Conrad Smith dice basta: il campione del mondo si ferma a fine stagione

L’ex All Blacks, oggi a Pau, ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo. Per lui un possibile futuro da allenatore

ph. Sebastiano Pessina

Un’eleganza d’altri tempi e un quoziente intellettivo rugbistico semplicemente di livello astronomico: pensi questo e subito capisci che si parla di Conrad Smith, secondo centro di Pau ma soprattutto due volte campione del mondo con la Nuova Zelanda.

Per gli All Blacks ha infatti ottenuto 94 caps in una lunga carriera nella quale è riuscito a distinguersi come un elemento fondamentale della squadra in nero, tanto fondamentale che, quando nel 2007 non riuscì a far parte della spedizione iridate poi risultata fallimentare degli All Blacks in Francia, molti puntarono il dito verso la sua assenza per capire che cosa mancasse a quella squadra per avere successo.

Per lui 12 anni di rugby internazionale al massimo livello: nel 2004 il debutto contro l’Italia a 22 anni, quindi una rapida ascesa, sia negli Hurricanes che negli All Blacks, per diventare la prima scelta della nazionale in nero, per la quale ha segnato 26 mete prima di ritirarsi al termine della Rugby World Cup 2015 vinta in Inghilterra.

Smith è un giocatore completo che ha abbinato nel corso della sua carriera una grande capacità difensiva nel leggere le situazioni a una corsa elusiva in attacco combinata a una intelligenza tattica che gli permetteva di funzionare come una sorta di playmaker esterno per mettere in movimento le temibili ali ed estremi che correvano al suo fianco. Piccola antologia dei suoi successi in nero: 8 volte vincitore del Rugby Championship, fu TriNations; 3 a 0 ai Lions nella serie del 2005; due Rugby World Cup, 2011 e 2015; tre volte vincitore del Grand Slam nel tour delle Home Nations (battere tutte e quattro le squadre britanniche).

Oggi, a 36 anni e alla sua terza stagione con Pau, nel Top14, ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo al termine della stagione. Per l’immediato futuro si prevede un ruolo per lui nella International Rugby Players Association, di cui è già da tempo membro di rilievo e che potrà supportare a tempo pieno, grazie anche alla sua qualifica di avvocato. Ma all’orizzonte Smith sembra anche ambire ad esplorare la carriera di allenatore.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

OnRugby Relive: Francia v Argentina, Rugby World Cup 2007

Rivivi la storica finale per il terzo posto del Mondiale francese

5 Aprile 2020 News
item-thumbnail

Zebre Rugby: il XV ideale della storia multicolor, votato dai fan

I social del team ducale hanno pubblicato la formazione - a forte trazione azzurra - selezionata dagli appassionati

5 Aprile 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

La stagione degli italiani all’estero

Come erano andati i primi mesi dell'annata agonistica degli azzurri oltre confine

5 Aprile 2020 Rugby Azzurro
item-thumbnail

Quando Christian Cullen sublimò il concetto di ‘straordinaria-meta-solitaria’

Un memorabile pezzo di bravura dell'ex estremo degli All Blacks, nel corso della prima stagione di Super Rugby

5 Aprile 2020 Foto e video
item-thumbnail

Italia: come eravamo è come vogliamo essere

Tornare a quello che era l'Italia del 2013 è l'obiettivo a breve termine degli Azzurri di oggi

5 Aprile 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Pecore, mangime e fattoria: il bizzarro allenamento di CJ Stander

Il terza centro ha condiviso sui social i suoi bucolici allenamenti nella fattoria di famiglia in Sudafrica

5 Aprile 2020 Foto e video