Dopo Italia-Romania, Brunel: “Non c’è nulla da festeggiare”

Il ct non è soddisfatto di gara e Mondiale: “La Romania ha avuto più possesso di noi, non era quello che ci aspettavamo”

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Da Exeter arrivano le dichiarazioni a caldo dopo la vittoria degli azzurri sulla Romania per 32 a 22 che significa per la Banda Brunel terzo posto e pass per i Mondiali 2019. Il ct Jacques Brunel è però il primo a non stappare le bottiglie di champagne. Il comunicato FIR:

 

“L’obiettivo, l’ambizione per questa Rugby World Cup, era andare ai quarti di finale. Contro l’Irlanda ed oggi abbiamo dimostrato che sarebbe stato possibile, ma la realtà è che non ci siamo riusciti: non c’è nulla da festeggiare”.

Il CT Jacques Brunel non nasconde l’amarezza, sua e degli Azzurri, dopo la vittoria contro la Romania di questo pomeriggio ad Exeter che ha garantito all’Italia la qualificazione alla prossima rassegna iridata del 2019 in Giappone ma non ha evitato l’eliminazione da Inghilterra 2015.

“La Romania ha avuto molto più possesso di noi, che non siamo andati oltre il 38%. Non era quello che ci aspettavamo, avrei voluto da parte nostra un volume di gioco differente. Abbiamo sofferto un poco nel finale, ma già contro il Canada i rumeni avevano dimostrato di saper chiudere le partite con grande fiducia nel proprio gioco” ha aggiunto Brunel.

“Alla fine, con due vittorie ed una sconfitta contro l’Irlanda in cui abbiamo espresso un buon rugby, siamo arrivati non lontani dall’obiettivo che ci eravamo prefissati e lo abbiamo fatto nonostante i moltissimi infortuni che hanno caratterizzato questa campagna” ha proseguito il CT nel post-partita di Exeter.

“Il rammarico più grande di questa campagna – ha detto il tecnico – rimane la partita contro la Francia, dove non siamo mai stati realmente in partita. Nelle prossime settimane valuteremo come lavorare in vista dei prossimi impegni. Torniamo da questo Mondiale con un bagaglio di esperienza importante acquisito dai più giovani” ha concluso Brunel.

Anche Quintin Geldenhuys, capitano degli Azzurri, ha avuto parole di elogio per i giovani del gruppo alla prima esperienza mondiale: “Non parliamo dei singoli, ma della crescita di una generazione che potrà essere molto importante per questa Nazionale. E’ stato un anno difficile, abbiamo perso alcune partite che avremmo potuto vincere, ma questa squadra è una famiglia e continueremo a lavorare insieme per il futuro dell’Italia”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Azzurri a caccia dei cinque punti con la Namibia

Italia all'esordio mondiale contro la Namibia alle 7:15 del mattino a Higashiosaka, diretta televisiva su Rai2

21 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Italia, la formazione per l’esordio contro la Namibia

Conor O'Shea fa un po' di turnover e lascia in panchina Polledri e Minozzi. 17 su 23 saranno all'esordio in un Mondiale

20 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Luca Bigi: “Vogliamo imporre il nostro gioco”

Il tallonatore azzurro, probabile titolare con la Namibia, ha parlato della sfida che attende l'Italia

19 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, il pragmatismo di capitan Parisse: “Il nostro primo obiettivo si chiama Namibia”

A meno di una settimana dall'esordio iridato, il leader azzurro stringe il focus sui primi avversari da affrontare

16 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Italia, il punto della situazione da Sugadaira

Le parole di Minozzi, Ghiraldini (che sta recuperando) e Tebaldi, a nove giorni dall'esordio mondiale. Gli azzurri intanto si sono spostati a Osaka

14 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Nuovi dettagli sull’addio di O’Shea alla panchina dell’Italrugby

Dopo la notizia dell'avvicendamento tra il tecnico irlandese e Rob Howley emergono nuovi particolari

12 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale