RFU e le porte chiuse per chi gioca all’estero: non si cambia per 8 anni

Niente nazionale per chi sceglie di andare a giocare per club lontani dall’Inghilterra. Lo dice Midi Olympique

ph.Paul Harding/Action Images

ph.Paul Harding/Action Images

Tra i principali motivi che hanno portato alla precoce eliminazone dell’Inghilterra da molti addetti ai lavori è stata additata la restrittiva policy che riguarda i giocatori che militano in club stranieri: chi non gioca in Inghilterra non può ambire a vestire la maglia bianca con la rosa rossa sul petto. Una policy che ha portato all’esclusione di giocatori come Steffon Armitage e Nick Abendanon, che militano entrambi in Francia e che hanno vinto negli ultimi anni il titolo di miglior giocatore d’Europa, ma che l’Inghilterra – intesa come squadra – l’hanno vista solo in tv.

 

In molti pensavano che il tracollo della suadra allenata da Stuart Lancaster al Mondiale avrebbe spinto la RFU a rivedere la sua normativa, ma non sarà così. O almeno questo sotiene Midi Olympique, con il media francese che parla di una riunione tra federazione inglese e club della Premiership al termine della quale è stato comunicato che le porte della nazionale rimarranno chiuse per chi gioca all’estero per altri 8 anni, poi si vedrà. Viene ancora mantenuta aperta la scappatoia delle “circostanze eccezionali” grazie alle quali si potrà bypassare la policy.
Midol ha raccolto anche una dichiarazione di Mark McCafferty, boss della Premiership: “Tutti hanno dato il loro parere ma noi pensiamo che il nostro rugby ottenga grossi benefici da questa politica. Il nostro obiettivo è che i nostri migliori giocatori possano migliorarsi fino a raggiungere il loro massimo livello qui in patria”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Antoine Dupont il numero uno al mondo? Non per Wayne Smith

Il coach di lungo corso del rugby neozelandese ha espresso la sua preferenza su un mostro sacro degli All Blacks

item-thumbnail

Autumn Nations Series: il Giappone di Eddie Jones aggiunge una nuova sfida al tour europeo

I Brave Blossoms affronteranno un 2024 ricco di impegni stimolanti

item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni

item-thumbnail

All Blacks: Scott Robertson dovrà rinunciare al suo astro nascente in mediana

Il talentuoso Cameron Roigard era il maggior indiziato per la numero 9, ma è incappato in un brutto infortunio

item-thumbnail

L’Australia di Schmidt costruisce il suo staff pescando in Nuova Zelanda

Non solo Laurie Fisher al fianco del nuovo tecnico dei Wallabies: ci sarà anche Mike Cron, leggendario tecnico della mischia ordinata degli All Blacks...