“La farsa italiana” e un dubbio: è meglio vincere in Challenge o perdere in Champions?

La stampa estera torna ad attaccare il posto garantito. E giocare la competizione minore ha più di un vantaggio…

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Un paio di settimane fa, alla vigilia dell’esordio della Benetton in Champions contro Munster, il Daily Mail pubblicava un articolo dal tiolo “La farsa italiana”. Il riferimento, manco a dirlo, era alla presenza italiana in Champions Cup, la massima competizione europea per club. “Abbiamo sentito dire tutta la settimana da Munster che rispettano Treviso, ma sarebbe un shock qualsiasi cosa diversa da vittoria agevole con bonus”.
Nulla di nuovo sotto il cielo, ogni anno un qualche articolo con argomentazioni simili da Oltremanica arriva sempre, ma la mano ci andava giù pesante: “La sensazione è che se la EPCR avesse fatto ciò che voleva, entrambe le squadre italiane sarebbero state relegate nei terreni della Challenge Cup“. La nostra presenza, per il collega Oltremanica, ha quasi influenzato gli equilibri dei Gironi: avere Treviso e Zebre come compagne di Pool ha spesso significato avere 10 punti assicurati o quasi. Andando a vedere come sono andate le cose, dall’edizione 2010/11 sei delle nove squadre che si sono qualificate ai quarti di finali come migliori seconde erano in girone con una delle due italiane. In due edizioni (2010/11 e 2012/13) le due migliori seconde sono uscite entrambe dal Girone con le italiane. Treviso è uscito malconcio dalla doppia difficile sconfitta contro Red Army e Tigers, e Planet Rugby ha in parte rincarato la dose: “Yet to win this season, with seven losses in the PRO12 and two in the Champions Cup. If this keeps up then director of rugby Marius Goosen and head coach Umberto Casellato might be looking for a new job”. Che non ha tanto bisogno di traduzioni.

 

Dall’altra parte ci sono invece le Zebre, che hanno iniziato la stagione in modo decisamente migliore e sono già alla terza vittoria,l’ultima delle quali contro Worcester in Challenge dopo essere uscite a testa alta nella sconfitta di Gloucester. Vittoria che è stata così salutata da Planet Rugby: “Big winners in the Challenge Cup over Worcester – Zebre have definitely started the season better than Treviso. 27-3 until the closing stages is noteworthy score, plus we’re big fans of fly-half Carlo Canna”.

 

Ma per tornare all’inizio, la domanda del Daily Mail è legittima? Alla luce dei risultati e soprattutto delle fredde statistiche, sì. Se per assurdo Treviso avesse disputato quest’anno la Challenge e, sempre per assurdo, affrontato e vinto contro una squadra alla portata come potrebbe essere Agen, certamente il possibile successo avrebbe aiutato ben più di quanto non abbia fatto una sconfitta contro i Tigers, in una partita certamente più “prestigiosa” ma oggi come oggi non alla portata. Le Zebre sono una squadra giovane e parecchio italiana, soprattutto in alcune posizioni fondamentali (mediana e prima linea) in cui a livello di Nazionale servono rispettivamente nuova linfa e ricambio. Alla luce di questa situazione, di quanto vincere aiuti a vincere e di quanto ai giovani futuri azzurri serva trovare confidenza con il successo, provocatoriamente potremmo affermare che è un bene che le Zebre affrontino in questa stagione la Challenge Cup. Confrontarsi sempre e comunque con i migliori è certamente stimolante ma, alla lunga, può risultare deleterio e mettere brutti tarli in testa. Del resto, se le italiane ottenessero sul campo la qualificazione in Champions, giocare una buona coppa non sarebbe automatico ma certamente più probabile, uscendo da una stagione precedente finita in posizione utile per la qualificazione.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Champions Cup e Challenge Cup: le date dei sorteggi e di tutta la stagione 2024/25

Confermato il format attuale, a breve saranno resi noti i gironi. Intanto sono stati definiti tutti i weekend di partite

12 Giugno 2024 Coppe Europee
item-thumbnail

Champions Cup: finale pazzesca a Londra! Tolosa stende il Leinster ai supplementari

Una partita meravigliosa al Tottenham Stadium. I francesi battono gli irlandesi 22-31 nell'extra time grazie alla meta di Lebel e ai calci di Kinghorn...

25 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: la preview della finale tra Leinster e Stade Toulousain

Le due squadre più vincenti d'Europa in campo a Londra alle ore 15.45 di sabato 25 maggio per l'atto conclusivo della competizione

25 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Mischia devastante, Gloucester demolito: la Challenge Cup è degli Sharks

Dopo i primi 15 minuti di sofferenza i sudafricani prendono in mano la partita e conquistano la Coppa: decisivi i punti al piede di Masuku e le mete d...

24 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

La preview della finale di Challenge Cup tra Gloucester e Sharks

I sudafricani per fare la storia, gli inglesi per tornare ad alti livelli dopo tante stagioni difficili: a Londra sarà una grande sfida

24 Maggio 2024 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

La formazione di Tolosa per la finale di Champions contro Leinster

Un XV stellare per la sfida di Londra. Kinghorn batte Ramos per la maglia numero 15, mediana classica Dupont-Ntamack

24 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup