Rugby Europe: la Spagna ha chiesto di rigiocare la partita contro il Belgio

Secondo gli iberici, con la designazione romena, è venuto a mancare il principio dell’imparzialità

ph. Federacion Espanola de Rugby

Rigiocare la partita contro il Belgio? Una possibilità che in Spagna non escludono. Si, perchè la Federazione ha ufficialmente formulato un reclamo a Rugby Europe e World Rugby per l’arbitraggio del signor Iordachescu nella sfida giocata a Bruxelles domenica scorsa.

Che cosa era successo? 
Dopo un Rugby Europe Championship giocato alla grande, alle “Furie Rosse” sarebbe bastato vincere in trasferta anche contro un Belgio sulla carta inferiore per staccare il pass verso la Coppa del Mondo 2019. E invece a Bruxelles va in onda la più clamorosa delle partite: finisce 18-10 per i padroni di casa. Gli spagnoli però a fine partita sono a dir poco nervosi e fanno partire una “caccia all’uomo” nei confronti del direttore di gara romeno; reo di aver favorito i belgi e di rimando i suoi compatrioti, i quali si sono ritrovati con il biglietto iridato nelle mani.

Gli sviluppi
Con un video su Youtube e il tam-tam sollevato dai social, la cosa diventa di dominio pubblico. La FER (Federacion Espanola de Rugby) si sente derubata e da martedì 20 marzo prende la decisione ufficiale di ricorrere per la ripetizione della partita.
Viene prodotto un video con ben 19 azioni incriminate, a cui viene corredata la citazione del regolamento relativa al principio di onestà e imparzialità –  garantito dalla regola 20 appendice 1.7 –  senza dimenticare quanto stabilisce la regola 18, 6.1b: se nello svolgimento della partita non si è rispettato quel principio, vi sono gli estremi per la richiesta di ripetizione di una singola gara.

Il precedente e una richiesta caduta nel nulla
L’arrabbiatura per quanto successo in Belgio, inoltre, viene svelata oggi da un ulteriore clamoroso retroscena: i vertici spagnoli infatti, apprendendo della designazione romena, avevano già espresso le loro perplessità a Rugby Europe, ma il presidente Octavian Morariu – anch’egli di nazionalità romena – aveva respinto al mittente queste possibili illazioni.
Los Leones, infine, prendono un ulteriore caso di questi giorni per esprimere il loro disappunto. Nel Sei Nazioni, il sudafricano Marius van der Westhuizen, scelto come assistente per la contesa fra Inghilterra e Irlanda, è stato sostituito a pochi giorni dall’incontro poichè si era “reso colpevole” di aver assistito ad una training sessioni della formazione di Eddie Jones; al fine di garantire l’imparzialità di cui sopra si è parlato.

 

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Conferme e trasferimenti dal Regno Unito, ma anche problemi di visto

Wayne Barnes non potrà arbitrare nei prossimi due turni di Premiership, mentre Ken Owens batte uno storico record degli Scarlets

12 Agosto 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

Regan Grace e il suo fantastico tris di mete nel Rugby League

Nonostante si giochi in poche parti del mondo, il rugby in tutte le sue forme sa regalare spettacolo. Rivediamo cos'ha combinato il talento gallese...

12 Agosto 2020 Foto e video
item-thumbnail

Jody Rossetto lascia il mondo del rugby a 25 anni

Il pilone ex-Petrarca Padova deve chiudere la sua carriera per via di problemi fisici. "Era giusto fermarsi ora"

12 Agosto 2020 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Argentina: i 46 convocati al primo training camp dopo 5 mesi

La federazione ha organizzato un raduno a Buenos Aires. Scopriamo i nomi dei presenti, compresi alcuni ragazzi senza caps

12 Agosto 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Top14: storia, regolamento, trofeo e albo d’oro

Un viaggio all'interno di tutto quello che c'è da sapere sul Campionato Francese di rugby

12 Agosto 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Samoa: due leggende per guidare le nazionali

Seilala Mapusua sarà l'head coach della rappresentativa maggiore, mentre Brian Lima guiderà il Sevens

11 Agosto 2020 Emisfero Sud