Italiane fuori dal Pro12: una tragedia o una palla da prendere al balzo?

Si dice che non tutto il male viene per nuocere. E allora perché non approfittare di questa situazione per “ripensarci”?

ph. Alfio Guarise

ph. Alfio Guarise

Uno degli appuntamenti fissi del lunedì, almeno per chi scrive, è la lettura della rubrica “Mischia aperta” del Gazzettino, a firma di Antonio Liviero. Nel numero di due giorni fa si parlava di Pro12, della possibile esclusione delle squadre italiane e dell’eventuale ingresso di London Welsh e London Scottish a sostituirle. L’articolo si concludeva così: “Insomma, in cinque anni la Celtic, per varie ragioni, ha dato al rugby italiano meno del previsto. Per contro neppure in Galles e Scozia, e ora addirittura nella vittoriosa Irlanda, fanno i salti di gioia. E la sostituzione delle squadre italiane con London Scottish e London Welsh, ventilata all’estero, non cambierebbe certo la sostanza delle cose per i nostri partner. Forse è la formula della competizione che andrebbe ripensata, mentre l’Italia farebbe meglio invece a ripensare a fondo il senso della propria presenza”.
L’altro giorno, forse proprio lunedì, un amico dell’estensore di questo articolo faceva un ragionamento non molto diverso: “Basterebbe prendere un foglio – diceva – scrivere da una parte i pro e dall’altra i contro della nostra partecipazione al Pro12. Credo che la risposta non possa essere che una”.

 

Cosa ha portato l’avventura celtica al rugby italiano? Chi dice poco o nulla mente sapendo di mentire. Benefici ce ne sono stati, innegabilmente: una consapevolezza mentale maggiore, una certa abitudine a giocare a certi ritmi, nel complesso ha migliorato la tenuta fisica dei giocatori. Certo anche in questi ultimi anni, per non dire mesi, passaggi a vuoto sotto l’aspetto della resistenza fisica non sono mancati, però cerchiamo di essere onesti: fino al 2009 o al 2010 le gare del nostro Sei Nazioni duravano tra i 40 e i 60 minuti, poi era apnea. Ora le cose sono oggettivamente migliori sotto quell’aspetto.
I risultati tecnico/agonistici non sono stati invece all’altezza. Nessuno si aspettava di arrivare e vincere qualcosa subito, ma in 5 anni la crescita è stata molto limitata nel complesso, anche se poi bisognerebbe analizzare l’andamento delle singole squadre, ovvero Aironi/Zebre e Benetton Treviso. Il fatto è che non si trova un percorso di crescita in qualche modo coerente, anche se inframmezzato da qualche stop e ripartenza. Il Connacht, per esempio, lo sta facendo. Il Benetton l’ha fatto fino a un paio di stagioni fa, dalle Zebre ci si aspettava un passo avavnti e ne hanno fatto (almeno) uno indietro.

 

Nonostante questo – lo ripetiamo – nessuno nega che il Pro12 abbia portato dei benefici, ma la domanda alla fine è solo una: i benefici ottenuti sono correllati o anche solo vagamente proporzionali all’impegno profuso? E la risposta è solo una: no. Su questo non crediamo ci possa essere grande discussione.
Sono state spese alcune decine di milioni di euro, abbiamo affossato il nostro domestic senza riuscire a spiccare un qualche salto vero nel torneo celtico. E stiamo parlando di 5 anni, non di un paio di stagioni.
Oggi il Pro12 è instabile perché è instabile un po’ tutta la nostra struttura: chi arriva da sotto non ha la formazione e/o l’esperienza per poter portare risultati nel breve/medio termine. Non ha quella formazione e quell’esperienza perché non può averla, perché l’Eccellenza non può fornirla.Le eccezioni si contano sulle dita di una mano. E sono appunto eccezioni. Siamo troppo deboli sotto per poter essere stabili sopra. E il risultato è che il nostro movimento non è migliorato nel suo complesso rispetto a qualche anno fa, ha forse fatto passi indietro.

 

E il dubbio non può non venire: se quegli investimenti milionari fossero stati fatti in un piano pluriennale a medio-lungo termine sull’Eccellenza oggi che fotografia potremmo scattare? Migliore? E’ complicato dirlo e nessuno ha la verità in tasca.
Forse però inizieremmo a vedere basi più solide per la nostra piramide oggi così instabile. Basi oltretutto più larghe da un punto di vista quantitativo sia per quanto riguarda i giocatori che i tecnici e i dirigenti. Una crescita inevitabilmente non velocissima, ma costante e più resistente, temprata.
Attenzione, qui non si stanno chiedendo investimenti a pioggia e a fondo perduto. Tutto il contrario. Serve un piano, un progetto nel quale i meritevoli vengano premiati.
Ci piacerebbe che sul tavolo venissero messi un po’ tutti gli aspetti della partecipazione a un torneo come quello celtico. Non crediamo che nel board celtico ci sia la reale volontà di metterci alla porta ma l’impressione è quella di trovarci un po’ tutti – noi e “loro”, i nostri partner britannici- in un gioco che non fa davvero felici nessuno e che viene portato avanti quasi per inerzia, perché ormai quella ruota sta girando in quel senso e bisogna seguire la direzione.
Ma forse non è così. Forse questa crisi (che probabilmente si concluderà a tarallucci e vino) legata al pagamento di una tassa ingiusta può essere il momento di pensare in maniera un po’ fredda e distaccata alla nostra avventura celtica. Per decidere cosa vogliamo fare da grandi e iniziare a muoverci per tempo, quale che sia la strada che prenderemo. Che una cosa è sicura: la base su cui poggia il nostro Pro12 va rinsaldata e di parecchio. Allora, questa palla la cogliamo al balzo oppure no?

 

Il Grillotalpa

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Le Zebre riaprono (in parte) il Lanfranchi per il debutto in Pro14

Ammessi 1000 spettatori per il match contro Cardiff del prossimo venerdì. Da rispettare tutte le principali regole anti-virus

26 Settembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Alberto Sgarbi: “Lavoro duro e mentalità vincente: con Treviso puntiamo in alto”

Il centro trevigiano, simbolo del Benetton come nessun altro, parla a pochi giorni dal via del prossimo Pro14

25 Settembre 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Leinster e l’Irlanda salutano la leggenda Rob Kearney

L'omaggio dei Dubliners e della nazionale a uno dei giocatori più iconici degli ultimi quindici anni

24 Settembre 2020 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Il calendario del Pro14 2020/21

Ecco le prime 11 giornate del torneo celtico con Zebre e Treviso: tante novità, cambiano gli orari e si giocheranno i Monday Night

23 Settembre 2020 Pro 14
item-thumbnail

Pro14: la situazione delle squadre sudafricane

Il board del Pro14, che oggi diramerà il calendario (almeno in parte), ha rilasciato un comunicato per fare chiarezza

23 Settembre 2020 Pro 14
item-thumbnail

Benetton Rugby, Ratuva Tavuyara: “Onorato dell’apprezzamento dei tifosi”

Il trequarti dei Leoni non vede l'ora di tornare in campo per la stagione 2020/2021

22 Settembre 2020 Pro 14 / Benetton Rugby