Rio 2016: mazzette e tangenti, stadio del rugby in grande ritardo

La struttura di Deodoro è tra quelle in più indietro nei lavori in vista dei Giochi Olimpici. Colpa della corruzione

Rio2016

Nell’ultima classifica pubblicata da Transparency International circa la “corruzione percepita” (inizio dicembre 2014) l’Italia è al 69° posto. Su quel gradino però non siamo soli: con noi ci sono Grecia, Romania, Senegal, Swaziland, Bulgaria e Brasile. Tanto per dire, davanti – e pure di un po’ – abbiamo anche il Rwanda.
Vabbè. Però oggi parliamo di corruzione, tangenti, appalti, lavori bloccati e lavoratori licenziati. E di Brasile, perché qui nel 2016 si terranno le Olimpiadi di Rio e qui è da tempo scoppiato un groso scandalo di mazzette che riguarda la Petrobras, colosso statale petrolifero che dà da lavorare a una infinità di aziende di costruzioni, molte delle quali lavorano nell’ambito sportivo.

 

E qui arrivano i guai. Come racconta aun lancio dell’ANSA “alcuni stadi dei Mondiali di calcio del 2014 sono stati messi in vendita, mentre i lavori delle Olimpiadi del 2016 a Rio de Janeiro sono a rischio di paralisi. Il tutto perché importanti aziende edili locali sono coinvolte nelle indagini e ora affrontano serie difficoltà finanziarie”. Poi si passa fare degli esempi: “E’ il caso, per esempio, del gruppo Oas, società sudamericana leader nel settore delle infrastrutture e responsabile per le opere dell’Arena das Dunas di Natal – la cui costruzione è costata oltre 120 milioni di euro – e dell’Arena Fonte Nova di Salvador di Bahia (quasi 200 milioni euro). La società, che ha accumulato debiti a causa dei problemi giudiziari, è alla ricerca di compratori per entrambe le strutture”.

 

E il rugby, chiederete voi, cosa c’entra il rugby? Ecco qua: “Problemi in vista anche per l’azienda Queiroz Galvao, sospettata di corruzione nell’ambito del caso Petrobras e alla quale era stato assegnato l’appalto per il Complesso di Deodoro, una delle principali opere di Rio 2016, dove si svolgeranno undici discipline dei Giochi: 70 operai sono stati licenziati e altri mille sono stati collocati in preavviso. Il pagamento degli stipendi è infatti in ritardo di tre mesi. In particolare ritardo sarebbero i lavori nel poligono per il tiro a segno e a volo e quelli per l’impianto del rugby a sette”. Ecco.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

La Francia di Dupont e l’Australia femminile vincono il SVNS 2024 a Madrid, prossima tappa Olimpiadi

A Madrid è andato in scena il Gran Finale del circuito mondiale di rugby Sevens: la Francia di Dupont e l'Australia femminile sul tetto del mondo. In ...

item-thumbnail

Madrid SVNS, tutto pronto per il gran finale del torneo mondiale 7s

Nel weekend si gioca a Madrid il gran finale del torneo SVNS 2024, ultimo atto prima delle Olimpiadi di Parigi. Dupont in campo con la Francia 7s

28 Maggio 2024 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

HSBC SVNS 2024: sorteggiati le pool del gran finale di Madrid

Ultimo atto per le migliori 16 squadre al mondo nella capitale spagnola

item-thumbnail

SVNS: Pumas e Black Ferns vincono la League 2024

Primi verdetti del circuito mondiale di rugby a sette, con gli argentini e le neozelandesi che vincono la SVNS League 2024, in vista della gran finale...

item-thumbnail

A Singapore si conclude la regular season del torneo SVNS 2024

A meno di 100 giorni dall'inizio delle Olimpiadi di Parigi, dal 3 al 5 maggio è in programma a Singapore il settimo turno del torneo SVNS 2024

30 Aprile 2024 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Hong Kong SVNS 2024, doppietta per la Nuova Zelanda

La Nuova Zelanda torna a fare la voce grossa nel rugby a sette, conquistando una doppia medaglia d'oro nella tappa di Hong Kong del torneo SVNS 2024