Difese pericolose che si evolvono: il choke tackle finisce sotto accusa

L’allenatore della difesa del Galles lancia l’allarme: inutile e pericoloso. Ormai pero è un gesto (quasi) inevitabile…

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Il campanello d’allarme è arrivato da Shuan Edwards, defensive coach del Galles. Nel mirino è finito il cosiddetto choke tackle, ovvero il placcaggio “a soffocare”. Scopo del gesto è quello di placcare la palla per soffocare il possesso rendendolo ingiocabile, determinando così una mischia in favore di chi difende. Questo gesto, secondo Edwards, “è pericoloso, incoraggia a placcare alto e non aggiunge nulla al gioco”. Per dirla chiaro e tondo, andrebbe vietato dal regolamento. E pure Alun Wyn Jones si è domandato se esista un meno un limite alla sicurezza, suggerendo che sono altri gli sport in cui si indossano armature e non protezioni. Ma siamo sicuri che sia una via percorribile?

 

I maestri del choke tackle sono sicuramente gli irlandesi, che ne hanno fatto un marchio di fabbrica a partire dal 2011. Per eseguirlo servono placcatori con un gran fisico e soprattutto disponibili a non andare a placcare basso i carrier avversari. Cosa facile da dire e abbastanza difficile da fare, tenendo conto che addosso arrivano centodieci chili in corsa e che bisogna fermarli mirando non alle caviglie, dove tutti cadono, ma al busto.
Uscendo dall’isola tutta verde, basta vedere in azione James Haskell. Per quanto il gesto possa non essere esattamente la cosa più sicura al mondo, la critica di Edwards sembra poco applicabile al rugby moderno. La parola ordine è costringere la difesa ad arretrare mettendo la propria squadra sul piede avanzante, e placcare alle caviglie non aiuta certo ad evitare che ciò accada. Non solo, placcare la palla è anche un modo per punire chi entra esposto senza difendere l’ovale, ed è giusto che chi sbaglia un fondamentale come questo possa essere “sanzionato” grazie al buon lavoro della difesa. In definitiva, l’allarme di Edwards lascia probabilmente il tempo che trova. Anche perché i placcaggi al collo vengono già tutelati dal regolamento e dai fischi arbitrali.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni