Test Match: All Blacks a valanga. Samoa travolta 78-0

La prova generale in vista dei Lions si chiude con 12 mete. Bene il Galles con Tonga

Barrett all blacks

ph. Dylan Martinez/Action Images

La partita inizia con Samoa in attacco, ma le offensive isolane non riescono a produrre niente di rilevante in termini di punteggio. Gli All Blacks appaiono indisciplinati, anche se poco prima del quarto d’ora colpiscono gli avversari con la meta firmata da Lienert-Brown; il quale si dimostra abile a farsi trovare pronto su una percussione di Barrett (forse viziata da un precedente passaggio in-avanti) ed a schiacciare l’ovale sotto ai pali per il 7-0. I campioni del mondo però soffrono: due punizioni di Nikoro da distanza siderale finiscono corte di pochissimo e un’azione al largo di Leiataua non trova gloria per pochissimo.

 

Ma alla mezz’ora la squadra di Hansen riattacca la spina e in dieci minuti piazza tre realizzazioni pesanti. La prima porta la firma di Beauden Barrett: l’apertura concretizza un contrattacco profondo dei compagni. Kaino placca Fonotia nei propri ventidue metri, l’ovale esplode nelle mani dell’isolano con Ben Smith che si mostra lesto nella raccolta trasmettendolo immediatamente a Ben Smith. Offload per Sonny Bill Williams e altro passaggio per il numero dieci neozelandese, che saggiamente stoppa il pallone con un piede e lo calcia nelle praterie sguarnite della difesa samoana. Raccolta e meta. E’ il 14-0 che spacca il match. Nei successivi cinque minuti infatti arrivano le segnature di Ardie Savea e Sonny Bill Williams che sfruttano i restart da due piattaforme in mischia chiusa andando a concludere il lavoro di Lienert-Brown e Barrett per finire le loro corse in mezzo ai pali. All’intervallo si va quindi sul 28-0 per gli All Blacks

 

 

La ripresa si apre subito con la meta alla bandierina di Israel Dagg, ispirata nuovamente da un propositivo Lienert-Brown. Barrett converte ancora. Al cinquantaduesimo, dopo una prima girandola di cambi, arriva la sesta realizzazione dei padroni di casa: l’ovale giunge al largo dopo un lungo multifase abrasivo degli All Blacks, Julian Savea è al posto giusto nel momento giusto andando oltre. Barrett sbaglia la prima conversione. Si va sul 40-0. Samoa è inerme. Anche Codie Taylor, pescato da uno slalomeggiante Ben Smith, si iscrive sul tabellino della gara.

 

Chi subentra dalla panchina neozelandese vuole fare bene, come TJ Perenara che innesca l’azione conclusa da Beauden Barrett nella sua seconda meta personale di serata. All’ora di gioco e’ 54-0. Ma non finisce qui: pochi minuti dopo infatti è il turno dell’esordiente Vaea Fifita di andare in meta, con Lima Sopoaga precisissimo nell’addizionare due punti. A dieci minuti dalla fine TJ Perenara sale in cattedra: prima firma la decima marcatura di serata dei “Tuttineri”, andando a battere tutte le larghe maglie della difesa rivale, poi con un calcetto splendido imbecca l’accorrente Ardie Savea che cattura l’ovale e va a schiacciare vicino alla bandierina. Sopoaga fa 73-0. Nel finale, poi, c’è ancora tempo per la firme pesante di Sam Cane, mentre a Sopoaga viene annullata meta conclusiva per un in-avanti nel principio dell’azione. Si chiude 78-0.

 

 

Nell’altra sfida in programma in questo Pasifika Challenge 2017, il Galles ha battuto per 24-6 Tonga. Per i Dragoni, che hanno chiuso il primo tempo in vantaggio 8-3, decisiva la meta di Alex Cuthbert e le trasformazioni al piede di Sam Davies, autore di 14 punti, oltre alla meta tecnica che ha chiuso il match all’ottantesimo. Isolani a segno solo con le punizioni di Sonatane Takulua.

 

 

Nuova Zelanda: 15 Ben Smith (c), 14 Israel Dagg, 13 Anton Lienert-Brown, 12 Sonny Bill Williams, 11 Julian Savea, 10 Beauden Barrett, 9 Aaron Smith, 8 Ardie Savea, 7 Sam Cane, 6 Jerome Kaino, 5 Samuel Whitelock, 4 Brodie Retallick, 3 Owen Franks, 2 Codie Taylor, 1 Joe Moody
A disposizione: 16 Nathan Harris, 17 Wyatt Crockett, 18 Charlie Faumuina, 19 Scott Barrett, 20 Vaea Fifita, 21 TJ Perenara, 22 Lima Sopoaga, 23 Jordie Barrett

Marcatori All Blacks
Mete: Anton Lienert-Brown (12), Beauden Barrett (30, 58), Ardie Savea (34, 76), Sonny Bill Williams (39), Israel Dagg (42), Julian Savea (52), Codie Taylor (56), Vaea Fifita (61), TJ Perenara (71), Sam Cane (79)
Conversioni: Beauden Barrett (13, 31, 35, 40, 43, 57, 60), Lima Sopoaga (62,77)
Punizioni:

 

Samoa: 15 Ah See Tuala, 14 Albert Nikoro, 13 Kieron Fonotia, 12 Alapati Leiua, 11 Tim Nanai-Williams, 10 Tusiata Pisi, 9 Kahn Fotuali’i, 8 Faifili Levave, 7 Jack Lam, 6 Piula Faasalele, 5 Faatiga Lemalu, 4 Chris Vui, 3 Census Johnston, 2 Maatulimanu Leiataua, 1 Viliamu Afatia
A disposizione: 16 Seilala Lam, 17 Nephi Leatigaga, 18 Paul Alo-Emile, 19 Taiasina Tuifua, 20 Alafoti Faosiliva, 21 Auvasa Falealii, 22 D’Angelo Leuila, 23 Ken Pisi

 

Marcatori Samoa
Mete:
Conversioni:
Punizioni:

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Arbitri: Clara Munarini dirigerà l’Italia A. Piardi, Gnecchi e Vedovelli in Champions e Challenge

Per i fischietti italiani sarà un fine settimana importantissimo

19 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Gregor Townsend potrebbe lasciare la Scozia

Il capo allenatore della Nazionale scozzese potrebbe accasarsi alla corte di Fabien Galthié

10 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Inghilterra: Borthwick e un “sondaggio a tre” per il ruolo da capitano

Il ct inglese dovrà scegliere il suo leader in vista del 2023: continuità o rivoluzione?

item-thumbnail

Sudafrica e Argentina si sfideranno in un test di preparazione alla RWC

Al termine del Rugby Championship un test in casa dei Pumas per lanciare il mondiale

item-thumbnail

Inghilterra, inizia la rivoluzione Borthwick: via tre membri dello staff

Il nuovo capo allenatore della nazionale inglese ha messo subito in chiaro le cose

item-thumbnail

Warren Gatland mette mano allo staff: Stephen Jones e Gethin Jenkins sono out

Sullo sfondo vi sono i nomi di Rob Howley e Paul Gustard

30 Dicembre 2022 6 Nazioni – Test match / Test Match