Per Leinster è già tempo di pensare alla prossima stagione

Messo da parte l’orgoglio per una grande prestazione, per i Dubliners c’è da migliorare l’attacco

ph. Paul Childs/Action Images

ph. Paul Childs/Action Images

DUBLINO Neanche stavolta. Come 12 mesi fa è stato Tolone a chiudere i sogni europei di Leinster, che dopo tre trionfi europei in quattro anni ha lasciato il testimone ai francesi, ora in cerca del terzo successo continentale consecutivo. Però quanta differenza fra il massacro dei quarti di finale 2014 al Félix Mayol e la battaglia di domenica pomeriggio al Velodrome.
La seconda semifinale di Champions cup, oltre a dimostrare che le partite di rugby possono essere bellissime senza essere spettacolari, ha fatto vedere che la squadra di Dublino ha ancora tutta la capacità di rispondere all’appello quando conta. Alla fine la differenza fra le due squadre è stata un intercetto di Habana su un passaggio di Madigan (molto simile a quello di Haimona nei minuti iniziali dell’ultimo Scozia-Italia) e due calci finiti sul palo. Una trasformazione e una punizione, giusto cinque punti.

 

Tutta colpa di Ian Madigan, del numero 12 in blu dunque? Troppo facile e troppo comodo. Nel post partita capitan Heaslip ha difeso il proprio compagno (“tutti hanno commesso errori”) e anche la stampa ha commentato con benevolenza la sua prestazione. George Hook sull’Irish Independent ha ricordato che “Madigan ha perso la partita solo perché ha provato a vincerla”, ricordando il limite della stagione dei Dubliners. Il numero 12 avrà anche sbagliato ma ha segnato 15 punti su 20 in semifinale, dopo aver eliminato Bath nei quarti con un memorabile 6/6 dalla piazzola. Come dire, la pagnotta se l’è guadagnata. E gli altri?
Eccolo qui il vero nocciolo della questione. L’attacco di Leinster è stato quasi solo Madigan. Una sola meta fra quarti e semifinali e pochissime occasioni per segnare costruite. Un po’ poco per vincere partite come queste.

 

Con i playoff di Pro 12 ormai lontani, Leinster può iniziare subito a pensare alla prossima stagione, cercando di aggiungere altre armi al proprio attacco. La principale è gia stata trovata: la maglia numero 10 il prossimo anno tornerà proprietà di Jonathan Sexton, con tanti saluti e pochi rimpianti per Gopperth. Il resto del futuro di Leinster passa dalla capacità che avrà coach O’Connor di dare fantasia all’attacco blu, innanzitutto sfruttando tutte le enormi potenzialità di Luke Fitzgerald. Sempre che la prestazione e il cuore mostrato domenica siano sufficienti a mantenerlo sulla panchina di Leinster anche per la prossima stagione, cosa probabile ma non certa.

di Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Champions Cup: Exeter-Tolosa, così in campo

La partita delle 16:30 preannuncia spettacolo: di fronte le due squadre più eclettiche d'Europa

25 Settembre 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: le formazioni di Racing 92-Saracens

Le due squadre si sono già trovate di fronte nella fase a gironi, spartendosi una vittoria a testa

25 Settembre 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

L’assurda settimana di Tolosa prima della semifinale di Champions

Per evitare situazioni tipo quella di Castres, Ugo Mola ha preso misure estreme per proteggere il suo Tolosa

25 Settembre 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: il quadro delle semifinali

Doppio scontro anglo-francese: Saracens a Parigi, Tolosa a Exeter. Si gioca sabato 26 settembre

21 Settembre 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: Exeter senza troppi problemi con Northampton

I Chiefs completano il quadro delle semifinali: i Saints resistono un tempo prima di crollare sotto i colpi avversari

20 Settembre 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: Tolosa strapazza Ulster, finisce 36-8

Kolbe scava il solco con una doppietta, nella ripresa i francesi prendono il largo: è semifinale

20 Settembre 2020 Coppe Europee / Champions Cup