London Scottish, si cambia: nuovo DOR e più coordinamento con la federazione

Inizia un nuovo percorso tra il club Exiles e la SRU. Il punto di arrivo è l’ingresso nel torneo celtico?

ph.  David Field/Action Images

ph. David Field/Action Images

I London Scottish hanno reso noto un nuovo programma di partnership avviato assieme alla federazione scozzese e denominato joint performance programme, il cui scopo è quello di fornire al club Exiles supporto tecnico e sportivo da parte della Scottish Rugby Union. Nello specifico, si tratta di un percorso di formazione rivolto a giocatori, allenatori e staff di supporto, e che verrà condotto presso le strutture del Richmond Athletic Ground, casa degli Scottish. A coordinare il tutto Sean Lineen, ex internazionale della Scozia e già head coach di Glasgow, che assumerà l’incarico part-time di Director of Rugby e che si coordinerà direttamente con coach Peter Richards per quel che riguarda l’organizzazione del lavoro in campo con lo staff, la preparazione in offseason e il mercato, con un occhio di riguardo per l’inserimento di giovani talenti scozzesi nel rugby professionistico, in cui rientra anche il Championship dove gli Scottish attualmente militano. Questa la notizia. Ma leggendo tra le righe, forse, c’è di più.

 

Come scrive The Rugby Paper, l’annuncio rivelerebbe in realtà l’intenzione della federazione scozzese di entrare in contatti sempre più stretti con il club londinese, e a confermarlo ci sono le parole del suo Chairman David Reid: “Il nostro rapporto con la SRU non è mai stato più forte di ora. Apprezzo davvero tanto la leadership e la vision della federazione nel condurre questa iniziativa, così come il supporto mostrato per il nostro club”. A fine dicembre, il presidente dei “cugini” Welsh Bleddyn Phillips aveva fatto sapere che le trattative per un ingresso delle Exiles nel Pro12 continuavano, tanto da aver incontrato i vertici della federazione inglese per discuterne. L’iniziativa scozzese, con il forte ingresso federale nella vita del club, è letta dal magazine inglese come la volontà nemmeno tanto velata di gettare le basi proprio per il definitivo ingresso nel torneo celtico.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

URC: la preview della finale Bulls-Glasgow Warriors

A Pretoria i sudafricani cercano il primo successo davanti a 50000 spettatori, gli scozzesi per sorprendere ancora

item-thumbnail

A Pretoria tutto esaurito per la finale di URC: le formazioni di Bulls e Glasgow Warriors

I sudafricani recuperano un tassello importante nel XV, Duncan Weir unico superstite del 2015 nelle fila scozzesi

item-thumbnail

URC, finale Bulls-Glasgow Warriors: ufficializzate data, orario e sede

Per la terza edizione consecutiva la sfida decisiva si terrà in Sudafrica

item-thumbnail

URC: in finale senza irlandesi, volano Bulls e Glasgow Warriors

Nulla da fare per Leinster e Munster, sconfitte nonostante degli avvii favorevoli: la cronaca e gli highlights delle due semifinali

item-thumbnail

URC: le formazioni delle due semifinali Bulls-Leinster e Munster-Glasgow

Due partite di altissimo livello e 4 XV con il meglio del rugby celtico e sudafricano

item-thumbnail

URC: annunciati il miglior giovane e la meta più bella della stagione

Altri due premi individuali nella settimana che porta verso le semifinali