico e dei Paesi del Regno Unito?
La BBC ora sta provando a portare avanti in maniera separata le trattative riguardanti le trasmissioni radio, mentre S4C non è per nulla sicura di trasmettere qualche partita l’anno prossimo.
Per gli appassionati sarà una svolta, poichè dovranno passare da un prodotto gratuito ad uno a pagamento; questo però potrebbe spingere più di qualcuno a ritornare a vedere le partite allo stadio. Non so prevedere se questo movimento gioverà al futuro del rugby, certo le franchigie avranno più soldi da poter spendere ma potrebbero pagare lo scotto di una minore visibilità a livello giovanile.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

URC: Bulls con tutti i migliori in formazione per ospitare il Benetton

La franchigia sudafricana con tutti i migliori in campo per la penultima di campionato

item-thumbnail

Bulls, Louw: “La sconfitta di Treviso in Rainbow Cup brucia ancora. Ma ora vogliamo 5 punti”

Il terza linea sudafricano alla vigilia del delicato match col Benetton: "Saremo sempre amareggiati per quella sconfitta, ma il nostro lavoro è guarda...

item-thumbnail

URC: la formazione di Edimburgo per il match contro le Zebre

Gli scozzesi scelgono una squadra zeppa di stelle per sfidare gli emiliani

item-thumbnail

Edimburgo: ufficiale l’arrivo di Mosese Tuipulotu dai Waratahs

Fratello di Sione Tuipulotu, eleggibile per la Scozia

item-thumbnail

URC: Benetton e Zebre, il calendario delle franchigie nel mese di maggio

Tre partite a testa: per i veneti l'obiettivo sono i playoff, per gli emiliani scavalcare due squadre in classifica

item-thumbnail

URC: la formazione di Ulster per la sfida col Benetton

La miglior formazione possibile per una partita che per gli irlandesi è già da "dentro o fuori"