Rugby e moviola: Haskell contro la slow motion sui maxi schermi

Il cartellino giallo rimediato contro l’Irlanda ha scatenato le critiche del terza linea inglese

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Una sanzione fin troppo dura, probabilmente anche influenzata dalla moviola. Dopo il cartellino giallo rimediato durante Inghilterra-Irlanda, per un placcaggio pericoloso ai danni di Conor Murray, James Haskell non è andato troppo per il sottile e ha riservato diverse critiche alla gestione del TMO e alla slow motion, accusata dal flanker di aver condizionato l’arbitro Romain Poite nel punirlo con un sin bin. “Non pensavo fosse da cartellino giallo – ha dichiarato il capitano dei Wasps in un’intervista a TalkingRugbyUnionRallentare i replay fa sembrare un placcaggio dieci volte più cattivo di quanto lo sia in realtà. Sono rimasto scioccato da quanto venisse rallentata l’azione”. Bene quindi controllare ma non sotto gli occhi di tutti: “Se gli arbitri hanno bisogno di riguardare l’azione va bene – ha continuato Haskell – ma bisogna farlo velocemente e lasciando fuori il pubblico. Lo slow motion è stato davvero dannoso e ha dato l’impressione sbagliata. Ben venga il TMO, ma proiettare le immagini sui maxi schermi rende il tutto un grande circo e questo non è costruttivo“, aggiungendo inoltre che l’arbitro dovrebbe ricontrollare le azioni su un monitor a bordo campo, come accade nel football americano.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni