Sei Nazioni che verrà: Bill Beaumont dà un colpo al cerchio e uno alla botte

Oggi il nuovo presidente di World Rugby entra ufficialmente in carica. E sull’eventuale ingresso di Romania o Georgia dice che…

ph. Henry Browne/Action Images

ph. Henry Browne/Action Images

Primo luglio 2016: da oggi Bill Beaumont è ufficialmente il nuovo presidente di World Rugby. Eletto lo scorso maggio a Dublino, il dirigente inglese entra in queste ore ufficialmente in carica e per l’occasione rilascia una intervista a Midi Olympique dove affronta il tema della eventuale apertura del Sei Nazioni a squadre del tier two come Georgia e Romania, dibattito ovviamente molto caldo dalle nostre parti, visti i non esaltanti (eufemismo) risultati della nazionale azzurra degli ultimi anni.
Un tema di cui inevitabilmente si discuterà anche nei prossimi anni ma con una situazione geopolitica che è cambiata, perché è vero che Italia e Argentina hanno due voti e non più solo uno, ma al contempo un voto lo hanno conquistato anche USA, Giappone, Canada, Georgia, Romania e altre sei federazioni “minori” (virgolete non messe a caso…), una situazione che mette per la prima volta le Unions fondatrici di Ovalia in minoranza, anche se ancora dotate di fortissimo ascendente sul resto del movimento…

 

E cosa dice Beaumont del tema Sei Nazioni con un sistemea di promozione/relegation? Beh, la sua è una posizione un po’ più sfumata di quanto non si possa gradire a Roma e dintorni. Intendiamoci, non c’è una chiara apertura a questa opportunità, ma nemmeno un “no” secco. Ecco le sue parole:

Cambiare il torneo pone diversi problemi, per ragioni di calendario e di contratti televisivi che sono stati già firmati negli anni scorsi. Personalmente preferisco che in generale le nazionali della Tier 2 giochino partite di alto livello in generale e in questo senso c’è molto da fare. Tra l’altro non dimentico nemmeno le richieste di Fiji, Samoa e Tonga, che troppo spesso sono state tralasciate in passato.

Una risposta molto diplomatica, da politico navigato (quale è). Certo siamo sicuri che sia la FIR che le altre federazioni coinvolte avrebbero gradito una presa di posizione più netta, in un senso o nell’altro. Ognuno leggerà queste parole attraverso la lente più gradita. Ma una qualche decisione arriverà nel corso del suo mandato. Inevitabilmente.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Dal Sudafrica: “Gli Springboks entreranno di sicuro nel Sei Nazioni”

L'amministratore delegato degli Sharks non ha dubbi, e torna a parlare del sistema promozione-retrocessione citando l'Italia

24 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni under 20: la diretta streaming di Galles-Scozia

I padroni di casa possono superare gli Azzurrini, gli scozzesi vogliono evitare di finire a 0. Collegamento alle 20:45

13 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni under 20: la diretta streaming di Irlanda-Francia

Le due squadre si giocano il secondo posto nel Torneo. Collegamento alle 17:30

13 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: Italia coraggiosa ma l’Inghilterra passa 27-17

Dopo un primo tempo difficile gli azzurrini tengono duro e poi mettono sotto gli inglesi, che vengono fuori solo nel finale e vincono partita e Sei Na...

13 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia Under 20: la formazione per la gara con l’Inghilterra

Andreani guida una formazione che vede in mediana la coppia Garbisi-Ferrarin. Kick off previsto per domani alle ore 14.45

12 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: programma e dirette tv e streaming della quinta giornata

Il torneo si chiude martedì 13 luglio, con alcuni cambiamenti orari rispetto ai primi quattro turni

11 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni