Sam Warburton alza bandiera bianca in vista dell’inizio del Sei Nazioni

Continuano ad arrivare brutte notizie dall’infermeria gallese

ph. Reuters

ph. Reuters

A poche ore dalla notizia del grave infortunio per Jonathan Davies (fuori sei mesi per un problema al piede), è arrivata un’altra botta in casa Galles. Il capitano di lungo corso Warburton, infatti, ha fatto sapere che molto difficilmente sarà abile ed arruolabile ai massimi livelli per febbraio.

 

Il flanker di Cardiff, dopo aver guidato i Lions in Nuova Zelanda, nonostante un problema alla caviglia durante il tour (chiusosi in pareggio contro gli All Blacks), si è operato in settembre per risolvere un problema al collo di lunga data. Con i tempi di recupero previsti, attorno ai quattro mesi, il rientro sul terreno di gioco dovrebbe avvenire ad inizio 2018, molto probabilmente troppo tardi per poter raggiungere una condizione valida in vista dei match internazionali del 6 nazioni.

 

Il diretto interessato ha dichiarato: “Non abbandono definitivamente le speranze di far parte della squadra a febbraio, ma mettiamola così: se dovessi riuscire nell’impresa, considererei la cosa in modo (positivamente) sorprendente. In ogni caso, prima di poter pensare al Galles, dovrò tornare a giocare con Cardiff, almeno un mese, poi valuteremo le mie condizioni. Ad oggi, comunque, è difficile ipotizzare la mia presenza tra tre mesi”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Greig Laidlaw: “La Scozia può vincere il Sei Nazioni nei prossimi due o tre anni”

Il mediano di mischia lancia la sua profezia per il futuro

item-thumbnail

British & Irish Lions: fra il pareggio con gli All Blacks e l’incertezza degli Springboks

La selezione d'Oltremanica ricorda lo storico match provando a proiettarsi verso l'anno prossimo

item-thumbnail

Sei Nazioni, Laporte: “CVC acquisirà il 14,5% del Torneo”

Il vicepresidente di World Rugby ha reso nota l'operazione durante l'assemblea generale della federazione francese

item-thumbnail

E se Hoskins Sotutu giocasse con l’Inghilterra?

Scopriamo perchè e come il fenomeno dei Blues potrebbe vestire la maglia numero 8 della squadra di Eddie Jones

item-thumbnail

“Non canterò più Swing Low, Sweet Chariot “, lo dice il CEO della Federazione Inglese

In Inghilterra continua a far discutere il canto dei tifosi della Nazionale della Rosa

item-thumbnail

Continua il dibattito su “Swing Low, Sweet Chariot”

La leggenda del Rugby League Martin Offiah non crede che vada vietato l'utilizzo della famosa canzone inglese

19 Giugno 2020 6 Nazioni – Test match