Le Zebre via da Parma? Roma ci pensa, ma non sa dove metterle

Il 14 marzo scade il termine per trovare i privati necessari per tenere i bianconeri in Emilia. Ma la capitale ci prova. Forse.

 

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Il primo a parlare apertamente della possibilità che la capitale accolga le Zebre dopo il possibile ma assolutamente non certo addio a Parma non è né un giocatore e neppure un tecnico. Neppure un addetto ai lavori. Il primo a parlarne è un politico. Strano, direte voi. Però Paolo Masini è direttamente interessato alla questione essendo l’assessore allo sport di Roma Capitale e alla Gazzetta dello Sport (pagine romane) dice chiaramente che quella di accogliere la franchigia federale è una «opportunità sulla quale la città può puntare. Roma d’altronde ha già deciso di puntare molto sul rugby, attraverso il rapporto costruito negli anni con la federazione. Si creerebbe una opportunità di crescita professionale per i nostri giocatori. E dal punto di vista turistico sarebbe un’occasione d’oro». Poi si lancia: «Penso proprio che siamo in grado di dire sì alla franchigia». 

 

Tutto bene e tutto bello, OnRugby ha sempre sostenuto l’ipotesi-Roma sin dalla nascita delle Zebre, ma rimane il problema impianti. Dove si gioca? Dove ci si allena?
La risposta un po’ immediata per tutti è il Tre Fontane, struttura che sembra essere uscita definitivamente dalle pastoie burocratiche di una lotta fatta a colpi di carte bollate, denuce, controdenuce e ricorsi in ogni grado di giudizio e di tribunali.
Ora la gestione sembrerebbe affidata in via definitiva (usiamo il condizionale perché questa vicenda ci ha abituato a continui colpi di scena, ma davvero la cosa dovrebbe essere definitiva) a un consorzio che comprene la Nuova Rugby Roma che ne prenderà possesso da maggio/giugno. Ma qui si dovrebbero praticare anche altri sport e ci sarebbe da costruire parecchio per le esigenze di una squadra di rugby di alto livello destinata ad ospitare squadre importanti e i loro tifosi. C’è il tempo necessario? Ci sono i soldi? A oggi non si sa.
Qualcuno dice: lo stadio Flaminio. Quello che molti tifosi sentono ancora come la vera “casa” della nazionale è però in condizioni pietose, abbandonto a se stesso da anni, senza contare che si tratta di una struttura fin troppo grande con i costi di gestione che ne conseguono. E qui ci si può giocare, ma giocare e allenare?
Insomma, Roma sì. Ma dove?

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

URC: Zebre, altra beffa. Gli Ospreys rimontano e vincono 28-24 al Lanfranchi

Dopo una partenza horror, la squadra di Roselli guadagna un massimo vantaggio di 10 punti, rimontato però dai gallesi nell'ultimo quarto di gara

item-thumbnail

La preview di Zebre-Ospreys: le formazioni e dove si vede in tv e streaming

Occasione importante per la squadra di Fabio Roselli, che deve fare a meno di 6 nazionali ma ritrova Pani dal primo minuto

item-thumbnail

URC, Zebre: la formazione per la sfida contro gli Ospreys

Ritorna in campo Lorenzo Pani dopo la squalifica. Il capitano sarà Tommaso Boni

item-thumbnail

La preview di Tolone-Zebre: le formazioni e dove si vede in tv e streaming

La squadra di Roselli deve fare l'impresa in Francia per passare il turno

item-thumbnail

Zebre, Roselli: “Dopo Bristol vogliamo riscattarci, ma a Tolone la panchina dovrà fare meglio”

Il tecnico spiega cosa serve ai suoi ragazzi per tentare l'impresa nell'ultima giornata di Challenge Cup

item-thumbnail

Fabio Roselli: “Le Zebre fanno e disfano, ci manca la continuità”

Il tecnico ha analizzato il crollo nel finale del match contro Bristol