La Giovine Italia torna dalle Americhe: per convincere c’è tempo, intanto…

Oltreoceano è stata gettata la base per il nuovo ciclo azzurro. E in questo momento non servivano sconfitte onorevoli

COMMENTI DEI LETTORI
  1. arali 27 Giugno 2016, 08:32

    Più che giusto, e comunque vincere in America con una squadra piena di giocatori nuovi, anche se sulla carta più forti degli avversari, era tutt’altro che scontato

  2. rugbymalato 27 Giugno 2016, 08:33

    Vero che il Canada fosse privo di giocatori importanti ma come non dire però che a noi mancavano: ghiraldini, parisse, minto, zanni, Biagi e morisi…

  3. campolegio 27 Giugno 2016, 08:38

    chissà se fosse successo in Italia di sbagliare cosi l’Inno Nazionale del Paese ospite.Già me li vedevo I circa 400 post del tipo:
    -siamo il solito paese di arruffoni
    -Gavazzi dimettiti
    -Italiani no buoni per rugby e per inni
    -chiudiamo subito tutte le accademie federali
    -quanto è costata la nuova sede Imperiale f.i.r. a Roma?
    -ma la Scozia cosa porta di preciso?
    Ma invece è successo in Canada, e allora dai ridiamoci sopra,si sa che I Canadesi sono dei zuzzurelloni e poi hanno le piante d’acero,pretenderemo mica che sappiano pure gli inni…

    • western-province 27 Giugno 2016, 09:05

      vai a sentirti l’inno di Mameli cantato in Giappone l’anno scorso

      • Hrothepert 27 Giugno 2016, 09:42

        Secondo me hanno sbagliato ad eseguire anche il loro di inno!!!

    • Giovanni 27 Giugno 2016, 10:47

      Veramente da noi successe di peggio: un famoso soprano italiano si dimenticò le parole del suo inno…

      • Skeggia9 27 Giugno 2016, 15:53

        In un Italia – Sud Africa è stato suonato per sbaglio l’inno pre mandela: quello dell’apartheid

  4. Stefo 27 Giugno 2016, 08:48

    Tour che e’ servito per conoscersi sul campo di allenamento e di gioco con il nuovo staff, che e’ servito a O’Shea per vedere alcuni giocatori che oggi rappresentano alternative ma domani potrebbero essere le prime scelte…niente di piu’ e niente di meno questo tour. E va bene cosi’ alla fin fine, le due vittorie che dovevano arrivare sono arrivate, non entusiasmanti, ma intanto son due vittorie.

    Leggevo ieri qualcuno rimpiangere gia’ Brunel come se O’Shea dovesse arrivare e con la bacchetta magica trasformare in un paio di settimane tutto…evidentemente quanto lavoro serve non e’ ben chiaro.

    • western-province 27 Giugno 2016, 09:06

      e che Brunel ha fatto bene fin dall’inizio (anzi no solo all’inizio)

      • Stefo 27 Giugno 2016, 09:11

        Il tour di Giugno 2012 fece gli stessi risultati: Sconfitta in Argentina vittorie con USA e Canada…giocarono meglio si ma avevano gia’ avuto un 6N col nuovo CT.

        • gianluca.pisanu 27 Giugno 2016, 09:21

          Con l’Argentina si perse malamente; ricordo ancora esultanza di Contepomi. Con USA e Canada le vittorie furono meno sofferte. Diciamo che i risultati, quindi, si somigliano.

        • western-province 27 Giugno 2016, 09:25

          la mia era solo una battuta e comunque mi riferivo al primo 6n di Brunel, che è stato uno dei 6n più entusiasmanti dell’Italia

          dopo questo tour sono contento per i risultati, per l’impegno e l’attenzione difensiva
          meno contento per i troppi falli stupidi e le innumerevoli lacune tecniche e tattiche che saranno veramente difficile da correggere (mi vengono in mente un calcio di palazzani da mischia calciato oltre la bandierina, la solita sofferenza sulle palle alte, le ali che non riescono a rimanere in campo se placcate vicino alla touche)

        • gianluca.pisanu 27 Giugno 2016, 09:26

          Con l’Argentina si perse malamente; ricordo ancora l’esultanza di Contepomi. Furono meno sofferte. Mi preoccupa solo non vedere una vittoria senza storie e senza sofferenza dell’Italia dalla RWC2011.

    • abelinatoarrogante 27 Giugno 2016, 15:04

      dai stefo, l’unica cosa che lo stivale continua a produrre a ritmi da primato sono gli imbecilli (me per primo), ma quei post di ieri che rimpiangevano JB erano chiaramente ironici, non esageriamo, anche alla stupidità esiste un limite 😉

  5. Jock 27 Giugno 2016, 08:53

    Giusto, quello che ho visto fare, nell’ ultima contro i Bokke, da una parte degli gli stessi Irlandesi, mentre i compagni cantavano “Ireland Call” (@Hro, anni fa, ricordo, ha saggiamente spiegato la differenza con “A Soldier Song”), inno abbastanza insulso, a mio parere, ma orecchiabile e concepito apposta per unire, quello che ho visto fare, dicevo, mi è parso grave e offensivo, e non è certo la prima volta. E Rory Best masticava la gomma. Molto meglio gli ingenui errori dei Canuck.

  6. crusaders 27 Giugno 2016, 09:33

    l’involuzione del nostro rugby mi ricorda quello dell’hockey su ghiaccio: andati via gli oriundi siamo diventati una squadretta. Francamente non ho speranza, mi vergogno a dirlo, ma cinque-sei e un paio di equiparati super non mi dispiacerebbero. Il rugby altrove progredisce a velocità doppia, la sola cosa che non capisco e se i georgiani sono geneticamente predisposti o cosa fanno meglio di noi?

    • maxon 27 Giugno 2016, 11:06

      in Georgia investono di più in giovanili ed è diventato sport nazionale… oltre al fatto che ci sono delle belle presenze nei maggiori campionati europei (vedi TOP14).

  7. Geddar 27 Giugno 2016, 09:57

    Ragazzi ok, bene la vittoria. Ma era il canada prima di quasi tutti i titolari. Calma.

    • Hrothepert 27 Giugno 2016, 10:23

      Si Geddar, hai ragione a dire calma e che il Canada mancasse di tanti titolari, ma anche l’ Italia non è che schierasse la possibile miglior squadra e forse nemmeno la seconda, ci vuole equilibrio sia a non eccedere in facili ed ingiustificate enfasi, ma nemmeno in critiche gratuitamente eccessive.

      • Stefo 27 Giugno 2016, 11:33

        Hro vero quello che dici pero’ nel caso del Canada l’Italia si suppone dovrebbe avere ben altra profondita’…al Canada una volta che hai tolto Hassler, DTH, Sinclair ed arbdron resta ben poco in termini di professionismo e l’Italia ieri in campo comunque aveva 19/23 giocatori gia’ in cL la scorsa stagione…questo per essere precisi ed onesti nell’analisi.

        Resta l’inizio di un progetto tecnico in cui inquadrare la cosa, ma sugli assenti non credo chwe si possa dire che l’Italia avesse da rimpaingere piu’ di una squadra che su 6-7 pro in Europa che ha gliene mancavano almeno 4.

        • Hrothepert 27 Giugno 2016, 11:45

          Stefo, tra l’ Italia e le altre che sono lì, subito dietro,, ormai la differenza la fanno proprio quei giocatori di punta che abbiamo nell’ elite, quale profondità vuoi che venga dal campionato di eccellenza?!?!
          E non è che se sei stato un anno in CL, magari giocando anche poco minutaggio, automaticamente, hai gia fatto il salto di qualità.

          • Stefo 27 Giugno 2016, 11:56

            Hro scusa ma: Cittadini, Lovotti, Geldenhuys. Fuser, Favaro, Van Consonant, Gori, Allan, Venditti, EspsoitoBoni, Campagnaro non mi sembrano eprsone che siano un annetto o con poco minutaggio in Pro 12…e neanche i D’Apice, sarto, Palazzani, Canna e Bisegni!
            Odiete verra’ dall’Eccellenza ma prima si e’ fatto quasi 2000 minuti di Pro 12 in 3 stagioni!

            Dire che non e’ che ci sia sta gran profondita’ in piu’ rispetto ad un Canada che conta 6-7 atleti in Europa ed il resto a casa in canada o al massimo ora nel Pro Usa forse dopo 6 stagioni di CL beh significa che o si sta grattando il fondo del barile delle scuse o forse sta CL sta gran profondita’ in piu’ non te la da!

          • Geddar 27 Giugno 2016, 12:41

            Stefo lasciali stare. Il salame fa male sugli occhi 😀
            Comunque, quanti nel professionismo dei loro c erano? 2?

          • Hrothepert 27 Giugno 2016, 12:51

            E dai con questi attacchi alla CL!!
            A parte che anche le nostre franchigie andrebbero organizzate in maniera da lavorare come quelle dei nostri competitors, ma sarà anche che in CL dovrebbe arrivare del materiale di un certo livello su cui lavorare? A te pare che la “filiera” formativa italiana abbia la capacità di fornire basi adeguate su cui lavorare?
            Viva l’ Italia dei formatori e tecnici sprovveduti ed autoreferenziali, dei Clubs da operetta e “carboneria” e dei campionati da scapoli ed ammogliati e poi la colpa la date alla CL???
            Stefo, ti prego, perdonami, ma ci vuole della…fantasia!!!

          • Stefo 27 Giugno 2016, 12:58

            Eh no hro, scusami sai ma non rigirarla perche’ sei tu che hai inventato che c’erano giocatori senza esperienza CL in campo…non io!

          • Stefo 27 Giugno 2016, 13:01

            Il discorso che io ho fatto era che la scusa delle assenze non poteva valere quando si affronta un avverario che su 6-7 pro veri ne ha 4 fuori, e tu hai parlato di gente che da poco in Pro 12 che quindi non conta.

          • Geddar 27 Giugno 2016, 13:32

            Hrot, questi giocano nel campionato domestico canadese? Solo per curiosità:
            Lovotti*
            Cittadini *
            Gega*
            Fuser*
            Vs
            Geldenhuys*
            Gori*
            Allan*
            Campagnaro*
            Gori*
            Canna*
            Boni
            Venditti
            Odiete*

            Quelli con l asterisco hanno giocato anche il sei nazioni e/o il mondiale.

            Quindi, o sono forti i loro canadesi domestic, oppure sono scarsi i nostri. A te la scelta.

            Se poi vincere di 2 contro il canada ti fa felice ok, ma sii obiettivo. Poi sentire O shea che spara grosso dicendo che uno può diventare tra i migliori d Europa… Non mi pare una nonchalanche irlandese. Almeno , così passa per poco credibile… O meglio chi gli ha passato il comunicato stampa.

          • Geddar 27 Giugno 2016, 13:33

            Ps anche Romano gioco ‘ bene con il canada. O anche bocchino.

          • Hrothepert 27 Giugno 2016, 14:35

            E’ chiaro che vincere di 2 contro i canadesi non mi fa felice, ci mancherebbe, ma si deve considerare tutto quando si vuole fare un’ analisi corretta, potresti anche farmi un elenco di quelli che non c’ erano, partendo da Parisse, Ghiraldini, Biagi, Furno, Sarto, Favaro, ecc., per cortesia? Perchè, se è vero che ai canadesi mancavano gran parte dei pochi pro che hanno, all’ Italia mancavano quasi tutti i giocatori di vero livello internazionale che ha ed in qualche caso anche le seconde scelte; lungi da me voler essere ottimista dopo questo tour, ma mi piacerebbe che vedere che si analizza la reltà delle cose prendendo in considerazione tutte le componenti che determinano un certo tipo di risultati e prestazioni; poi che il movimento rugbystico italiano sia povero nello sfornare giocatori di alto livello non è una novità, ma la colpa allora di chi sarebbe, soltanto di chi si ritrova a dover far fare il salto di qualità a dei giocatori che gli arrivano con una formazione inadeguata ed un’ attitudine largamente insufficiente a giocare un Rugby di una certa qualità, figlia di un campionato ridicolo, difeso irriducibilmente da un gruppo di miopi ed arroganti clubs, convinti che l’ importante sia avere il loro giochino, con cui trastullare le loro megalomani ambizioni e quelle dei loro “ingenui” supporters, o di questi ultimi e di chi, colpevolissimamente, si ritiene in grado di poter insegnare questa disciplina sportiva, senza avere nè le cognizioni, nè le qualità, in un delirio di megalomane autoreferenzialismo?

          • Stefo 27 Giugno 2016, 15:01

            Hro isnistere sugli assenti (Favaro c’era ma immagino sia un lapsus) quando affronti il Canada privo di gran parte di quel poco che ha e’ ridicolo, punto!

            Il resto, gli insulti ai club compresi mi interessano zero!

          • Hrothepert 27 Giugno 2016, 15:21

            Stefo non sono insulti, è fotografare la realtà di chi si ostina a tenere in ostaggio un movimento, tarpandone le ali, per meri interessi particolari.

          • Stefo 27 Giugno 2016, 15:27

            Mah non condivido che sia cosi’ tutti i casi, penso ci siano club che fanno un ottimo alvoro ed andrebbero aiutati e premiati invece che sputacchiati in faccia…

  8. berton gianni 27 Giugno 2016, 10:03

    Mi accontento. Eccome.
    Penso positivo, se no si resta sempre li, a masticar letame.
    Adesso non c’e’ un coach, solo e romingo, ma un qualcosa che punta ad essere una struttura, formata da persone di spessore.
    Bene questa trasferta. Sia le luci che le ombre.
    Mi piace ritenere le nostre varie lacune, tecniche, tattiche, strategiche, ben fotografate da quel fantozziano viaggio di trenta ore.
    Ecco, chissa’ che questo “doloroso” viaggio, segni l’uscita da un rugby italico fatto d’improvvisazioni e mediocrita’.
    E, alla luce di tutto cio’, grande la vittoria dell’Under 20.
    Unico punto dolente, che mi procura improvvisi attacchi di diarrea, e’ il pensiero di avere, a Treviso, la coppia Bobo Gori – Renata…

    • mamo 27 Giugno 2016, 10:58

      Buondì presidente,
      se Tebaldi non dovesse trovare spazio (e dico Tebaldi che non è un campione) e non lo dovesse trovare neppure McKinley vorrà semplicemente dire che Crowlewy è un pavido. A me pare non lo sia, spero tanto che non lo sia, guai se lo è.

      • berton gianni 27 Giugno 2016, 11:10

        Ciao Mamo.
        Il campo sara’ il giudice supremo.
        Finora il suo responso è stato parecchio negativo.
        Cmq, il tuo concetto non fa venire meno la necessita’ di dotarmi di una buona scorta di Imodium…

    • xnebiax 27 Giugno 2016, 14:39

      Gianni, a Treviso oltre a Gori e Tebaldi c’è anche Bronzini che potrebbe imparare velocemente a giocare al livello del Pro12, o almeno, io ci spero.
      Non sono tre campioni, e almeno dovrebbe esserci competizione. Devo dire la verità, penso che Chris Emoticon non fosse per niente male, ma non è stato sfruttato e non si è adattato al gioco europeo.

      • berton gianni 27 Giugno 2016, 15:05

        Concordo, Nebia.
        Infatti, spero proprio che Sbronzy sia capace di eguagliare il record ottenuto da Sespusso due anni fa !!

      • mamo 27 Giugno 2016, 16:20

        Non so di dove tu sia Xnebiax ma ti immagino lombardo quindi, forse, puoi soddisfare la mia curiosità: Bronzini ha sempre giocato mm, intendo dire non è che prima fosse un m.a. o 15 ? Lo chiedo perché, pur avendolo visto molto poco, mi ricorda uno tipo Palazzani e cioè un giocatore, certamente talentuoso (al pari di Gori) ma molto poco mm.
        Sono lustri, ormai, che si opta per giocatori riadattati a mediani di mischia perché non sufficientemente performanti in altri ruoli.
        Secondo me stiamo continuando a sbagliare e di grosso.
        Il mm è un ruolo che ha le sue peculiarità e caratteristiche che non tutti riescono ad assecondare. Non è un “contenitore” per giocatori riciclati.
        Questa è la mia opinione.

        • mamo 27 Giugno 2016, 16:22

          p.s. pronto non solo a ricredermi ma a spelarmi le mani per gli applausi , sia chiaro.

  9. Giorgio Brera 27 Giugno 2016, 10:03

    Ieri sera, dopo la partita col Canada, mi son rivisto quella con gli USA. Bhe, dai, molto meglio. Ieri in effetti eravamo molto più “sperimentali” e abbiamo fatto errori su errori. Con gli USA, pur facendo pochino in generale, eravamo molto più presenti in campo, qualche amnesia in meno e più sostanza. Devo dar ragione a chi, non ricordo, aveva detto che Gori con gli USA non era stato malaccio. Ha regalato solo una palla agli avversari con i suoi calcetti e in generale era più sul pezzo. E gli USA comunque mi son sembrati molto meglio del Canada affrontato ieri. Col Canada avevamo effettivamente una formazione un po’ approssimativa e bene ha fatto cumunque COS a provarli tutti.

    Da questo tour mi porto via l’idea che di più non si potesse fare. La prima partita conta poco, era la prima di COS e fine. La seconda l’abbiamo vinta pur non facendo nulla di eclatante ma sfruttando intellgentemente l’unica cosa che potevamo fare, cioè mandare Gega in meta da rolling maul. Col Canada dentro tutti e gran confusione, ma intanto COS ha visto all’opera un po’ di gente giovane in una situazione difficile, i famosi dieci minuti finali in gran parte senza Canna che pochi hanno visto in streaming 🙂

    Inoltre. MVP a Gega (in rappresentanza degli avanti tutti) per le tre mete da manuale. Canna si è preso due gialli, meglio se sta più attento. Gori DEVE smetterla di fare il vigile urbano. Campagnaro DEVE imparare a tenere la palla in mano, DEVE imparare a partire quando ha qualche compagno che lo segue. Ok, si può anche dire che è ora che i suoi compagni imparino a andargli dietro quando parte, tanto ormai lo sanno che parte. Le seconde linee devono crescere e parecchio. In prima linea a sinistra c’è da lavorare… Peccato per la botta che ci ha privato di Sarto per praticamente due partite. A proposito, come stà? Odiete mi è piaciuto per personalità e qualche buon tentativo palla in mano. Il famoso Sami Panico è davvero un bel manzo, peccato che appena entrato con gli USA abbia fatto un tenuto (punizione per loro) e abbia perso una palla grillotalpato dagli avversari. Lovotti bho, alterna cose buone, ma in chiusa andava davvero storto. Luke McL ha giocato benino con gli USA, ma mi è sembrato davvero lento nella corsa, sbaglio?

    In ogni caso, per dare a Cesare qual che è di Cesare, la cosa migliore che mi porto via da questo tour è capitan Gori che, pur essendo pratese, carica la truppa a suon di “palle, fioi, palle!” che è davvero un’altra cosa rispetto al “Dai, raga’!” di Buffon 🙂

  10. mauro 27 Giugno 2016, 10:10

    Alla fin fine il commento più giusto è quello di @Stefo. Sicuramente chi è più tifoso e, quindi, meno equilibrato vedrà un milione e mezzo di problemi, che ci sono. Io ho visto solo la partita di ieri e ho visto il gioco di Brunel nella squadra di O’Shea. Non è successo niente e niente poteva succedere, mancava il tempo e gli uomini.
    L’unica cosa che, purtroppo, mi vedo obbligato a riconoscere ai critici di sempre e l’involuzione tecnica che sta subendo Gori. Non fa mai la cosa giusta, ma soprattutto sono irritanti quelle ripartenze a fianco dei BD che mettono in difficoltà la linea dei trequarti e danno modo alla difesa di riposizionarsi. Tanto non ci crede più nessuno che attacchi la linea e se lo fa raro che riesca a passare. Ieri l’unico che, nel bene e nel male, ha guadagnato sistematicamente il vantaggio è stato Michelino tutto il resto è stato noia.
    Ora sotto con il duro lavoro autunnale, a novembre vedremo qualcosa di più del lavoro di COS, sperando che nel frattempo capisca che Goosen non è buono neanche per andare a ombre.

  11. Pif87 27 Giugno 2016, 10:40

    Ma davvero si pensava che si andava in America a dare 50 punti a tutte le squadre? Davvero davvero? Che in un mese O’S and company arrivavano e come per magia l’Italia guariva da tutti i suoi mali e le sue lacune? Quello che si doveva fare è stato fatto, vinte le partite che si dovevano vincere, e date le ultime prestazioni non era per nulla scontato, persa una con l’Argentina che, a mio giudizio, si sarebbe anche potuto portarla a casa…tra uncapped, giocatori convocati all’ultimo in sostituzione di infortunati, assenti, eccellenti, giovani ecc. abbiamo messo in campo una squadra parecchio sperimentale, con un allenatore arrivato da un mese/un mese e mezzo circa…direi che si è fatto il massimo col materiale a disposizione e che ogni giudizio debba essere sospeso, oppure non si caghi il c***o che in Italia non c’è cultura rugbistica se dopo un tour estivo si è già passati a dire “eh ma insomma, anche vincere così…”

  12. Giovanni 27 Giugno 2016, 10:57

    Le migliori frasi di O’Sho: “Non so perchè Guidi e Goosen non suggerito me di convocare questo Scipio. Meno male che mischia c@xxuta, perchè, quando trequarti provano a passarsi pallone, non ci si capisce un acca…demia”. 🙂

  13. jazztrain 27 Giugno 2016, 10:57

    GegaMeta!

    Tre mete complessive con la media di una media a partita, non male come tallonatore 🙂

    • boh 27 Giugno 2016, 11:22

      Per un rugbysta, una media a partita è un po pochino……Ah già dobbiamo rispettare gli standard del buon atleta…

      • ginomonza 27 Giugno 2016, 11:27

        Scherzi credo!

        • mamo 27 Giugno 2016, 11:39

          Ciao Gino, ci sono arrivato persino io !
          Mi sembra che boh abbia scherzato sull’errore di battitura di jazzarin “..con la media di una media ..”.

          • jazztrain 27 Giugno 2016, 11:44

            Media di una Meta a partita…

            GegaMeta(l)!

            😀

          • ginomonza 27 Giugno 2016, 11:45

            Non mi ero accorto ! 🙁

          • jazztrain 27 Giugno 2016, 12:20

            E’ stata una svista da parte mia….

            Intendevo proprio dire che ha la media di una meta a partita…

            Accade, nulla di male.

      • mamo 27 Giugno 2016, 11:58

        Secondo voi la Media di una Media è sotto la Media ?
        Sono serio.

        • gsp 27 Giugno 2016, 13:04

          dipende dalla mediana. E rido da solo.

        • ginomonza 27 Giugno 2016, 13:10

          Dipende dalla precisione delle misure 😉 🙂

        • western-province 27 Giugno 2016, 16:37

          bersi una media dopo una partita di rugby è utile a reintegrare i sali minerali persi durante lo sforzo fisico (quindi se fa caldo il numero deve necessariamente salire almeno a 2)
          se poi si vuole approfittare dei benefici effetti antidolorifici della bevanda il numero dovrebbe essere ancora maggiore

          questi erano i consigli del medico della squadra

    • Giovanni 27 Giugno 2016, 11:35

      Le migliori frasi di O’Sho: “Tallonatore che segna meta farsi perdonare per sue touche at dick of dog…”. 🙂

  14. zappinbo 27 Giugno 2016, 11:58

    cit:
    A Toronto c’era anche il presidente FIR Alfredo Gavazzi che ha così commentato:
    “Ho trovato un ambiente estremamente positivo, con tanti giovani che hanno portato entusiasmo. Avremmo potuto sicuramente vincere con un divario più ampio, abbiamo concretizzato poco e fatto qualche errore di troppo ma sono felice per il risultato”.

    • Giovanni 27 Giugno 2016, 12:12

      Le migliori frasi di O’Sho: “Presidente essere felice, io essere preoccupato, Catt essere nero…”. 🙂

    • zappinbo 27 Giugno 2016, 16:56

      neanche una piccola polemicuccia?

      una piccola ingiuria?

      una accusa-accusetta di opportunismo-opportunismuccio?

      Beh allora ditelo, tutti a votare Gavazzi a settembre, se vi sta bene..

      🙂

  15. Giorgio Brera 27 Giugno 2016, 12:07

    Qualcuno riesce a farmi un quadro dei nazionali infortunati e di come stanno? Comincio a perdere il conto…

  16. maxpellegrini 27 Giugno 2016, 12:17

    Parlate della Georgia come una nazionale meno forte di noi. ha vinto e convinto! E’ con loro che dovremmo vincere e convincere. ci lanciano sfide più o meno dirette e noi li evitiamo da anni, giocando con squadre, a parte l’argentina, di terza fascia e manco convinciamo. credo che questo gruppo migliorerà moltissimo e lo spero vivamente.

  17. Dagoberto 27 Giugno 2016, 12:19

    Io vedo molto positivito in questo 1° tour di O’Shea:
    – non si è scoperto con lo squadrone titolare e ciò, tatticamente, qualche punto interrogativo lo lascia agli avversari che incontrerà nei prossimi TM più importanti per il ranking e di preparazione del 6N (qual è la vera Italia?);
    – ha testato molti giocatori abitualmente non titolari e anche molti alla loro prima esperienza azzurra, allargando automaticamente la platea di riferimento del roster virtuale azzurro, introducendo concorrenza interna nei diversi spot;
    – ha fatto fare esperienza a basso costo (TM con più basso valore sportivo possibile) a giocatori ancora privi di curriculum internazionale;
    – contestualmente ha dato un segnale forte a tutto il movimento rispetto al fatto che indipendentemente dalla competizione nella quale un giocatore sia impiegato, se performante potrà essere convocato in azzurro, togliendo possibili barriere psicologiche demotivanti;
    – hanno perso una partita con una attuale top five nel ranking mondiale dimostrando comunque di essere in assoluta condizione di vincerla, anzi si può tranquilamente dire che non l’hanno vinta gli argentini, ma l’hanno persa gli italiani, anche con qualche scelta poco generosa degli ultimi minuti dell’arbitro;
    – hanno giocato le due ultime partite decisamente poco sciolti e condizionati dalla necessità di fare risultato, diciamo pure che non hanno brillato, anche in condizioni climatiche molto diverse dall’Argentina e poco confacenti al rugby, ma hanno vinto e le grandi squadre si distinguono per sapere vincere anche quando giocano male;
    – pur dimostrando di non sapere ancora chiudere adeguatamente le situazioni favorevoli che possono capitare in partita, con mete buttate al vento, per carenza di determinazione e convincimento, di pochi centimetri o calci piazzabili falliti, hanno portato a casa il risutato 2 su 3 e nella sfida persa sono rimasti attaccati alle caviglie dell’avversario fino alla fine; questo non lo si notava più da tempo nella nazionale azzurra!
    Io continuo a credere che sia stata una buona partenza di questa nuova gestione tecnica e se è vero che chi ben comincia è alla metà dell’opera … 🙂

  18. campolegio 27 Giugno 2016, 12:35

    quoto gran parte del tuo commento Dagoberto,ma non condivido il rigo nel quale parli di scelte poco generose da parte dell’arbitro.

    • Dagoberto 27 Giugno 2016, 15:02

      Nella mischia finale dopo un paio di reset già molto dubbi con mischia azzurra avanzante, alla 3° ha fischiato contro l’Italia senza che la situazione apparisse sostanzialmente diversa, a me è sembrato molto un modo elegante per mascherare la classica reverenza verso il padrone di casa; solo a casa nostra ciò non accade …

  19. gsp 27 Giugno 2016, 12:42

    Salvo il risultato, per il resto molto lavoro da fare come era giusto s’aspettasse.

    c’e’ stato cmq un impegno diverso dei giocatori rispetto a tour precedenti, dove davvero mancava la voglia.

    qualche progresso sui BD, ma da valutare contro avversari diversi.

    Primo tempo alla Brunel ieri, con molta voglia e tanto disordine. Il Canada era piu’ vulnerabile dritto per dritto, ma Gori continuava ad aprire fino a scivolare su Campagnaro e rischiare sempre. La volonta’ di giocare ed attaccare c’era anche con Brunel, a mancava il piano. Speriamo COS e Catt diano soprattutto quello.

    Urgente lavorare sulle palle alte, almeno c’e’ Catt che su quello puo’ aiutare. e se non lo sa fare che paghino un professionista del GAA e lo mettano a disposizione di Celtiche, nazionale ed accademie.

    • Giovanni 27 Giugno 2016, 12:52

      Le migliori frasi di O’Sho: “Io adesso invia curriculum per farmi prendere come assistente in GAA da amico italiano che vive a Dublino. Prima cambiare mio nome, perchè ormai tanti italiani vivere lì…”. 🙂

  20. Jager 27 Giugno 2016, 12:54

    Tour che andato come ci si poteva apettare , non è che COS ha la bacchetta magica . Credo che anche a novembre non vedremo qualcosa di molto diverso , un primo giudizio “vero” lo potremo forse iniziare a dare dopo il 6N. Detto questo il percorso è molto , molto lungo ( non credo che si possa esaurire in un quadriennio ) , serve un cambio radicale , soprattutto nella formazione ( qualcuno ha fatto notare la nostra mancanza di profondità ) . COS e il suo staff sono le persone giuste per draghettarci verso questo cambio , a patto che vengano lasciati lavorare ! Comunque ripeto strada lunga ed in salita

  21. Geddar 27 Giugno 2016, 13:38

    Per @stefo /Hrot: canada al mondiale:
    Evans; P.Mackenzie, Hearn, Braid, Van Der Merwe; Hirayama, J.Mckenzie; Ardron, Moonlight, Dala; Cudmore, Sinclair; Wooldridge, Barkwill, Buydens. A disposizione: Carpenter, Sears-Duru, Tiedemann, Olmestead, Gilmour, Mack, Trainor, Jones.

    Canada ieri:Canada: 15 Matt Evans, 14 Dan Moor, 13 Ciaran Hearn, 12 Nick Blevins, 11 Taylor Paris, 10 Pat Parfrey, 9 Gordon McRorie, 8 Aaron Carpenter, 7 Lucas Rumball, 6 Kyle Baillie, 5 Evan Olmstead, 4 Jamie Cudmore (c), 3 Jake Ilnicki, 2 Ray Barkwill, 1 Djustice Sears-Duru
    A disposizione: 16 Eric Howard, 17 Tom Dolezel, 18 Matt Tierney, 19 Paul Ciulini, 20 Matt Heaton, 21 Jamie Mackenzie, 22 Liam Underwood, 23 Brock Staller
    Marcatori Canada

    Io di loro giocatori del mondiale titolari ne conto 3. E di nostri? Quanti ne avevamo ieri?10?

    • ginomonza 27 Giugno 2016, 13:46

      Geddar sei una pelantega !

      • Geddar 27 Giugno 2016, 13:59

        Pongo solo davanti i fatti alle accuse ingiuste. Buona giornata e buon rugby

      • Stefo 27 Giugno 2016, 14:06

        @geddar, io quello che voglio dire e’ solo una cosa: non si parli di assenze quando si gioca col canada a cui mancano la maggior parte dei loro pochi pro.

        Poi per il resto sono della mia idea, tour che serviva per introdurre il nuovo staff e per introdurre a loro alcuni giocatori, han vinto quelle che dovevano, malino ma le han vinte…per il momento a posto cosi’, il tour ha un valore indicativo basso per me ma non per via di alibi senza senso.

        • Hrothepert 27 Giugno 2016, 14:42

          Guarda Stefo che io non cercavo alibi, è che non sopporto chi esalta gli alibi altrui, senza mettere sulla bilancia anche i nostri, soltanto per buttarla sempre in una voluta polemica.
          A costo di essere ripetitivo, ma io continuo a sostenere che il problema dell’ alto livello italiano è figlio del fatto che la formazione e la preparazione siano sbagliate dal minyRugby in su e poi quando sei lì devi fare con ciò che hai tra le mani.

          • Stefo 27 Giugno 2016, 14:58

            Che il problema del rugby italiano sia quello insieme ad il reclutamento troppo piccolo non ci piove…e non lo si risolve non investendoci come avviene da decenni.

          • Hrothepert 27 Giugno 2016, 15:25

            Hai ragione, ma, ripeto, allora le colpe stanno nella partecipazione alla CL (che pure ne ha per come è stata organizzata fin qui)?

          • Stefo 27 Giugno 2016, 15:32

            Le colpe son che son piu’ di due decnni che le politiche son solo di “alto livello” e tutti i soldi van su quello, le colpe sono che la base e come ci si lavora viene sistematicamente ignorata, le colpe sono che stai facendo un all in tra cl ed accademie che se non va sei nella merda e questo mentre altrove fatto quell’errore stan ritornando sui loro apssi e ridando valore al moviemento dei club ed alla base, le colpe sono pensare che si fosse comuqnue come movimento pronti a quel salto invece che preoccuparso di creare i presupposti per quel modello che oggi come oggi continua a non essere sostenibile

    • Meridian 27 Giugno 2016, 16:19

      … l’unica certezza è che conti male, sono 8 e non 3…..

  22. giobart 27 Giugno 2016, 14:23

    Per il ranking e per il morale serve vincere, poco importa come, bravi ragazzi!

  23. Danthegun 27 Giugno 2016, 14:45

    E’ indubbio che i risultati non siano esaltanti anche se due vittorie (per molti tifosi scontate) sono meglio che due sconfitte.
    Non mi piace il gioco delle attenuanti perchè tutte le squadre possono avere scuse per non essere nel loro miglior stato di forma. La verità è che si gioca quel giorno lì ed è in quel momento che devi essere pronto a scendere in campo.
    Le dichiarazioni di O’Shea sono ovviamente di uno che ha preso in mano il giocattolo solo da poco quindi deve essere positivo e propositivo. Ora speriamo che il lavoro che imposterà ci porti a grandi risultati.
    Mi spiace che i test di novembre non siano dei più utili alla squadra. Al nostro stato attuale, incontrare SAF e NZ serve veramente a poco. Sarebbe forse stato più utile incontrare le pacifiche, il Giappone, Romania e Georgia o una rivincita con l’Argentina per avere partire più alla nostra portata, più avvincenti e magari portare a casa una qualche vittoria che per il morale e per il ranking non fanno mai male.
    Ho fiducia nel nostro ct che avrà sicuramente visto meglio di noi limiti e potenzialità della nostra squadra.

    • Hrothepert 27 Giugno 2016, 14:54

      I test match novembrini, purtroppo, ormai sono solo figli del…business!!!

  24. fracassosandona 27 Giugno 2016, 15:23

    è ora di presentare l’organigramma – programma di governo 2016-2017 per la coalizione R&L R&T and friends…

    Responsabile commenti alto livello: @malpensante per un innalzamento qualitativo del dibattito sugli articoli…
    Ministro per la valorizzazione delle nazionali Tier 2: @jazztrain, che si trasferirà in Transnistria per raggiungere agevolmente Russia Georgia e Romania e poterci aggiornare non solo sulle nazionali ma anche sui loro campionati (altro che aggiornamento settimanale dell’US rugby pro!)…
    Responsabile settore arbitrale: @mauro per comprovata esperienza nella valorizzazione del ruolo del 31° uomo in campo…
    Rapporti con il Board Celtico – 6Nations: @Jock coordinerà da Venezia il tavolo degli esuli o aspiranti tali (@stefo, @Mr Ian, @Hrot, @Hullala, @gsp, @Mistral) così risparmiamo pure sulle spese di trasferta, manderemo di volta in volta quello più vicino…
    Rianimazione del rugby meridionale affidato alla sagace competenza di @giovanni…
    @GianniBerton: delega allo sviluppo del rugby femminile…
    pastpastpresident @rabbidaniel consigliere delegato per worldrugby, @mezeena10 per gli scambi con le accademie neozelandesi…
    Delega alla celebrazione del bel rugby del tempo che fu, quanno i giocatori se parlaveno in dialetto: @VCN
    Presidenza del Consorzio per la Tutela della Estrema Suscettibilità del Tifoso Rossoblu: @Steve
    Per il settore tecnico giovanile avevo pensato al tandem @kinky – @6nazioni, se questi però vuole rimanere accanto al tetro guelfo si avrà un responsabile unico…
    Ad O’Shea verranno affiancati @Ambi come responsabile degli avanti e @ermy per i trequarti…
    Verranno abolite tutte le accademie ad eccezione di quella di Parma e di Mogliano, entrambe di livello nazionale…
    le due accademie, integrate dai giocatori non impiegati in pro12 di Zebre e Leoni, parteciperanno alla nuova eccellenza, denominata banalmente serie A, a 12 squadre, a cui parteciperanno le attuali eccellenti con l’obbligo di schierare 3 U20 per almeno 40 minuti a partita pena sconfitta a tavolino… Due retrocessioni e nessun premio in danaro, contributo eguale per tutti di 100.000 euro a copertura delle spese…
    Sistema di “caratura” dei giocatori, in modo che da ciascuna convocazione in qualsiasi nazionale o passaggio a campionati professionistici europei, abbiano a beneficiarne economicamente e proporzionalmente all’apporto tutte le società che hanno contribuito a formarlo dall’U6 all’U20…
    abolizione premio per la pesca di talenti equiparabili nell’emisfero sud…
    Ricchi premi e cotillons per le partecipanti e le meglio qualificate nel campionato nazionale u18 elite…
    Dogi in pro12 al posto di Treviso che torna a giocare i suoi derby in SerieA, i giocatori della franchigia territoriale dovranno aver militato in squadre afferenti il vecchio CIV…
    Negoziazione con EPRC per iscrivere la nazionale emergenti in Challenge sotto il nome di Lupi, con sede a Roma…
    Istituzione di una nazionale seven professionale finalizzata alla partecipazione alle olimpiadi di Tokio, venti giocatori a contratto e staff dedicato senza possibilità di tesseramento in serieA – Pro12…
    L’attuale serie A si chiamerà @Emy, come la nostra delegata a tale categoria, si svolgerà secondo l’attuale formula ma tutte e due le finaliste saranno promosse in A…
    Il dibattito è aperto per nuove idee, si valutano ulteriori candidature all’insegna di laicità e devoto anticlericalismo… 🙂

    • Stefo 27 Giugno 2016, 16:17

      Ma come agli arbitri eroi moderni non dai cordialita’ 🙂

    • xnebiax 27 Giugno 2016, 16:20

      Fracasso, mi sento decisamente trombato e dimenticato! Da tre anni sostengo la tua candidatura e nemmeno una delega per me.
      Vorrei inoltre sottolineare, con tutto il rispetto, che trovo la delega dell’attuale presidente Gianni Berton al rugby femminile sessista. Gianni Berton ha grandi qualità in quanto a nomenclatura, humor, denominazioni e altro. Penso che per il rugby femminile la delega debba essere data ad una donna, e se Emy è già impegnata con il la serie A (che da programma cambierà il nome in serie B), allora vada trovata un’altra delegata.
      Propongo inoltre per la nuova serie A a 12 squadre non solo due retrocessioni, ma dei play out tra le squadre che arrivano all’8°,9°,10° e 11° posto, con la 12a che invece retrocede automaticamente.
      Atei saluti, xnebiax.

      • fracassosandona 27 Giugno 2016, 17:21

        ciao xne…
        avevo pensato di sfruttare le tue competenze sul mercato tedesco che però è ancora rugbisticamente acerbo…
        dare il rugby femminile alle donne è troppo facile, come quanto le nominavano soltanto ministre della sanità o della pubblica istruzione…
        accolgo il tuo suggerimento sui play out in serie A, devi però farci capire se preferisci affiancare Berton nella gestione del rugby femminile o se preferisci occuparti della tutela dei giocatori italiani all’estero, in modo che non marciscano nelle varie A- League…

        • fracassosandona 27 Giugno 2016, 17:23

          per quanto sia da considerare la tua esperienza in materia di pronostici sportivi e superbru assortiti:

          @xnebiax alla sorveglianza sulle scommesse sportive…

          resto in attesa di qualcuno che metta a disposizione le proprie competenze per l’antidoping…

          • xnebiax 27 Giugno 2016, 17:39

            Per il mercato tedesco c’è sankt pauli che ne sa più di me, anche se commenta raramente. In quanto al rugby femminile penso ci siano persone più competenti di me da affiancare a GB.
            Mi accollo volentieri la sorveglianza alle scommesse (apro una poule OnRugby per il Rugby Championship?) e la tutela dei giocatori italiani all’estero, dove sarebbe interessante riuscire a monitorare anche i vari Leso, Duca, Scanferla, Polledri, Negri, Petillo, Buso, Trussardi, Pescetto e altri.

    • Giovanni 27 Giugno 2016, 16:44

      “Rianimazione del rugby meridionale affidato alla sagace competenza di @giovanni…”.
      Comincia ad inviarmi una dozzina di TIR pieni di bombole d’ossigeno…! 😀

    • San Isidro 27 Giugno 2016, 20:00

      Caro eretico del Piave, mi sa che dal Vaticano le dobbiamo rinfrescare un pò la memoria:
      – “coalizione R&L R&T and friends”??? Le ricordo che R&L e R&T sono due coalizioni separate e che NON VALE il voto disgiunto, pertanto o una coinfluisce nell’altra oppure correte separati, potete pure fare un unico blocco, ma dovete indicare UN SOLO candidato presidente!
      – @jazztrain è nostro! E’ il capolista degli Alfieri del Rugby all’interno della LOV!
      – @6nazioni NON SI TOCCA!
      – @mistral già dall’anno scorso ha esternato il suo appoggio politico alla LOV quindi lo tolga pure dal “tavolo degli esuli”…
      Per il resto, buona campagna elettorale!

      • Giovanni 27 Giugno 2016, 20:37

        Ormai sei solo contro tutti, San Isidro. Ritirati a vita privata e pubblica le tue memorie. 🙂

      • Camoto 27 Giugno 2016, 23:45

        Vabbe! @San se mi dai delega per portare il rugby nella città del baseball quest’ anno te l’appoggio, anche se dichiaratamente ateo.

        • San Isidro 28 Giugno 2016, 01:45

          A Camò, ma che ce frega che sei ateo, purtroppo la maggior parte degli utenti del blog ha sempre confuso la LOV con un movimento religioso e teologico, noi siamo una lista del Vaticano che ama il rugby e vuole diffonderlo su tutto il territorio nazionale, in primis su Roma e provincia, quindi sei il benvenuto!
          https://youtu.be/-kmFdD8Hhx8

        • Stefo 28 Giugno 2016, 17:21

          Non ci cascare Caoto guarda che ti chiede certificato di battesimo, comunione e staltra roba che non mi ricordo come si chiama

    • mezeena10 28 Giugno 2016, 08:19

      Te l’appoggio fracasso!!! 🙂

    • 6nazioni 29 Giugno 2016, 19:16

      @fracassosandona ti ringrazio x il prestigio incarico ma non posso tradire
      il grande SANISIDRO.
      Comunque anche kinky e’ molto preparato.
      vota LOV lista MOLINOS

  25. Hrothepert 27 Giugno 2016, 15:33

    Io ci sto, anche se, ti avverto, la mia mentalità “militare” mi rende poco adatto a compiti diplomatici e che stavolta ho giurato a me stesso che non indosserò mai più il kilt, se gli scots non si affrancheranno dal mortale abbraccio che li lega ai….sassenachs!!!

  26. xnebiax 27 Giugno 2016, 16:37

    Personalmente trovo il tour delle Americhe non molto positivo. Ben vengano le vittorie, ma abbiamo visto nella prima partita contro l’Argentina che l’Italia può giocare molto meglio di quanto non abbia giocato con Ynakees e Kanuks.
    E sono proprio le brutte prestazioni di ragazzi come Gori e Campagnaro, oltre ad una generale bassa qualità e bruttezza del gioco che mi lasciano insoddisfatto.
    Il lavoro per O’Shea e Catt è tanto e dovrà essere duraturo. Bene che abbia visto l’Italia giocare male in modo da capire con cosa ha a che fare.
    L’ampliamento della rosa dei papabili per la nazionale è sicuramente positiva, soprattutto giocatori come Panico, Odiete, Negri e Castello ora hanno sicuramente un’idea più concreta su quali aspetti del loro gioco debbano migliorare per guadagnarsi ulteriori cap.
    Però il fatto che la squadra fatichi tantissimo ad organizzare e creare gioco è triste: dopo tanti tanti anni siamo sempre a questi problemi. Eppure abbiamo un paio di aperture discrete ora.
    Ora spero di vedere il così tanto annunciato lavoro coordinato tra squadre e nazionale. Possibilmente con COS a giro ad osservare e Catt a giro ad insegnare.
    Inoltre spero di vedere bel rugby da parte delle due squadre celtiche, con KC che deve far crescere Odiete, Sperandio e altri mentre coordina uno staff tutto nuovo tranne Goosen, sperando che ci sia un cambio nell’impostazione difensiva del Benetton.

  27. mauro 27 Giugno 2016, 16:40

    L’ho sempre detto che aprendo la porta si sarebbe respirato una ventata d’aria pura.
    Sempre detto che un uomo di legge è l’unica maniera per ripulire il sottobosco del rugby nazionale.
    Ho sempre pensato che dietro ogni grande uomo c’è una grande donna.
    Spero che nessuno rivendichi altre poltrone anche perchè con ‘sta infornata abbiamo esaurito il magazzino del mobilificio caramel.
    Mi dicono che Innocenti stia leggendo molto attentamente il programma allo scopo di integrare il suo in quello del candidato del Veneto Centro Orientale

  28. ginomonza 27 Giugno 2016, 18:43

    Vabbè pazienza cercherò un posto dal santo padre!

  29. kinky 27 Giugno 2016, 23:49
  30. tony 28 Giugno 2016, 08:26

    Non ho visto le ultime due partite per cui mi risulta difficile pronunciarmi….cosa direi benino il fatto che abbiamo vinto, bene che sia stata utilizzata la tournè per conoscere giocatori e ampliare la rosa, malino da quanto letto nelle cronache il gioco. Io credo che a parte seconde linee e ali/estremi dove siamo ai minimi, ci sia del materiale su cui lavorare, però il lavoro che spetta a O’Shea sia molto e che deve giocoforza essere coordinato con le franchigie dove stanno per la maggior parte di tempo i giocatori, io sarei già contento se qualche buon progresso si intravedesse già al prossimo sei nazioni, ma il lavoro da fare su giocatori e gioco per avvicinarci a chi ci sta davanti sarà lungo e impegnativo, di positivo c’è una nuova generazione di 22/24enni interessante , vediamo quanto progrediranno. Buon lavoro O’Shea , ma anche a Crowley e Guidi , se lavorerete bene ci saranno sicuramente dei progressi.

  31. jazztrain 28 Giugno 2016, 08:38

    Per sorridere un po’:

    Stamani, mentre mi trovavo in edicola, ho chiesto all’ edicolante se aveva visto la partita e cosa pensava della vittoria dell’Italia…

    Lui mi ha risposto che se l’Italia dovesse andare avanti il ministero avrebbe aumentato le tasse senza colpo ferire (il classico panem et circenses)…

    Gli rispondo subitaneamente anche se non avrei mai immaginato che le tre mete in rolling maul del tallonatore Ornel Gega segnate contro gli USA e il Canada avrebbero creato simile problema…

    Dopo un po’ mi accorgo dell’equivoco: l’edicolante non aveva visto via streaming il test match di rugby tra Canada e Italia e vinta dai nostri giocatori grazie alla meta in rolling maul (il carrettino) del nostro forte tallonatore.

    Che strano paese è l’Italia, troppo calciofilo per i miei gusti…

Lascia un commento

item-thumbnail

Sei Nazioni 2020, tre aspetti su cui giudicare l’Italia contro l’Inghilterra

Un tentativo di valutazione della performance azzurra al di là di quello che dirà il tabellone dello Stadio Olimpico

31 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Franco Smith: “Non ci deve mancare l’iniziativa. Dobbiamo giocare sui nostri punti di forza”

Il ct dell'Italia fa il punto della situazione alla viglia dell'ultimo match del Sei Nazioni pensando anche al futuro

30 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Italia – Inghilterra la formazione degli Azzurri

Un solo cambio e tante conferme nel XV scelto da Franco Smith per la sfida ai britannici

29 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sergio Parisse: “Un’altra volta in azzurro? Ho fiducia che avvenga”

L'avanti azzurro si augura di poter vestire un'ultima volta la maglia dell'Italrugby

28 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Abraham Steyn: “Contro l’Irlanda errori carissimi. Ora pensiamo all’Inghilterra”

Il terza linea azzurro è fiducioso che il lavoro fatto a livello fisico permetterà agli azzurri di crescere, evitando situazioni come quelle di Dublin...

28 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Marius Goosen: “Tante cose da migliorare. Non dobbiamo regalare punti e metterci sotto pressione da soli”

L'assistente allenatore di Franco Smith ha parlato in un incontro stampa virtuale

27 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale