2015, un anno mondiale: 12 cartoline per rivivere la Rugby World Cup

Trionfi di squadra e record personali, amicizie, abbracci e spettacolo. Cosa ci lascia l’evento che ha dominato l’anno ovale

BT3D9979 ©sebastiano pessina

Riflettori sul rugby
Il mondiale “più grande e più bello” inizia a Twickenham e finisce Twickenham dopo 48 match in 13 diversi stadi di 11 città. Numeri e visibilità sono da record: 2.474.584 spettatori allo stadio (il 98% dei biglietti disponibili), 120 milioni di telespettatori per la sola finale (ma anche 25 milioni nel paese del Sol Levante per la sfida Giappone-Samoa), un surplus economico di circa 80 milioni di sterline per World Rugby, 15 per la RFU, oltre a dati impressionati sul web e sui social media che lo hanno reso l’evento sportivo con il maggior social engagement di sempre. Insomma 48 giorni in cui i riflettori del mondo dello sport (e non solo) sono puntati sul rugby.

 

BT3D0865 ©sebastiano pessina

La Fiammata inaugurale del gigante
Il break di Nemani Nadolo, su cui nulla può Vuniploa (e di li a poco altri quattro suoi compagni) è senz’altro una delle più belle azioni che ci ha regalato il match inaugurale della RWC2015 tra Inghilterra e Fiji.

 

A19I1464 ©sebastiano pessina

Cuore Pumas
Un’immagine affettuosa di Juan Manuel Leguizamón con in braccio la figlia al termine del match di esordio dei Pumas contro gli All Blacks campioni del mondo in carica. Nonostante la sconfitta per 26 a 16, i giocatori argentini si sono trattenuti a lungo sul campo per autografi e selfie con i numerosi tifosi e parenti. Il grande cuore che contraddistingue i ragazzi di Hourcade, sia in campo sia fuori, li ha resi una delle squadre più amate dal pubblico della RWC.

 

AA2Y0788 ©sebastiano pessina

Testa-coda
24 settembre, The Stadium, Queen Elizabeth Olympic Park. Davanti a 51,820 spettatori gli All Blacks primi del ranking mondiale affrontano la Namibia ventesima in classifica. A separare le due formazioni all’ingresso in campo la Webb Ellis Cup. Una foto simbolo del mondo ovale dove il divario tra “primi e ultimi” si assottiglia sempre più: lo scarto medio delle partite è passato dai 30 punti dell’edizione 2011 a 22, così come si è ridotto da 37 a 31 il gap medio nelle sfide tra squadre Tier One e Tier Two.

 

BT3D5547 ©sebastiano pessina

Mauro Bergamasco come Brian Lima
Al 57’ minuto di Italia-Canada Mauro Bergamasco prende il posto di Vunisa diventando così il secondo giocatore nella storia ad essere sceso in campo in 5 diverse edizioni della Rugby World Cup.

 

12096379_829320230500107_7665762073863160862_n

Compagni Avversari
L’apertura gallese Dan Biggar (a sinistra) e il figiano Josh Matavesi (a destra), compagni di squadra negli Ospreys, escono dal campo abbracciati dopo essersi scambiati la maglia al termine di Galles-Fiji terminata 23-13 per i dragoni.

 

BT3D6186 ©sebastiano pessina

Scontro tra capitani
Il placcaggio di Mamuka “Gorgodzilla” Gorgodze ai danni di Richie McCaw durante All Blacks-Georgia. Nonostante la sconfitta per 43 a 10 sarà proprio il capitano georgiano ad essere eletto man of the match della partita.

 

AY8Q6584 ©sebastiano pessina

Fermatelo!
Con le sue 8 mete in 6 match Julian Savea è stato il miglior metaman del Torneo. C’è chi, quando ha eguagliato il record di Habana (2007) e Lomu (1999), lo ha addirittura accostato al grandissimo Jonah. Il paragone è senz’altro un po’ azzardato ma per cercare di fermarlo ci si è davvero aggrappati a qualsiasi cosa…

 

mzxOwOrpdLgbNqZdheLrqGKNcpr91cZpR456xmM8WXKWZWMmnxQESn7AbHm4fePdN

Storia di un’amicizia
L’amicizia nacque nelle giovanili quando furono compagni e avversari sul campo. Poi il loro percorso rugbistico prese strade differenti, arbitro l’uno, giocatore l’altro. Ma il legame è sempre rimasto. Quando, un paio di anni fa, gli venne diagnosticato un male incurabile Guy Grinham compilò una lista di desideri tra cui mise “vedere un match dei Wallabies alla RWC2015”. Adam Ashley-Cooper, con l’aiuto della Federazione australiana e di World rugby, ha fatto si che all’amico venisse assegnato un corporate box di Twickenham munito di attrezzature d’emergenza perché potesse assistere al match col Galles, decisivo per la vittoria nella pool A. Al fischio finale la corsa sugli spalti per “condividere la vittoria con lui. Era il minimo che potessi fare andare li e rappresentare il gruppo”. Purtroppo, per Guy quella è stata l’ultima vittoria.

 

tifosi inghilterra ©sebastiano pessina

Halloween o zombie
Vedendo la foto di questo papà inglese alla finale del 31 ottobre col figlio viene da chiedersi se fossero truccati così per la Halloween o se, viceversa, fossero dei veri zombie che vagavano per lo stadio dal giorno della sconfitta per 33 a 13 con l’Australia, che ha segnato l’eliminazione dal mondiale del quindici della rosa padrone di casa.

 

mccaw

Raddoppia e lascia
La finale di England 2015 ha rappresentato per molti giocatori neozelandesi la seconda vittoria iridata consecutiva, ma anche l’ultima partita con la maglia dei tutti neri. Conrad Smith, Tony Woodcock, Keven Mealamu, Ma’a Nonu (gli ultimi tre con oltre 100 caps!) ma soprattutto Dan Carter (1598 punti in 112 match) e capitan Richie McCaw (148 test con 131 vittorie) che di lì a qualche giorno avrebbe annunciato il suo addio al rugby giocato.

 

ma'anonu

Supereroe

Il nostro viaggio nell’ottava edizione della World Cup, che fino ad ora ha seguito un ordine cronologico, si conclude con flashback. Anzi con Flash, visto che la posa di Ma’a Nonu in questa foto ci ricorda tanto il supereroe con il potere di muoversi a velocità straordinaria sfidando le leggi della fisica. Un’immagine che racchiude tutta la spettacolarità, l’azione e  il dinamismo del rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: polverizzati i numeri delle precedenti edizioni

Pubblicato il report sull'impatto economico degli ultimi Mondiali. E le cifre sono da record

24 maggio 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Joubert e la fuga dopo Scozia-Australia: l’ho fatto per tutelare il contesto, non me stesso

Il fischietto sudafricano torna sulla controversa uscita dal campo al termine del quarto di finale iridato

15 aprile 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Matfield e la sconfitta col Giappone alla RWC: “La peggior settimana della vita”

Il veterano Springboks ripensa alla clamorosa sconfitta e a come il gruppo si è ripreso

29 dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: ecco i risultati (negativi) dell’anti doping

World Rugby ha reso noti i risultati dei 468 campioni analizzati

2 dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Post RWC 2015: Jonathan Kaplan mette dietro i pali i suoi colleghi fischietti

Uno dei più stimati arbitri di sempre analizza il torneo dal punto di vista di chi l'ha diretto. E le ombre superano le luci...

20 novembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

C’era una volta Ovalia: cronache da un paese in rapido cambiamento

Il Mondiale inglese sembra aver sancito la rottura degli equilibri tradizionali. L'Europa deve guardarsi le spalle?

16 novembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015