Verso la RWC, Inghilterra: Stuart Lancaster non fa lo “sceriffo”

Il ct inglese non vuole imporre regole ferree ai suoi giocatori in vista della RWC, ma esige comunque disciplina

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Stuart Lancaster mette da subito le cose in chiaro, con autorevolezza ma non con autorità. I giocatori della nazionale inglese per la prossima Rugby World Cup non avranno alcuna limitazione o coprifuoco, a patto però che si dimostrino intelligenti e sappiano identificarsi come un modello di comportamento per tutta la gente che li sosterrà nel loro cammino iridato.
E’ questo quello che riporta il Telegraph in seguito ai polveroni che hanno minato la tranquillità del gruppo della Rosa nelle ultime settimane; con i casi di Tuilagi, Hartley e Cipriani a farla da padrone su tutti i giornali e i media.

 

“Ormai rischio di diventare ripetitivo. Ai giocatori non imporrò nulla di particolare, sappiano solo che se faranno qualcosa di sbagliato io e tutto il Paese ne saremo profondamente delusi”. Queste sono state le parole del ct, che nel frattempo ha dovuto risolvere pure la questione Strettle. L’ala infatti, dopo aver annunciato il suo abbandono ai Saracens ed al gruppo britannico per concentrarsi sulla prossima stagione di Top14, quando sarà nelle file del Clermont, è stata rimpiazzata da Semesa Rokoduguni del Bath. Con non pochi borbottii da parte degli addetti ai lavori che pretendevano qualche sanzione per questa condotta.
Niente di tutto questo, se non una comprensibile irritazione e la consapevolezza comunque di Lancaster che molti dei suoi giocatori lo stiano seguendo nelle sue idee e nei suoi principi di conduzione del gruppo.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Sam Cane: “Sento ancora lo shock dell’espulsione nella finale del Mondiale”

Per l'ex capitano degli All Blacks quell'episodio resterà un incubo a vita, come raccontato nella serie "All Blacks In Their Own Words"

5 Giugno 2024 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

La Rugby World Cup 2023 è stato l’evento di rugby più visto di sempre

I dati sui mercati emergenti confermano un trend positivo anche in Italia

30 Gennaio 2024 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Dan Biggar: “Fuggo a Dubai per stare lontano dal rugby. La sconfitta con l’Argentina? Scioccante”

Il mediano d'apertura gallese: "Non voglio saperne per un po'. Speravo che la mia carriera finisse in modo diverso"

4 Gennaio 2024 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Scozia, Finn Russell: “La delusione della Rugby World Cup è ancora tutta lì”

Il mediano di apertura ha confidato in una lunga intervista la sua frustrazione per l'avventura iridata e i suoi pensieri sul futuro

16 Dicembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

RWC, Damian Willemse: “Perché ho chiamato una mischia da quel mark”

L'estremo campione del mondo torna su uno dei momenti chiave del mondiale, nel match contro la Francia

14 Dicembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Richie McCaw: “La finale del Mondiale? Persa così fa ancora più male…”

La leggenda degli All Blacks dice la sua sulla Rugby World Cup 2023

27 Novembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023