Scudetto, Mondiale Under 20 e Treviso: la lunga estate di Marco Riccioni

Settimane intense per il giovane pilone, capitano degli Azzurrini. Lo abbiamo intervistato

COMMENTI DEI LETTORI
  1. xnebiax 3 Luglio 2017, 11:55

    giusto per completare il quadro… questa è di qualche giorno fa:
    —-

    Vent’anni a novembre, dopo due anni in cui ha bruciato le tappe, Marco Riccioni lascia Calvisano per Treviso. Ecco alcuni suoi punti di vista in merito.

    Secondo anno di impegno ad alto livello, Eccellenza, Sei nazioni e mondiali U20. Che bilancio fai di quest’annata sportiva 2016/17 conclusasi con il tuo primo scudetto?
    Quest’anno è stato un coronamento di due anni di lavoro tra Nazionale e Calvisano… venivo da un anno difficile (finale persa e 11° posto al mondiale in Inghilterra) e avevo tanta voglia di rifarmi… ho trovato molta continuità in eccellenza e in nazionale e siamo arrivati a due risultati inportantissimi! Lo scudetto e l’ottavo posto al mandiale … di piu non avrei potuto chiedere!

    Trovi corretto che un diciottenne , come hai fatto tu, si sia formato in una società di eccellenza o riterresti più adatto che si confrontasse, solo con i coetanei, in un campionato U20?
    Secondo me andare in un club di Eccellenza a 18 anni è il massimo per un ragazzo perché ti mette a contatto con gente che ne ha tanta di esperienza e che può solo farti crescere … faccio l’esempio di Federico Consoli che si è allenato con noi per la parte finale del campionato e ha avuto una crescita esponenziale fin dalle prime settimane.

    Che sensazioni hai provato quando la “tua”mischia è riuscita a metter sotto Irlanda, Scozia, All Blacks e Galles?
    Essere superiori in mischia è sempre gratificante se poi succede contro i piu forti del mondo (AB) è ancora più bello . Comunque siamo sempre stati foduciosi del nostro lavoro in mischia e alla fine ha pagato.

    Quali sono i giovani piloni che ti hanno impressionato al Campionato mondiale e che non vorresti trovarti di fronte in una partita e quali caratteristiche tecniche invidi loro?
    Sicuramente il pilone destro degli all blacks è uno dei più forti in circolazione e forse contro di noi ha sofferto qualcosa in mischia ma in gioco aperto è veramente fortissimo e si ripropone sempre . Onestamente non ci sono piloni che non vorrei trovarmi davanti perché penso che tutte le sfide, sopratutto le piu difficili , servano a farti crescere e a farti capire a che punto sei.

    Quali sono i miglioramenti che ritieni determinanti per una tua ulteriore crescita tecnica?
    Sicuramente il fitness e il fisico per il livello che andrò ad affrontare sarà fondamentale ma anche migliorare skills e tecnica individuale sarà importantissimo.

    In questi due anni hai avuto a che fare con 5 allenatori, Brunello, Mor, Troncon, Orlandi e Aboud, indica di ognuno i pregi più importanti:
    Brunello: tranquillità e confidenza
    Mor: affidabile e disponibile
    Troncon: cinico e freddo nelle scelte
    Orlandi: ti da sicurezza e ti supporta nei momenti difficili degli allenamenti e partite
    Aboud: è stata l’arma in piu di quest’anno. con lui ci siamo sentiti piu sicuri dei nostri mezzi e ci ha fatto approcciare le partite in modo diverso

    Tu sei teramano ( nato a Pescara), ti ha pesato lasciare la città e le amicizie per dedicarti al rugby?
    Amo la mia città e le mie radici ma ognuno ha una strada da percorrere nella vita e se in più quella strada ti permette di fare qualcosa che hai sempre sognato non è poi così difficile allontanarsi, poi se hai persone come i miei famigliari e i miei amici che ti supportano è tutto molto più facile.

    Capitolo scuola. Che scuola frequenti e quali obbiettivi hai in proposito?
    Al momento sto finendo la maturità. Per i prossimi anni ancora devo decidere… sono indeciso tra fisioterapia e odontoiatria.

    Infine, Salvo Costanzo.
    Per me Salvo è stato come un fratello maggiore che ti tiene sotto l’ala protettrice… mi ha insegnato moltissimo anche perché da uno così puoi solo che imparare…. sognavo di farlo smettere con il decimo scudetto in tasca e così è stato ! Sono felicissimo per lui e per la sua famiglia che stanno affrontando una nuova avventura, sono sempre stati disponibilissimi e fantastici con me

  2. pipeto 3 Luglio 2017, 12:52

    Mai visto un pilone italiano così forte… alla sua età…

    • giomarch 3 Luglio 2017, 13:33

      Dovrei tornare indietro troppo con la memoria per tarti torto..
      Speriamo prosegua nel suo percorso di crescita..

      • ginomonza 3 Luglio 2017, 14:13

        Per lui tv e nazionale

        • giomarch 3 Luglio 2017, 16:21

          ..e speriamo tv come treviso..non robetta da isola dei famosi..
          scherzo, il ragazzo ha molta pressione, ma credo abbia le qualita’ per confermarsi anche ai livelli piu’ alti..
          Tutto passa dal terreno di gioco..

  3. Tia 3 Luglio 2017, 15:47

    Spero e credo che lo vedremo durante i test match di novembre. Se li meriterebbe…

    • balin 3 Luglio 2017, 17:39

      io non credo, non che non creda in lui, anzi, ma il pro12 a novembre sarà già un bel salto, meglio non mettere troppa pressione,
      spero proprio che stiano tutti bene e TV avrà sempre -anche durante le finestre della nazionale- una bella prima linea

      • kinky 3 Luglio 2017, 18:10

        Abbiamo bisogno di costruire e di farlo in fretta. Invece secondo me forzando un po’ la mano Riccioni ed altri (Trussardi) dovrebbero essere chiamati nella maggiore a Novembre. Anzi proprio perché sono test Match li aggregherei a Novembre per vedere come si comportano e come crescono, poi se meritano (e nel frattempo giocano altri due mesi) andranno a fare il 6nazioni o, con esito contrario, giocheranno nel proprio club. Ma a Novembre se non vengono chiamati è tempo perso.
        Perché dico Trussardi? Perché anche se ovviamente sarebbe fin troppo prematuro chiamarlo, bisogna capire se può già stare tra i grandi oppure no e quindi aspettare la sua crescita naturale perché i 4 mediani papabili di oggi purtroppo non danno garanzie importanti per il mondiale. Io aspetto e spero in Violi ma la stagione appena fatta è stata brutta, vediamo le prossime due.
        Perché dico Riccioni? Perché lui per me è già il terzo pilone dx più forte che abbiamo in Italia (dietro a Ferrari e Cittadini) e non chiamarlo sarebbe un controsenso totale….a Novembre punterei dritto su di lui e Ferrari.

        • Pumba 3 Luglio 2017, 18:33

          Su Riccioni sono d’accordo con quello che dici … su tutta la linea… su Trussardi aspetterei un attimo , secondo me dei giovani è il più pronto ma per quanto riguarda il salto tra i grandi aspetterei un attimo. Semmai se non trovasse spazio in Francia (spero per lui di sì…) lo porterei alle Zebre visto che a Treviso c’è già più concorrenza.

        • Tia 3 Luglio 2017, 19:19

          Ecco, d’accordo con te su quello che scrivi a proposito di Riccioni che secondo me è anche solido mentalmente. Per Trussardi trovo corretto il discorso di Pumba

  4. canistraccieoli 3 Luglio 2017, 21:00

    Ma scusate ,mi riallaccio a quanto gia’ detto su Steyn( ma per convocare Steyn in nazionale e farlo pure giocare in pro 12 , c’è un ragazzo italiano di 20 anni di 191 cm per 104 kg che si chiama Licata e che fa cose come queste, highlight U20 NZ- ITA minuto 1.25)…per convocare un giocatore ormai fuori condizione per il rugby totale come Cittadini, e che forse avra’ anche meno “voglia” punterei decisamente su un giovane esplosivo! Credo ci sia bisogno di velocita’ ed esplosivita’ in questa Italia. L’unico giocatore TOP che abbiamo almomento e’ Campagnaro….

    • kinky 3 Luglio 2017, 22:25

      Le Fiamme Oro con Licata, Bianchi e Amenta hanno un bel reparto in terza quest’anno!

  5. gioviale 4 Luglio 2017, 08:53

    I risultati senza dubbio contano, però dire che il 6 nazioni 2017 sia stato solo difficile mi pare riduttivo. Chi ha potuto vedere o rivedere il torneo dell’italia non ha potuto non notare combattività, doti, potenziale anzi poteri di un gruppo che regalerà soddisfazioni… laddove sapremo investire e coltivare.
    Una su tutte la partita con l’Irlanda di Prato. Certo non la migliore irlanda ma senza dubbio il risultato non fu sincero con quanto espresso in campo

  6. tunga 4 Luglio 2017, 08:58

    non solo…..con duca zitelli cornelli bergamin cristiano credo sia come assortimento e qualita la terza linea piu forte dell eccellenza

    • kinky 4 Luglio 2017, 09:26

      Si certo, ci mancherebbe…io parlavo di quelli che ritengo titolari.
      Poi che siano l’assortimento migliore ho i miei dubbi: ci sono Rovigo con Ferro, Ruffolo, Lubian, DeMarchi e Zanini e ancora meglio al Petrarca con Michieletto, Lamaro, Nostran, Conforti e Trotta.

  7. tunga 4 Luglio 2017, 21:11

    non condivido le tue decisioni hahahahaha

Lascia un commento

item-thumbnail

Brunello: “Coi giovani c’è un problema di transizione. La Nazionale maggiore? Tifo per i tecnici italiani”

Il capo allenatore dell'under 20 ha tracciato un bilancio della stagione alla Gazzetta dello Sport

item-thumbnail

Under20 Summer Series: Lorenzo Pani e Ross Vintcent nel XV ideale del torneo

La squadra migliore della manifestazione giovanile vede le maglie numero 6 e 15 sulle spalle di due azzurri. Ecco il team al completo

item-thumbnail

Italia Under 20, Massimo Brunello: “Questi ragazzi hanno un cuore enorme”

Il CT non ha nascosto le emozioni dopo un altro successo storico per la selezione azzurra

item-thumbnail

U20 Summer Series: l’Italia prende lo scalpo dell’Inghilterra, di nuovo

Azzurrini sopra anche di 16 punti, poi nel finale resistono alla rimonta inglese. Seconda vittoria consecutiva contro l'Inghilterra

item-thumbnail

Under 20 Summer Series: la diretta streaming di Italia-Inghilterra

Gli Azzurrini si giocano il terzo posto contro gli inglesi, in cerca di rivincita

item-thumbnail

Under 20 Summer Series: la formazione dell’Italia per la sfida contro l’Inghilterra

Gli azzurrini si giocano il terzo posto nella competizione. Calcio d'inizio alle ore 18 di martedì