Sei Nazioni 2015: Roma varrà bene una messa per la Francia in crisi?

Italia-Francia di domenica pomeriggio è partita che diventa fondamentale per il ct transalpino Philippe Saint-André

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Una settimana fa, nel post-sconfitta con il Galles, diceva che nel suo gruppo ci sono troppe “starlette”. Oggi, a Stade2, parla in termini diversi della sua squadra attesa dalla trasferta in Italia per il quarto turno del Sei Nazioni. Philippe Saint-André dice infatti che si aspetta di più dai suoi uomini rispetto a quanto fatto vedere finora, che la Francia può rivaleggiare con chiunque, che deve “ottimizzare il suo potenziale” e nega spaccature nel gruppo. Però poi dice di avere la fiducia della “maggior parte dei ragazzi”. Non tutti.
E’ un momento di grande difficoltà per la Francia e per il suo ct, tecnico che non ha mai convinto né tifosi né addetti ai lavori, che rimpiangono il pur criticatissimo Marc Lievremont. D’altronde i numeri non mentono: da quando c’è Saint-André la Francia ha uno score nel Sei Nazioni di 7 vittorie, due pareggi e dieci sconfitte. Un sesto posto nel 2013 e due quarti posti nel 2012 e 2014. Più in generale, compresi cioè anche i test-match, la sua Francia ha giocato 36 partite vincendone solo 14, il 40%. I suoi predecessori più immediati viaggiano tra il 60 e il 69%.

 

Poi uno compra Midi Olympique in edicola oggi e si trova le prime due pagine interamente dedicate allo stato di salute dei galletti dove scovare una parola di sostegno aperto al ct è un lavoro da monaci amanuensi. L’editoriale di Jacques Verdier spiega subito che vorrebbe vedere i bleus e il loro tecnico smentire tutti i loro detrattori sabato a Roma e poi giocare la partita perfetta contro l’Inghilterra “ma non ci crediamo, non ci crediamo più”.
Poi è tutto un seguirsi di articoli e interviste in cui si sottolnea come questo allenatore abbia chiamato finora 81 giocatori (titolo: “Saint-André brucia i suoi giocatori”) senza mai dare una vera identità alla squadra, che non si può dare delle primedonne ai propri atleti pubblicamente come ha fatto una settimana fa. E che se lo fai poi non puoi richiamarli praticamente tutti.

 

Se non ci fossero i Mondiali alle porte probabilmente Saint-André sarebbe già stato sollevato dal suo incarico, ma la RWC potrebbe comunque non salvarlo in caso di sconfitta a Roma.
Già, Roma, dove domenica pomeriggio la Francia giocherà una vera partita-snodo. Se dovesse perdere, tra l’altro contro una sua prossima avversaria proprio al torneo iridato, finirebbe in un tunnel dai contorni e dagli sbocchi imprevedibili. Lo scrivevamo domenica, “una Francia mai così abbordabile e proprio per questo pericolosa”. Diremmo di più, letale. I galletti sono stati spesso squadra senza mezze misure e all’Olimpico potremmo vedere la miglior Francia degli ultimi mesi come una squadra in disarmo psicologico (che il tasso tecnico, elevatissimo, non si discute).
L’Italia dovrà essere brava a giocare su questa umoralità senza farne però diventare l’unico pilastro della sua partita. Pierre Berbizier, ex ct azzurro, è stato intervistato proprio da Midi Olympique e ha le idee molto chiare: “E’ possibile che la Francia faccia una buona gara a Roma, così come è possibile che perda con l’Italia e poi batta l’Inghilterra. Fa tutto parte delle incoerenze di questa selezione. La Francia è la migliore avversaria per l’Italia: il movimento italiano si è spesso avvicinato al nostro ma io non credo che cercheranno di servirsi della situazione interna ai bleus. Vorranno continuare sulla strada con cui hanno iniziato il torneo, cercando il bel gioco. Gli italiani vorranno battersi utilizzando i loro mezzi, che sono inferiori a quelli della Francia, ma che sono efficaci. Nella loro testa sanno che se battono la Francia finiranno il torneo davanti”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni