Tragedia in Australia: giocatore muore dopo una concussion

Dramma down-under e in Inghilterra un pugile avverte North: “Si fermi fino ad agosto”

COMMENTI DEI LETTORI
  1. ginomonza 20 Aprile 2015, 09:34

    Sono d’accordo col pugile !

    • Iocopoco-Maioco 20 Aprile 2015, 09:42

      straquoto!!! e` un problema serio quello delle concussion, ma nn per il fatto in se che e` una conseguenza di uno sport di contatto come il rugby, ma il vero problema e` come questi giocatori ritornino a giocare cosi` presto dopo aver preso una/o serie di concussion!!!! e` incredibile ogni uomo per quanto fenomeno sia in campo ha bisogno degli stessi tempi di qualsiasi altra persona per recuperare da un trauma al cervello!!!!! bisogna prendere subito precauzioni

    • Stefo 20 Aprile 2015, 09:45

      Sui tepi di rientro a me viene sempre in mente la star dell’hockey su ghiaccio Crosby qualche anno fa che ritorno’ al gioco 9-10 mesi dopo la concussion per poi smettere subito perche’ non stava bene e restare fermo 3-4 mesi in piu’…in totale vado a memoria resto’ fermo in sostanza un anno o qualcosa di piu’ prima di ritornare al gioco.

      • Iocopoco-Maioco 20 Aprile 2015, 09:53

        nn conosco quel caso in particolare, magari un anno e` troppo…!? ma sicuramente sarebbe meglio stare fermi piu`di 2 settimane come vediamo di solito succedere per i rugbisti!!!

        • Stefo 20 Aprile 2015, 10:17

          Penso che al di la’ di un protocollo fisso che preveda un minimo di settimane superore a quello odierno, poi sia una questione di caso per caso, non penso che i Peguins abbiano tenuto fermo Crosby uno dei loro migliori giocatori senza un motivo medico…il problema per me e’ quanti club son disposti a fare quello che fecero per Crosby i Penguins e quanti invece spingono per bruciare le tappe di un rientro…

    • HECTOR 20 Aprile 2015, 12:32

      la cosa migliore ?? Obbligo del caschetto

      • DarioRef 20 Aprile 2015, 13:31

        Peccato che sia a dir poco unutile se non per evitare ciccaterici alle orecchie! Il caschetto non evita ne atturisce minimamente il trauma cranico… Quando la testa prende un colpo, il cercello (sostanza gelatinosa) viene scosso e rimbalza contro la scatola cranica producendo il trauma. Quindi tale danno avviene per lo più dall’interno e non dal fuori. Se poi si vuole rendere obbligatorio il casco benissimo! …compreró subito delle azioni di qualche ditta che li produce ma il problema non lo so risolve così!

        • Stefo 20 Aprile 2015, 13:48

          @DarioRef e’ una battaglia inutile son anni che ogni epzzo sulla concussion si spiega che i caschetti non servono a nulla per le concussion…io ormai mi son stancato di ripeterlo

      • Gino Raschi 20 Aprile 2015, 14:09

        Sono d’accordo, io non sono uno specialista medico o altro e non so se invece lo sono i due tipi che scrivono qui sopra, ma il casco se non altro distribuisce la forza ad una superficie del cranio maggiore e quindi la pressione è inferiore.

        • Stefo 20 Aprile 2015, 14:40

          Gino nonsono uno specialista medico ma avendo a cuore la materia ho letto l’ampia letteratura scientifica al riguardo che prova in maniera abbastanza netta e chiara che il caschetto non serve a nulla in termini di concussion.
          Avendo giocato ed usato il caschetto so anche che ti da un falso senso di sicurezza.

          • Caraibi 21 Aprile 2015, 02:29

            ditemi allora perché si usa il casco con le bici, le moto, ecc.. Ciò detto non vorrei mai vedere una partita di rugby con 30 giocatori in campo con il casco in testa.

          • capricorn_tm 21 Aprile 2015, 09:16

            Scusate, ma qualcuno si è mai messo in testa un casco da Rugby qui? Un casco da rugby è uno strato di gommapiuma coperto di stoffa. Secondo voi che può fare quando ti prendi un ginocchio?

            Il casco dei ciclisti è in policarbonato, a qualcosa serve, ma se volete uno sport con un casco rigido c’è il football americano.

            Sarei curioso di vedere le statisctiche dei traumi cranici della NFL in effetti…

          • Stefo 21 Aprile 2015, 09:28

            Io li ho usati tutto il tempo che ho giocato i caschetti e ricado tra quelli che erano convinti mi desse una protezione superiore a quella che danno.

            La NFL un paio di anni fa ha raggiunto un accordo con ex giocatori su una class action da questi portata avanti per 765 milioni di dollari per infortuni da concussions…

        • DarioRef 20 Aprile 2015, 15:59

          L’unico motivo per il quale tu possa “incentivare” l’uso del caschetto per evitare traumi cranici é che tu ne sia un promoter, Gino. Gli studi effettuati ti smentiscono…

  2. federico66 20 Aprile 2015, 10:14

    …seguendo le under 16, sono rimasto molto colpito dalle squalifiche subite da parte di alcune società che hanno utilizzato atleti (ragazzi!!!) prima del loro recupero completo. ora proprio non capisco: o non conoscono i regolamenti, e non si informano, o cercano di fare i furbi o sono pazzi….
    e non so cos’è peggio. certo che non si dovrebbe essere superficiali con queste cose…

    • Iocopoco-Maioco 20 Aprile 2015, 10:20

      il problema e` il professionalismo e tutti i soldi che girano e che dipendono dalle prestazioni dei giocatori e quindi anche della squadra!!! e per questo che societa` ed allenatori sono quasi “costretti” a far giocare il north di turno per fare un esempio, anche se nn si e` del tutto ripreso!!! e` brutta ma e` la cruda verita` quando lo sport professionistico serve principalmente a far soldi

      • federico66 20 Aprile 2015, 10:44

        …ma nelle under 16 italiche il professionismo non centra….

        • Iocopoco-Maioco 20 Aprile 2015, 11:06

          infatti si beccano sanzioni…il fatto e` che quante volte un giocatore prende botte in testa senza pero` svenire o perdere i senzi e senza quindi andare in ospedale per fare accertamenti…quante volte e` successo anche a me…per una concussion nn e` necessario svenire…

          • federico66 20 Aprile 2015, 12:45

            mi dispiace smentirti, ma se l’arbitro nel referto indica che c’è stato un colpo alla testa, si entra in un protocollo dove è il la federazione che ti da l’ok dopo le varie visite.
            …infatti le sanzioni vengono inflitte perché il giudice sportivo è a conoscenza della cosa, e se tu società schiero un ragazzino che non è ancora uscito dal protocollo vieni sanzionata.
            …vero poi che a volte viene mascherato l’infortunio, ma se l’arbitro registra il colpo, anche senza svenimenti, si entra in questo regime.

          • Iocopoco-Maioco 20 Aprile 2015, 13:43

            dai figuriamoci se l’arbitro puo` registrare tutti i colpi che prendono i giocatori…magari uno prendeuna botta alla testa ma nn rimane a terra ma invece resta in piedi l’arbitro nn se ne accorge mica!!!! e poi se ad esempio prendi un calcio in testa mentre sei in ruck l’arbitro nn se ne accorge per niente fidati ne succedono spesso quando giochi…

          • mezeena10 20 Aprile 2015, 17:52

            le concussions, con relativa sintomatologia, sono altra cosa..
            non si tratta di semplici botte, normali in uno sport di contatto!

  3. Iocopoco-Maioco 20 Aprile 2015, 10:21

    professionismo ovviamente…

  4. mezeena10 20 Aprile 2015, 10:31

    azz..brutta notizia..
    rip ragazzo..

  5. bangkok 20 Aprile 2015, 10:40

    Beh Mez, se fossi in North dopo il tuo “rip” mi toccherei per benino.

    • mezeena10 20 Aprile 2015, 11:42

      ciao bang dicevo per quello morto povero..
      North dopo quelle due sventole nella stessa partita del 6N doveva esser fermato..
      dovrebbe esserci una commissione medica indipendente che giudichi sull’ operato dei sanitari nelle varie partite, che detti le linee guida e i protocolli da seguire rigidamente per tutta questa casistica, dalle concussions agli altri infortuni tipici di questo sport..
      commissione medica indipendente che si occuperebbe anche dei protocolli antidoping..

  6. xnebiax 20 Aprile 2015, 11:19

    Domanda da profano e ignorante: i pugili dilettanti portano un casco morbido (http://www.expertboxing.com/boxing-basics/boxing-equipment/boxing-headgear-review), perché non si può adattare, con le dovute modifiche tipo imbottitura anche in cima alla testa e non solo di lato, un casco di questo tipo per il rugby? pensate funzionerebbe?

    • Stefo 20 Aprile 2015, 11:25

      xnebiax in uno studio di qualche anno fa fu testato un caschetto modificato piu’ spesso di quello che usano oggi (non ricordo quanto piu’ spesso) ed i risultati dello studio furono che era inefficace tanto quanto il caschetto normale.

      • xnebiax 20 Aprile 2015, 11:48

        Hmmm, peccato.
        Però così non si può andare avanti.
        Ogni settimana un giocatore smette, o uno sta fuori per mesi o addirittura uno muore.
        Non c’è partita senza almeno due conussion test.
        Se il rugby continua così perderà tanta della sua appetibilità.

    • davide p. 20 Aprile 2015, 12:29

      per assorbire in tutta sicurezza l’energia dell’impatto la nostra testa dovrebbe essere modellata come l’anteriore di un auto, paraurti elastico e scocca rigida a tenere insieme i pezzi….e sinceramente non me li vedi i giocatori con pannelli di poliuretano spessi ‘così’ in testa, e considerando poi che il tutto poggia sulla parte più delicata del corpo (il collo) direi che sono anche inutili.
      quando giochi a rugby, sai i rischi che corri ma l’ovale è più forte….

      • malpensante 20 Aprile 2015, 12:53

        Comunque, se sanzionassero duro i placcaggi non chiusi, e dessero un’occhiata agli attualmente legali placcaggi a tutta spalla (all’isolana, per capirci) o alla legatura e spinta all’uomo in percussione, già qualche milza e qualche vertebra la salviamo.

        • davide p. 20 Aprile 2015, 18:49

          completamente d’accordo…io da questo punto di vista sarei per un inasprimento delle pene…chiaro che tra un spear tackle e una botta data alla testa ce ne passa di ‘volontarietà,’ ma quando vedi certe entrate in ruck fatte solo per fare male e non per spostare l’avversario il dubbio sull’intenzione ti viene, e l’arbitro il 90% delle volte lascia correre.

  7. sto 20 Aprile 2015, 11:35

    Forse il caso di rendere obbligatorio il caschetto che tanti atleti già utilizzano. Certamente non risolve ma contribuisce a rendere meno traumatico il contatto con l’avversario senza introdurre caschi ( tipo boxe) solo di impedimento.

    • DarioRef 20 Aprile 2015, 13:35

      Assolutamente no! Il trauma cranico lo ricevi comunque anche col caschetto! Peró ti ripara le orecchie e ti tiene al caldo in inverno…

    • sto 20 Aprile 2015, 16:16

      @darioref; sei un po’ strano, è noto che, anche la minima imbottitura è utile a redistribuire l’urto su una superficie maggiore del cranio. Mi pare che la tua sia una posizione preconcetta e poco motivata.

      • DarioRef 20 Aprile 2015, 17:00

        Posso usare tutte le protezioni possibili e saró protetto dai piccoli traumi: spalle, volto, caviglie ecc.. Il problema è che un trauma cranico grave (reale serio che arreca danni al cervello e che poi mi obbliga a stare fermo ALMENO tre settimane) non lo evito con il caschetto. Quando mi butteró col paracadute mi porteró pure un cuscino; così se non si apre il primo posso usare il secondo per attutire la caduta… Certi colpi (e i relativi danni) non li eviti col cascherto.
        Tengo a precisare che la mia critica é rivolta a quei pirla che credono che il priblema, serissimo, si risolva rendendo obbligatorio il caschetto.
        Per diminuire la criminalitá potremmo spegere la tv e/o non guardare piu i TG! Mah…

        • DarioRef 20 Aprile 2015, 17:19

          Ps: io col caschetto ho perso la memoria a breve termine per 3 settimane…
          Comunque
          Tutto parte dal rachide cervicale: è troppo scoperto e debole e finchè non proteggiamo quello (il collo) la scatola cranica e quindi il cervello, sono soggette alle oscillazioni subite dal rachide. Posso quindi attutire il colpo ma non posso annullare l’oscillazione e l’impatto del cervello nel cranio; pertanto il trauma cranico vi sarà comunque e nel caso di impatti “forti”, anche i danni, caschetto o meno.
          Dopodichè in ogni situazione, la dove mi sento protetto, abbasso l’attenzione/prevenzione del rischio e proprio lì aumento la possibilitá di farmi male. Nel football americano, le protezioni ed i caschi integrali hanno aumentato la violenza degli impatti ed il numero di traumi cranici gravi con danni permanenti al cervello. Rendere obbligatorie certe protezioni, spalline incluse aumenterebbero gli impatti, la “ferocia” dei medesimi con l’alto rischio di peggiorare la situazione.
          Vi do 4 punti di riflessione:
          1- inasprire le sanzioni sull’antigioco;
          2- vietare ogni protezione, tranne il paradenti o le fasciature;
          3- risarcire la squadra del giocatore che subisce il T.C. A carico della squadra avversaria.
          4- controlli antidoping e relativa radiazione a vita di giocatore e staf medico.

        • mezeena10 20 Aprile 2015, 17:54

          hai ragione e concordo in pieno ref, sul caschetto e sui paradossi espressi dopo!
          una craniata da commozione cerebrale di due bestioni in velocita uno contro l’ altro non la eviti certo col caschetto..

  8. malpensante 20 Aprile 2015, 11:42

    Questione di ignoranza, sia in senso proprio che di una mentalità machista e troglodita. Questione di soldi, non guadagnati o spesi per la salute dei giocatori (che per l’ignoranza di cui sopra sono la stessa cosa, soldi). Questione di interessi, che impediscono di ricorrere a autorità e figure indipendenti. Ci siamo salvati dalla mucca pazza perché in Italia i controlli veterinari dipendono dal ministero della sanità e non da quello dell’agricoltura, o addirittura dalle associazioni degli allevatori. OT: a proposito del Paese di merda a prescindere.

    • frank 20 Aprile 2015, 19:38

      Va beh se vuoi citare a cazzo quando ti fa comodo fai pure mal. Cosa c’entra un aspetto come i controlli veterinari con tutto il marciume che gravita attorno all’edilizia pubblica (e non solo) ?

      Come i cavoli a merenda. Deve proprio averti dato fastidio la mia esternazione dell’altro giorno.

  9. william 20 Aprile 2015, 12:12

    Spiace tantissimo per il ragazzo.
    Occorre fare qualcosa. C’è stata un’esplosione pazzesca dei fisici negli ultimi anni e gli impatti stanno diventando molto violenti.
    Non so come si possa migliorare ma oramai la quantità e la serietà degli infortuni dei professionisti sta aumentando troppo.

    • DarioRef 20 Aprile 2015, 13:40

      Quoto! Iniziamo ad inasprire le sanzioni sul gioco violento e poi la butto li come provocazione: le cure mediche a carico della societá avversaria!
      Nella NFL americana i giocatori ricevono bonus per infortunare i pezzi da 90 avversari (fino a 2 annni fa, con tanto di inchiesta nazionale e caos totale nella lega). Potremmo incece rendere piu caute le squadre ma, boh..

      • william 20 Aprile 2015, 15:30

        E’ difficile trovare un modo. E’ uno sport di contatto, non si puo’ snaturare il gioco. Ma se andiamo avanti cosi’ diventeranno carne da macello…

        Fai l’arbitro Dario?

        • DarioRef 20 Aprile 2015, 16:00
        • DarioRef 20 Aprile 2015, 16:05

          Si arbitro. Per:”rendere caute le squadre” intendo dire che facendo pagare (nel professionismo almeno) ad una squadra le spese mediche al giocatore infortunatosi contro di esse, forse queste potrebbero limitare se non annullare almeno certi gesti “violenti” effettuati dai giocatori. Posso accettare il gioco duro e corretto, ma quello violento atto a far male no! Li dobbiamo essere intransigenti!

  10. parega 20 Aprile 2015, 13:04

    l’allenatore del tolosa doveva essere radiato per come ha fatto tornare in campo fritz dopo un colpo durissimo che l’aveva stravolto

  11. Gino Raschi 21 Aprile 2015, 11:35

    ” Il Rugby non è uno sport di contatto bensì di collisione”
    Citazione dal repertorio del grande guru del rugby italiano Vittorio Munari

    • DarioRef 21 Aprile 2015, 15:55

      Grazie Gino per la precisazione “trevigiana”…
      Anche il Football Americano è uno sport di “collisione” e per di più con 20 kg di protezioni per ogni giocatore, incluso un casco integrale e un sostegno per il rachide cervicale tipo Formula Uno. Il risultato è che i traumi, di ogni tipo: caviglie, ginocchia, gomiti e polsi senza dimenticare ovviamente i traumi al cervello sono nettamente superiori e più gravi che nel rugby!
      Grazie per la tua inutile perla di saggezza… inutile in quanto non da soluzioni o nuovi spunti per migliorare la situazione.

Lascia un commento

item-thumbnail

Super Rugby Pacific: la marea Blues non si arresta, Highlanders travolti

Crusaders raggiungono la doppia cifra di sconfitte: tutti i risultati e gli highlights della 13esima giornata

19 Maggio 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Ma’a Nonu: “Il Sudafrica ha vinto il jackpot unendosi allo URC. Il Super Rugby soffre”

Le parole del neozelandese che offre la sua visione rispetto ai cambiamenti dell'Emisfero Sud

17 Maggio 2024 Emisfero Sud
item-thumbnail

Kieran Read interviene nel dibattito sul nuovo capitano degli All Blacks

L'ex capitano dei Crusaders ha individuato un nuovo profilo come prossimo leader dei Tuttineri

15 Maggio 2024 Emisfero Sud
item-thumbnail

Il ritiro di Sam Cane apre il dibattito sul prossimo capitano degli All Blacks

L'head coach Scott Robertson resta cauto, ma dalla squadra arrivano alcuni segnali

14 Maggio 2024 Emisfero Sud
item-thumbnail

Super Rugby: colpaccio Blues! Vittoria sugli Hurricanes e primo posto in classifica

Guarda gli highlights del big match tra neozelandesi, un vero scontro tra titani

12 Maggio 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

The Rugby Championship U20 2024: Junior All Blacks campioni

I neozelandesi vincono la prima edizione del torneo giovanile e chiudono senza sconfitte

12 Maggio 2024 Emisfero Sud / Rugby Championship