Sei Nazioni 2018: Irlanda e Galles, verso una sfida campale

Le prime due partite hanno alzato le quotazioni dei rossi e abbasato quelle dei verdi

ph. Reuters

DUBLINO – Dopo l’epica vittoria sulla Francia, l’Irlanda pensava che le tre partite casalinghe fossero un semplice intermezzo prima dell’ultima decisiva partita a Twickenham, nella quale i verdi si sarebbero giocati il trofeo e il Grande Slam. La possibilità è ancora intatta, ma l’ottimismo si è ridotto. Due i motivi: l’infermeria si è riempita di giocatori fondamentali e all’orizzonte c’è la partita contro il Galles, che i Verdi non battono da quattro anni e che ha visto le proprie quotazioni crescere molto dopo le prime due partite. I Dragoni arrivano a Dublino con la speranza di vincere per poi giocarsi la vittoria nel torneo nelle due successive partite in casa contro Italia e Francia. Vediamo come le due squadre si stanno avvicinando alla partita di sabato.

Qui Irlanda

Il problema è, come si diceva, l’infermeria. Prima dell’inizio del torneo mancavano Sean O’Brien, Jared Payne e Garry Ringrose. Adesso alla lista degli assenti si sono aggiunti Josh Van Der Flier, Tadhg Furlong (ancora ufficialmente ”in dubbio” ma con poche speranze di giocare), Iain Henderson e il leader difensivo Robbie Henshaw. Come si vede la coperta è particolarmente corta soprattutto nel reparto centri: Schmidt ha chiamato Ringrose a Carton House anche se non ha giocato contro gli Scarlets sabato scorso, mentre l’alternativa è Chris Farrell.

Qui Galles

I Dragoni hanno travolto la Scozia e poi concesso solo 12 punti all’Inghilterra a Twickenham. Tutto questo nonostante abbiano iniziato il torneo senza mezza squadra, fra cui molti Lions, a dimostrazione della solidissima difesa gallese.
Al contrario dell’Irlanda, i gallesi hanno inoltre recuperato molti giocatori chiave. Torna l’apertura Dan Biggar, che ha saltato le partite contro Scozia e Inghilterra per un infortunio alla spalla. L’estremo Leigh Halfpenny si è invece ripreso da un’infezione al piede che lo ha escluso dalla sconfitta in l’Inghilterra e sostituisce Gareth Anscombe, mentre Liam Williams subentra a Josh Adams.

di Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento

item-thumbnail

Le avventure di Russellberry Finn

Sabato abbiamo visto di cosa può essere capace la Scozia quando il suo 10 è in stato di grazia

item-thumbnail

Sei Nazioni : il calendario e gli orari delle edizioni 2020 e 2021

L'Italia aprirà la sua avventura post Mondiale contro il Galles, a Cardiff, l'1 febbraio 2020

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: il XV del Torneo secondo OnRugby

Abbiamo provato a scegliere i migliori di questa edizione del Torneo

item-thumbnail

Monumentale: frammenti di Alun-Wyn Jones

Piccola, significativa raccolta di momenti iconici del capitano e simbolo del Galles del Grande Slam