Rio 2016: mazzette e tangenti, stadio del rugby in grande ritardo

La struttura di Deodoro è tra quelle in più indietro nei lavori in vista dei Giochi Olimpici. Colpa della corruzione

Rio2016

Nell’ultima classifica pubblicata da Transparency International circa la “corruzione percepita” (inizio dicembre 2014) l’Italia è al 69° posto. Su quel gradino però non siamo soli: con noi ci sono Grecia, Romania, Senegal, Swaziland, Bulgaria e Brasile. Tanto per dire, davanti – e pure di un po’ – abbiamo anche il Rwanda.
Vabbè. Però oggi parliamo di corruzione, tangenti, appalti, lavori bloccati e lavoratori licenziati. E di Brasile, perché qui nel 2016 si terranno le Olimpiadi di Rio e qui è da tempo scoppiato un groso scandalo di mazzette che riguarda la Petrobras, colosso statale petrolifero che dà da lavorare a una infinità di aziende di costruzioni, molte delle quali lavorano nell’ambito sportivo.

 

E qui arrivano i guai. Come racconta aun lancio dell’ANSA “alcuni stadi dei Mondiali di calcio del 2014 sono stati messi in vendita, mentre i lavori delle Olimpiadi del 2016 a Rio de Janeiro sono a rischio di paralisi. Il tutto perché importanti aziende edili locali sono coinvolte nelle indagini e ora affrontano serie difficoltà finanziarie”. Poi si passa fare degli esempi: “E’ il caso, per esempio, del gruppo Oas, società sudamericana leader nel settore delle infrastrutture e responsabile per le opere dell’Arena das Dunas di Natal – la cui costruzione è costata oltre 120 milioni di euro – e dell’Arena Fonte Nova di Salvador di Bahia (quasi 200 milioni euro). La società, che ha accumulato debiti a causa dei problemi giudiziari, è alla ricerca di compratori per entrambe le strutture”.

 

E il rugby, chiederete voi, cosa c’entra il rugby? Ecco qua: “Problemi in vista anche per l’azienda Queiroz Galvao, sospettata di corruzione nell’ambito del caso Petrobras e alla quale era stato assegnato l’appalto per il Complesso di Deodoro, una delle principali opere di Rio 2016, dove si svolgeranno undici discipline dei Giochi: 70 operai sono stati licenziati e altri mille sono stati collocati in preavviso. Il pagamento degli stipendi è infatti in ritardo di tre mesi. In particolare ritardo sarebbero i lavori nel poligono per il tiro a segno e a volo e quelli per l’impianto del rugby a sette”. Ecco.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sevens World Series 2022: a Londra vince l’Australia, titolo al fotofinish

L'Australia si impone nella tappa di Londra delle Sevens World Series, ma il podio 2022 sarà definito solo all'ultima giornata.

30 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Sevens World Series a Twickenham, volata finale per il titolo 2022

Twickenham ospita la penultima tappa delle Sevens World Series 2022, in un finale di stagione ancora aperto, con almeno quattro candidate al titolo.

26 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Sevens World Series 2022: ecco il podio femminile, giochi riaperti nel maschile

La tappa di Tolosa delle Sevens World Series ha chiuso la stagione femminile definendo il podio, mentre nel torneo maschile tutto può ancora accadere....

23 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Doppio appuntamento nel weekend con il rugby a sette mondiale

Le Sevens World Series maschili e femminili si disputeranno a Tolosa, in Francia

18 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

L’Australia vince le Sevens World Series femminili 2022

Grazie al successo in Canada, l'Australia Sevens femminile si aggiudica le World Series 2022 con una giornata di anticipo.

2 Maggio 2022 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Sevens femminile, le Black Ferns tornano nelle World Series

Questo weekend appuntamento in Canada con le World Series di rugby Sevens femminile, primo torneo in cui tornano in campo le Black Ferns neozelandesi ...

29 Aprile 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series