Ferreira alle Zebre: lo dicono in Sudafrica, lo dice Wikipedia

Un sito sudafricano lancia la notizia, ripresa poi anche in Italia. E l’enciclopedia online lo “conferma”

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Turch 14 Maggio 2014, 11:59

    Progetto altezza…

  2. Katmandu 14 Maggio 2014, 12:10

    Scusate
    “sudafricano Andries Ferreira dei Cheetahs, 197 cm e 122 chili” ma quanto qu@zzo è grosso? Ha dei satelliti che gli girano in torno percaso? Sto cavolo come si fa a tirare giù questo se è lanciato in campo aperto?
    Senza dire troppo penso che il discorso che facevamo ieri sui zebrati che escono mi sa che questo va a cacciare van vuren o cazzola, inoltre c’è quintino bortolami e Van consonat che potrebbero fare la seconda (reparto quasi chiuso?)

    • Katmandu 14 Maggio 2014, 12:12

      Ps se arriva anche L’estremo dei cheetas salta pure trevisan

    • LiukMarc 14 Maggio 2014, 12:27

      Direi che il prossimo anno lui, Bortolami, Quintino, Biagi e Van Vuren (che potrebbero tenere specie per i tempi di incontri della Nazionale) saranno le seconde linee…

      • Katmandu 14 Maggio 2014, 12:36

        Quindi alla fine Cazzola tagliato, ma avevo sentito che pure VV ppteva essere fuori per l’anno venturo, inoltre ci son un paio di seconde interessanti nell’eccellenza, calalieri e andreotti per fare due nomi che mi sembrano interessanti

        • parega 14 Maggio 2014, 12:45

          i due che hai nominato piacciono anche a me
          speriamo che puntino anche su dei giovani in questi ruoli..almeno per provarli qualche mese per vedere se sono di prospetto celtic

        • LiukMarc 14 Maggio 2014, 12:46

          Cazzola mi sento di dire che lo hanno rilasciato (se non al 100%, quasi). VV a me non dispiace. E’ giovane, gran fisico, e due maestri come Sin Bin e Quintino (per touche e ruck). Io lo terrei, specie considerando, come dicevo sopra, che in periodi di TM e 6Nazioni le Zebre avranno assenze in seconda linea. Tra gli eccellenti qualche nome c’è, ma VV almeno ha anni di allenamento a questi ritmi e una 20ina di presenze in CL

          • Katmandu 14 Maggio 2014, 12:52

            A me Cazzola e VV non è che piacciono troppo (un po meglio VV) ma alla fine per il periodo delle nazionali hanno appena preso sto po pó di sudafricano per cui IMHO meglio far crescere un eccellente

          • LiukMarc 14 Maggio 2014, 13:13

            Hai ragione Kat, ma considera anche che non credo Quintino si possa fare le sue 30/35 partite stagionali tra CL, Coppa e 6Nazioni, cosi come Bortolami. Alla fine una rosa larga può fare la differenza (vedi Glasgow se non sbaglio)

    • Andrea da Treviso 14 Maggio 2014, 13:55

      Lo palchi alle caviglie!

      • Katmandu 14 Maggio 2014, 14:18

        La domanda vera è:
        Ha le caviglie oppure ha dei cingoli? 😀

  3. Hullalla 14 Maggio 2014, 12:17

    Chi e’ che diceva che i soldi del movimento se proprio devono essere spesi per stranieri, bisogna che gli stranieri siano pochi e del piu’ alto livello possibile?

    Per un Furno che va in Inghilterra anziche’ tornare in Italia (e un Del Fava ci e’ andato due anni fa), ci prendiamo un Ferreira (che non trova spazio nel suo paese)… con i soldi del movimento e non dei privati, pero’…
    Se non siamo attraenti nemmeno per i migliori dei nostri, come faremo ad esserlo per i migliori stranieri?

    • malpensante 14 Maggio 2014, 12:26

      Premesso che non lo conosco, è un ’90 e non ha cap. E le Zebre hanno 4 milioni FIR come Treviso e, se non mi sbaglio, secondo il bilancio dell’anno scorso 1,5 di altri incassi. Per cui se tengono i conti a posto o li migliorano, soldi del movimento esattamente come gli altri.

      • Hullalla 14 Maggio 2014, 12:32

        Guarda che da quest’anno non ci saranno piu’ differenze tra Zebre e Benetton: in entrambi i casi la magior parte del budget sara’ di provenienza federale.
        Se il movimento deve mettere dei soldi nelle franchigie bisogna mettersi d’accordo su cosa servono queste franchigie, altrimenti e’ meglio mettere quei soldi in altri posti (rugby di base, per esempio? strutture? formatori dei formatori?).
        SE le franchigie servono a far giocare costantemente ad alto livello i giocatori Italiani, allora come mai i giocatori Italiani vanno all’estero mentre le franchigie comprano stranieri? A questo punto e’ meglio tagliare i finanziamenti e che camminino con le loro gambe.

        • malpensante 14 Maggio 2014, 12:41

          Il problema è che hai preso un impegno di 4 anni che costa milionata in più o in meno 40 milioni e, oltre il signor Luciano, altri non ce n’è. Per cui hai poco da tagliare, per almeno 4 anni.

        • gsp 14 Maggio 2014, 12:42

          Hulla, e’ abbastanza chiaro a che servono le squadre italiane. A far giocare i giocatori i giovani, a far giocare quelli piu’ maturi, a far giocare i project players a farli eleggibili, a comprare stranieri che fanno crescere le squadre. e questo lo fanno gia’, l’hanno fatto le 3 squadre che fino ad oggi hanno giocato in Celtic.

          poi, o accetti che furno non e’ voluto tornare e quindi non e’ colpa di nessuno, oppure voleva tornare e non l’hanno cercato ed e’ colpa di Gavazzi, Manghi, Zatta e Munari.

          poi le loro gambe non ce l’hanno c’e’ poco da tagliare, e’ una non-proposta. si puo’ invece fare il dibattito se sia uitle fare il professionismo o meno, ma farlo con meno soldi e’ impossibile.

          • tony 14 Maggio 2014, 14:06

            @Rabb è la triste realtà, gli scarti dell’emisfero sud sono per lo più superiori delle nostre prime scelte.Lasciamo perdere il motivo, ci sono tante di quelle componenti che per analizzarle ti viene il mal di testa.

            @gsp discorso estremamente chiaro….

      • Paolo 14 Maggio 2014, 12:54

        Ciao Mal
        sul bilancio Zebre c’è da chiarire un punto: i 4 milioni sono un contributo FIR, ma la squadra nel complesso (rosa, personale, costi trasferte, eccetera) costa quasi il doppio. E sono costi coperti quasi esclusivamente dalla federazione, visto che i privati latitano e portano poco. Almeno finora.

        • Katmandu 14 Maggio 2014, 12:58

          Quindi quanto costano le zebre sul bilancio federale 8miijioni? (san ho scritto giusto?)

          • Katmandu 14 Maggio 2014, 13:01

            @ paolo scusa ancora ma praticamente ci stai dicento che le Zebre costano uguale a Tv se non di più? Grazie anticipatamente

          • malpensante 14 Maggio 2014, 14:09

            Paolo, avevo letto un comunicato FIR sull’approvazione del bilancio (tra l’altro, probabilmente qui) che come costo complessivo, sempre se non sbaglio, diceva 5,5 o giù di lì. Penso che tu possa controllare. Se hai ragione tu, allora di’ a gsp che le milionate annue complessive di un vecchio post le avevo sbagliate, ma per difetto. 🙂

          • malpensante 14 Maggio 2014, 14:40

            Il link non è esattamente quello, ma per adesso è il primo che ho trovato: “La Fir investe annualmente un quarto del proprio bilancio, circa 11 milioni di euro, per la partecipazione di Treviso e Zebre. Tre di “tassa di iscrizione”, 2,725 di contributo al Benetton, 5 per la gestione delle Zebre.”
            Parola di Gavazzi http://www.onrugby.it/2014/01/09/italia-e-pro12-il-futuro-e-sempre-meno-celtico-parola-di-alfredo-gavazzi/

        • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 13:00

          Paolo, perciò, in totale, la FIR spende intorno ai 10 milioni per le celtiche?

        • gsp 14 Maggio 2014, 13:04

          8 mi sembrano davvero tanti Paolo, ma s’è hai fonti attendibili… Io avrei detto intorno ai 5,5.

          • Paolo 14 Maggio 2014, 13:27

            tra i 6 e i 7. E’ difficile dirlo perché alcune voci sono “mobili” e possono ricadere su più capitoli. La cifra comunque è quella. E nei bilanci non c’è una voce “Zebre”

          • gsp 14 Maggio 2014, 13:37

            tra i 6 e 7 mi sembra piu’ probabile. una voce zebre non c’e’ ancora, ma penso ci sara’ di sicuro nel prossimo bilancio.

          • Katmandu 14 Maggio 2014, 14:06

            Scusa paolo ho capito che per leggere un bilancio bisogna essere dottori commercialisti, ma solo di monte ingaggi tra staff e giocatori a quanto si arriva? (indicativamente sempre)

          • malpensante 14 Maggio 2014, 16:44

            Paolo, saranno poco leggibili nel bilancio FIR ma le Zebre per quel che mi consta hanno un bilancio proprio e approvato in CDA.

        • tony 14 Maggio 2014, 21:14

          boh a me fonti abbastanza attendibili han riportato attorno ai 6 milioni.

    • kinky 14 Maggio 2014, 12:32

      Hullalla guardala in questa direzione: Furno cresce molto meglio all’estero e questo Ferreira essendo un ’90 fra tre anni sarà in nazionale!!! …e per cortesia non andiamo adesso con frasi fatte e ipocrite tipo “li voglio solo italiani, etc etc”…..questa è la situazione, queste sono le regole e questo fan tutti!!!

      • Hullalla 14 Maggio 2014, 12:38

        Visto che dobbiamo fare quello che fan tutti, perche’ allora non facciamo anche le accademie legate alle franchigie? e le franchigie che hanno determinate aree geografiche dove hanno libero scambio di giocatori con le squadre del campionato nazionale?
        Queste sono le regole e questo fanno tutti, no?

        L’Inghilterra ha dichiarato ufficialmente che i proventi della coppa del mondo saranno investiti interamente nel rugby di base. Gli investimenti nel rugby di base di tutte le altre unions sono MOLTO piu’ alti dei nostri come percentuale del budget (nel nostro caso il budget per ilr ugby di base e’ meno dell’1% e “messo in mano” a Tullio Rosolen – capiamoci!).
        Perche’ non lo facciamo anche noi, visto che lo fanno tutti?

        In questo modo si punta al minimo risultato con la massima spesa – posso sentirmi un po’ preso in giro? posso avere dei sospetti poco simpatici?

        • Katmandu 14 Maggio 2014, 12:44

          Beh gli inglesi parlano parlano ma alla fine per l’alto livello equiparano peggio di noi… E allora? La vera differenza è che le accademie inglesi che sfornano maree di ragazzini terribili son private e costose alcune accademy solo per i giocatori hanno un budget superiore di 10 volte quello della capitolina… Insomma quanto a inestimenti investono per i giovani quanto noi per una stagione senior di ecellenza

          • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 13:56

            Kat gli inglesi equiparano, ma non quanto noi e soprattutto equiparano giocatori di alto livello. In altri casi, vedi i Vunipola o Tuilagi, sono giocatori formati in larga parte in Inghilterra.

          • Katmandu 14 Maggio 2014, 14:56

            @rabbi formati privatamemte da loro però…

          • Hullalla 14 Maggio 2014, 16:13

            Gli Inglesi equiparano, ma equiparano gente forte e DOPO aver investito seriamente sul rugby di base.
            Noi equiparaiamo gli scarti senza investire nulla nel rugby di base.

            Qui poi si evita il problema della formazione e poi all’ultimo ti vengono a dire che e’ necessario equiparare e lo fanno tutti, per cui o mangi questa minestra o salti questa finestra… eh, no!

          • gsp 14 Maggio 2014, 18:03

            quindi Hulla, se hai milioni di giocatori, soldi e strutture ed accesso ai migliori atleti allora fai bene ad equiparare, se invece non hai quelle cose, non dovresti equiparare? cioe’ equiparare diventa un privilegio dei piu’ forti?

          • Hullalla 16 Maggio 2014, 09:42

            @gsp
            PRIMA investi sulla base, e POI pensi al resto.
            NON il contrario.
            E’ complicato da spiegare?

      • tony 14 Maggio 2014, 13:29

        @K yes così è…..

      • San Isidro 15 Maggio 2014, 02:14

        mah @kinky se sei contento di questa situazione amen…e non lo fanno tutti, l’Argentina proprio non lo fa!

  4. tony 14 Maggio 2014, 12:19

    Certo che con Ferreira e Daniller le Zebrette hanno fatto due buoni acquisti.

    • LiukMarc 14 Maggio 2014, 12:29

      Daniller però mi sa è ancora tutto da confermare (l’anno scorso docet)

      • tony 14 Maggio 2014, 13:22

        @L che abbiano preso un estremo sud africa è certo …..poi sul nome si è arrivati per deduzione….

  5. M. 14 Maggio 2014, 12:31

    Ahah l’illusione ottica della foto fa sembrare che abbia tre mani…

    • Intenditore 14 Maggio 2014, 12:34

      Già, tre mani e due uccelli…..chissà come saranno contente le ragazze di Parma!!!

  6. Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 12:32

    Un altro equiparato fra 3 anni.

    • malpensante 14 Maggio 2014, 12:44

      Prima vediamolo giocare, va. 🙂

      • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 12:49

        Mal secondo te molti stranieri non vengono in Italia sapendo di giocarsi una chance di andare in nazionale? Oltretutto questo è abbastanza giovane.

        • malpensante 14 Maggio 2014, 14:14

          Dico che mica è detto che sia un fenomeno. O che si adatti bene. In questi anni ne abbiam visti arrivare di buoni ma anche di scarsi, o che per lo meno qui non han dimostrato granché.

          • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 14:25

            Certo. Sinceramente se dicessi che l’ho visto giocare direi una bugia, ovvero, sicuramente l’avrò visto con i Cheetahs ma non ne ho ricordo.
            Detto questo, è ovvio che un sudafricano di livello medio, tipo VS, buono, ma che i Bokke li vede col binocolo e che non ha l’età di mio nonno, viene in Italia con la speranza di un posto in nazionale, che è largamente alla sua portata (stesso discorso per Steyn credo, era stato cercato da squadre di prod2 ma se n’è rimasto in Italia perché la maglia azzurra è possibile, quella dei galletti direi di no).

    • tony 14 Maggio 2014, 13:26

      @R credo sia quello l’obiettivo…visto che in Italia a 2e andiamo malino ….l’altro giorno sono andato in Ghirada a vedere l’under 20 Naz. in certi ruoli a livello internazionale non andiamo da nessuna parte…purtroppo.

      • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 13:42

        Ma chi ce lo fa fare di spendere soldi in accademie, formazione ecc.? 2-3 “scarti” a stagione dell’emisfero sud, qualche argentino con un trisavolo italiano e siamo a posto, spendendo meno.

        • xnebiax 14 Maggio 2014, 13:45

          Sopratutto spendendo meno in impegno mentale e organizzativo. Meno fatica. Scorciatoia. L’arte di arrangiarsi.

        • tony 14 Maggio 2014, 13:59

          @Rabb è la triste realtà, gli scarti dell’emisfero sud sono per lo più superiori delle nostre prime scelte.Lasciamo perdere il motivo, ci sono tante di quelle componenti che per analizzarle ti viene il mal di testa.

          • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 14:18

            È evidente che siano superiori, com’è evidente che il nostro reale livello, quanto a nazionale, è stato “dopato” per anni da un numero esorbitante di oriundi ed equiparati (cosa che ha detto anche Bortolami, mica io che non conto nulla). Se le celtiche devono diventare degli equiparatifici (pensiamo a Vunisa e a Van Schalkwyk, Haimona il prossimo anno, Steyn in prospettiva, Budd a Treviso e magari qualcuno dall’Eccellenza) tanto vale risparmiare i soldi delle accademie.

          • tony 14 Maggio 2014, 14:47

            @Rabbi non è che devano diventare degli istituti per equiparare però N.Z. e Australia sono piene di isolani equparati , il problema è che il male sta in tutte le componenti e la cura accademie non ha funzionato…non essendo la mia professione non saprei risponderti perchè?

          • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 15:02

            Tony gli isolani in Australia e NZ sono parecchi, ma ci sono consistenti comunità isolane nei rispettivi paesi. Lealiifano è un samoano nato in NZ ma in Australia da quando aveva 7 anni, come puoi paragonarlo ai nostri equiparati? E i casi simili sono innumerevoli. Vero che NZ e Australia attingono dal serbatoio isolano, vero anche che li formano loro, spesso dalla A alla Z.

        • Hullalla 14 Maggio 2014, 14:49

          Mi sa che per il prossimo futuro gli Argentini con nonni Italiani sono finiti…

          • ginomonza 14 Maggio 2014, 16:06

            eh sì ora sono bisnonni se ancora in vita 😉

        • Bissa 14 Maggio 2014, 14:52

          Rabbi sai che pensavo la stessa cosa anche io?
          Ma risparmiamoci il milione e tot di euro speso annulamente per le accademie ( mi pare di aver letto in qualche aritcolo una cifra di 1,5) e ingaggiamo dei buoni scout per pescare giocatori già formati che non hanno prospettive nazionali nei loro paesi.
          Io dei nomi li avrei già 🙂

      • xnebiax 14 Maggio 2014, 13:43

        Furno, Fuser, + Cedaro e Van Vuren per contare solo le seconde U25… al momento il ruolo non è particolarmente scoperto secondo me.

        • tony 14 Maggio 2014, 13:51

          Cedaro e Van Vuren a livello internazionale sono 3e scelte….

          • xnebiax 14 Maggio 2014, 16:30

            Per adesso.

    • Bissa 14 Maggio 2014, 14:45

      Io l’ho visto giocare con i cheetas qualche partita, non ricordo contro chi. Mi è parso una buona seconda linea, certo non un fenomeno per gli standard sudafricani dove davanti per la corsa alla nazionale ha troppa gente e troppo forte per lui.
      Quindi anche a me sembra un acquisto in funzione di equiparazione.

  7. xnebiax 14 Maggio 2014, 13:40

    A naso sembrerebbe un buon acquisto. Abbastanza giovane, grande e grosso, e stufo di non giocare nel SR.
    Ma, secondo me, le Zebre stanno prendendo stranieri in reparti in cui i giocatori italiani ci sono, non di queste qualità ma ci sono. Mi spiego: Cazzola mi sa che non è da CL, va bene rilasciarlo, Van Vuren invece l’ho visto bene, non un fenomeno, ma fa il suo sporco lavoro come 2a linea. Poi ci sarebbe Furno che si poteva far rientrare in Italia, per non parlare di Cedaro.
    Insomma, quali giovani italiani giocheranno in 2a linea nelle Zebre (la franchigia della federazione, quella in funzione della nazionale) l’anno prossimo? A quanto pare nessuno.

    Discorso ancora più importante su Daniller, che per me sarebbero soldi buttati. Sicuramente un buon giocatore, ma in ruolo dove i prospetti, anche se acerbi, ci sono. Magari un estremo alle Zebre potrebbe anche servire, ma non è prioritario secondo me.

    Le priorità delle Zebre sono a 10 (e gente che sa calciare!) e a 3, dove Chistolini é sembrato l’unico pilone davvero forte in mischia, forse insieme a Ryan, che però se ne va.

    Con Buso che non può giocare in CL perché si rompe, e con Haimona che è lento lento e spero non venga ingaggiato, ci vorrebbero 2 giovani aperture per le Zebre, entrambe in grado di calciare: una dall’Eccellenza e una dall’emisfero sud.

    P.s.: le mie son chiacchere da bar… ma se non parlo qui non ho nessuno con cui parlare di rugby. 😀

    • LiukMarc 14 Maggio 2014, 13:53

      Per continuare le chiacchiere da bar, invece di Haimona (il giocatore preferito di Berton, se fosse andato a treviso) io avrei certamente preso Nathan (straniero per straniero, anche se Haimona è equiparabile, almeno Nathan ha già giocato a certi livelli con continuità) e un italiano come Padovani. A quel punto lasci anche andare Iannone a TV. Si, su Daniller son d’accordo. Un altro estremo a che ti serve?

      • xnebiax 14 Maggio 2014, 14:01

        Padovani vedrai che giocherà a TV l’anno prossimo. E anche Ragusi.
        Per curiosità, secondo voi chi potrebbe fare la giovane terza scelta come apertura alle Zebre (assumendo Buso in Eccellenza e Iannone a TV).

        • Katmandu 14 Maggio 2014, 14:08

          No padovani non mi è mai piaciuto troppo, anche se debbo ammettere che dall’under 20 si è parecchio velocizzato ed è più preciso (almeno quello che ho visto)
          Ps ma se non si fanno chiacchiere da bar sport qua mi spieghi dove vai a farle?

          • ginomonza 14 Maggio 2014, 15:23

            quoto

      • Francesco.Strano 14 Maggio 2014, 23:14

        ALLE ZEBRE ANDRà LOVOTTI… POI CE DE MARCHI..E MANCA UNO A DESTRA

    • gian 14 Maggio 2014, 14:11

      torniamo sempre ai soliti discorsi, vogliamo credere di poter vincere o preferiamo costruire in previsione, forse, di diventare mediamente competitivi a tutti i livelli un domani? di solito scegliamo la prima ipotesi, ottenendo comunque pochino, mentre bisognerebbe battere con continuità la seconda, in eccellenza ragazzi testabili in ogni ruolo ce ne sono, non sono dei fenomeni e in certi ruoli deficitiamo di profondità, inutile nasconderselo, ma continuare a mettere pezze che impediscono ai ragazzi di provarci è un errore, passi l’estremo/utility back straniero di esperienza o il mischiarolo di sostanza, ma dovrebbe essere gente che non occupa il posto fisso, altrimenti un prospetto quando lo vediamo, potessimo permetterci mccaw o carter, piuttosto che mezzoscheo, da noi chi più li toglierebbe dal campo? in giro per il mondo rimangono al calduccio facendo gli incontri importanti, fanno periodi di riposo, partono dalla panca o vengono sostituiti etc etc, così fanno da chioccia ed insegnano ai ragazzi, ma un leonard, contro cui non ho niente, anzi, che gioca titolare fisso, che spazio lascia agli altri? non è un discorso autartico il mio, semplicemente la constatazione che i posti ad alto livello sono pochi e se li “blindiamo” non produrremo mai alternative, se il nostro top fosse l’eccellenza a livello di bassa classifica pro12, con 10 squadre in lizza, che 5 abbiano certi ruoli subaffittati allo straniero di turno non sarebbe un problema, ma con 2 sole pro, facciamo salire giovanotti, altrimenti sì andiamo a finire con la nazionale stile rugby a 13, ovvero fatta con gli scarti degli altri senza nessuna produzione interna

      • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 14:27

        Condivido in larga parte quello che dici, senza considerare che vi sono gli stranieri “top” come Leonard e quelli in prospettiva di equiparazione, ci sono già due livelli…
        Il prossimo anno, se le voci saranno confermate, si potrebbero vedere le celtiche a lungo con MM stranieri (Leonard e Matawalu).

        • gian 14 Maggio 2014, 14:33

          poi in nazionale ci mandiamo un eccellente? o uno che fa la seconda scelta a questi e gioca 2 partite in tutto l’anno? non lamentiamoci dopo; quella degli equiparabili è l’opzione rugby a 13, non sono in grado di creare giocatori quindi metto la maglia ad equiparati ed oriundi ed ho risolto il problema (e sia chiaro che sono contrario al metodo, non al fatto che ci siano oriundi o equiparati che indossino la maglia azzurra)

          • gian 14 Maggio 2014, 14:41

            temo che si continui a ragionare con l’idea che se si comincia a vincere, improvvisamente, arrivano 500.000 nuovi ragazzini che creeranno il futuro, questa teoria, però, ha due grossi buchi, il primo è che, intanto, bisognerebbe vincere, e noi i soldi per vincere non li abbiamo, il secondo che non è scontato che vincendo con le “figurine” si appassioni la gente più che col mito del terzo tempo, si crea seguito e mercato se la gente ha un legame con la squadra, se vedi il tuo vicino di casa giocare, se hai amici che giocano e ti raccontano che ai campi viene il campione che ha iniziato lì etc etc, ma questo non ce lo vogliamo mettere in testa

      • gsp 14 Maggio 2014, 14:40

        scusa gian (ma associo @Hulla), con assoluto rispetto mi sembrano una serie di elementi che fa confusione e non porta a nessuna solzuione.

        con bortolami e gendenhuys, il rinnovamento va fatto oggi, non a fine stagione prossima. su questo davvero non ci puo’ essere nessuna critica, soprattutto se critichiamo sempre la mancanza di programmazione. anzi, va fatta a chi non lo fa.

        in un reparto di seconda linea, uno straniero (soprattutto se giovane e project player) ci puo’ stare, c’e’ ovunque ed e’ il professioonismo. ed io sono quelli per un limite abbastanza stretto sull’uso degli stranieri.

        il problema formazione evidentemente esiste, ma non prendendo ferreira lo risolvi? certo che no. solo uno stupido puo’ credere se cercano di coprirlo cosi’.

        allora facciamo le cose come si deve. le squadre pro secondo i criteri con cui si fanno le squadre pro in situazioni simili. e la formazione come si fa la formazione. qui mi sembra ci sia un tentativo di autoflagellazione per le colpe sulla formazione, con il risultato che la prima non migliora e le squadre pro sono limitate da comportamenti illogici.

        cmq, riprendo un cavallo di battaglia, rimettete la regola dell’apertura italiana in eccellenza.

        • gsp 14 Maggio 2014, 14:41

          italiana nel senso di eleggibile.

        • gian 14 Maggio 2014, 14:56

          sulla regola del 10 hai tutto il mio appoggio.
          per quanto riguarda il resto del discorso posso anche convenire in molti punti, ma se di fianco a ferreira non incominciamo a testare anche qualche prospetto eccellente, ma teniamo i soliti (attenzione per me i vecchietti sono tutt’altro che finiti e bene averli la a combattere) e ci aggiungiamo l’esterno di turno e basta, mai avremo i sostituti dei senatori, tutto qui, cominciamo a fare come in altri paesi dove i campioni lasciano spazio agli emergenti e la cosa cambia, questo vale anche per treviso, sia chiaro, ho preso l’esempio di leonard perché è il più lampante, è stata una gran risorsa per le zebre, ma chillon è scomparso e palazzani si è dovuto reinventare, con successo, estremo, a MM ci hanno giocato ben poco, se l’anno prox le zebre in seconda cominciano a far girare gelden, bortolami, ferreira e biagi e VV a giocarsi la panca con sudafricano, e l’anno dopo i primi due decidono di rinunciare alla nazionale o fermarsi proprio chi cavolo ci inventiamo, quello che dico è che con il ragazzo o al posto suo dovrebbe entrare un qualche prospetto ed il sudafricano dovrebbe essere in una rotazione, mentre ho il sospetto che diventerà una pietra miliare della squadra se appena appena performante.
          sulla formazione ci ho rinunciato, continuo a puntare sui club seri che vanno avanti con progetti validi, poi se i ragazzi valgono e vanno in accademia possono solo migliorare per ovvi motivi di impegno totale, se non di educatori, e se arrivano in eccellenza ed hanno i numeri in pro12 ci arrivano lo stesso

          • gsp 14 Maggio 2014, 15:41

            gian, sul discorso di Leonard. l’anno precedente le zebre facevano la rotazione e sono stati solidamente co##ionati tutta la stagione perche’ non hanno vinto una sola partita.

            quest’anno c’e’ la critica perche’ ha giocato lui ed hanno vinto 5 partite, 2 pareggi. onestamente, in buona fede, sono si possono apportare entrambe le critiche.

            ci vuole equilibrio. visto che a treviso c’erano gia’ 3 mediani nazionali, uno straniero di primissimo livello come Leonard ci stava tutto (e che c’ha detto bene com’e girata viste le condizioni fisiche).

            tornando a ferreira, se arriva, e se e’ l’unico straniero in seconda per me e’ una proporzione che ci sta tutta e ben bilanciata, soprattutto se va ad affiancare Biagi, Bortolami, Quintino e VV.

          • gsp 14 Maggio 2014, 15:41

            non si possono criticare in entrambi i casi.

          • gian 14 Maggio 2014, 16:15

            ma infatti non critico la scelta di avere il leonard della situazione o il ferreira, è la gestione che non mi convince, tutto qui, poi, come si diceva, sono chiacchere da bar, se fossi in grado di insegnargli qualcosa sarei in giro per i campi, mica qui a ca@@eggiare nel forum 😉

          • gsp 14 Maggio 2014, 17:06

            gian, figurati si cazzegia con piacere e se ci fosse anche una bella birra fresca sarebbe anche meglio.

        • Hullalla 14 Maggio 2014, 16:21

          Il rinnovamento andava programmato da anni, non quest’anno! Con la scusa del provvedimento d’urgenza si fanno spesso passare delle cose inaccettabili.

          Il tempo per programmare il ricambio delle seconde (cosa per nulla facile, ma non impossibile) c’era tutto ed e’ stato lasciato passare. Cosi’ ci si trova a mettere un’altra pezza.

  8. Francesco.Strano 14 Maggio 2014, 14:11

    Ma che ruolo ha ???

  9. tony 14 Maggio 2014, 14:24

    Piuttosto una domanda da Trevigiano se le Zebre con un budget di oltre 2 milioni in meno si permettono: Leonard,Van Ska,Vunisa,Daniller,Ferreira, che c…o se ne fanno a Treviso dei soldi…ììììì

    • gsp 14 Maggio 2014, 14:45

      tony, sono giorni che me lo chiedo. 8 mln sono una buona cifra. per questo davo quasi per scontato che sarebbero arrivati Allan, Furno, Mirco, insomma giocatori nazionali italiani di prima fascia.

    • Bissa 14 Maggio 2014, 14:48

      Si anche a me piacerebbe capire come fanno le zebre a permettersi certi giocatori ed invece Benetton con un budget maggiore (o almeno si presume) a prendere solo Berquist?
      Tra parentesi ma Berquist dove va? A me è piaciuto molto, si vede che è altra scuola…

      • try 14 Maggio 2014, 15:01

        si altra scuola, ma se non placchi o se schivi l’avversario, diventi irritante.

      • ginomonza 14 Maggio 2014, 15:26

        dipenderà da chi fa il mercato?
        quanto prendeva il Bue muschiato, per esempio?

        • speartacKle 14 Maggio 2014, 15:57

          a gino sei peggio di un disco rotto…
          Munari avrà fatto pure le sue cappelle, ma se stiamo parlando dei precedenti 5 anni il monte ingaggi di treviso era sicuramente più alto di quello delle Zebre, basta che pensi agli ingaggi di Ghiraldini, Cittadini, Rizzo e DeMarchi, poi anche Barbieri non penso prenda poco.
          @gsp, Zatta ha dichiarato che vuole ridurre al minimo l’utilizzo dei PP quindi anche tanti nazionali non li prenderà.
          Vedremo che giocatori andranno a prendere…

          • ginomonza 14 Maggio 2014, 16:11

            perché non si può dire CHI FA IL MERCATO A TV ? è lesa maestà?.
            non è forse vero che tra Aironi e Zebre lì sono arrivati stranieri migliori di quelli di TV mediamente?
            Ti senti offeso ?

          • gsp 14 Maggio 2014, 16:17

            @spear, vediamo la squadra finale. a anche li ci sono molte considerazioni da fare.

            che non vuoi molti PP, quindi riduci il numero di nazionali, e’ un ragionamento rovesciato. per me Munari e Zatta (e non e’ un segreto) sono totalmente furoi strada sui PP.

            prendi i nazionali perche’ quelli ti rendono competitivo, e prendi anche i migliori eccellenti, fai la rosa da 44 (come sarebbe logico e fanno gli altri) e poi se servono qualche PP puoi sempre prenderlo. e tieni presente che treviso e zebre sono rimasti con gli uomini contati a Maggio, non durante le finestre internazionali.

            ma anche perche’ se non prendi i nazionali dove vuoi spendere gli 8mln? non puoi certo metteri a prendere stranieri. anche se metto la mano sul fuoco che molti che oggi criticano il lecitissimo e logico possibile ingaggio di ferreira, faranno battagli quando ci sara’ l’inevitabile scontro tra FIR e Treviso che vuole comprare stranieri a man bassa. ci giochiamo una birra?

          • speartacKle 14 Maggio 2014, 19:54

            no gino assolutamente, anzi ti dirò Munari per me ha fatto molte cappelle (Maddock in primis) ma mi sembra che tu non aspetti altro che dare addosso a Munari, e probabilmente non perchè ti sta antipatico di suo o anche si ma solo perchè altri lo osannano, mi sembri un po preso da sindrome del bastian contrario…

          • speartacKle 14 Maggio 2014, 20:06

            @gsp Ma infatti, sui PP è un discorso talmente assurdo, che non vale la pena neanche di affrontarlo, è un sistema che non può andare e lo ha dimostrato in 4 anni. Loro poi tirano acqua al loro mulino…
            Intanto non conosciamo la rosa e quindi non sappiamo ancora come verranno spesi questi soldi quindi…
            Vorrei sapere una cosa però, il budget Benetton cosa comprende? anche strutture come campi di gioco e allenamento? e quello delle Zebre?

          • malpensante 15 Maggio 2014, 19:32

            Gino, tipo per esempio Demas, Mercier, Laharrague, Vilijoen, Olivier? Dai, è difficile per tutti trovarne di buoni da portare qui, motivati, con la testa a posto, col fisico integro. E ci sta anche la scalogna, come per La Grange o, per gli Aironi, Des Fountain. Tonni, ti ricordi che gliene han dette di tutti i colori? Ora tocca a Munari e per adesso si salva Manghi, ma anche lui ci ha preso con Van Consonant e Leonard, ma s’è pure preso Ratuvou. Insomma, a me rimane difficile fare una classifica di chi ne abbia presi di meglio e chi di peggio, e sulle sòle sarei più ecumenico e tollerante.

  10. 6nazioni 14 Maggio 2014, 14:25

    i soldi federali si dovrebbero investire non in pacchi confezionati ma in
    tecnici preparati.
    Tutti gli altri discorsi sono fuffa………
    Quando in fir si capirà’ questo discorso?
    8 milioni di euro x arrivare ultimi in pro12,perdere con asfaltate in h.c.
    con 2 milioni di euro quanti tecnici di prima fascia si trovano x preparare
    i ns tecnici e di conseguenza i ns giovani?

  11. San Isidro 14 Maggio 2014, 14:27

    Con quel cognome pensavo fosse un bell’ingaggio argentino…ma che ce famo, rimandatelo indietro…

    • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 14:38

      È un cognome portoghese. In SA vi è una robusta e antica tradizione di insediamenti portoghesi.

      • San Isidro 14 Maggio 2014, 14:47

        grazie dell’info Rabbi, naturalmente avevo fatto una battuta…in SA sapevo ci fossero grandi comunità tedesche e francesi, ma mi mancavano i portoghesi…

        • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 14:56

          Sono arrivati già con Vasco de Gama.

          • IL GRANDE NELLO 14 Maggio 2014, 15:25

            Bartolomeo diaz arrivò al capo di buona speranza 10 anni prima di De Gama nel 1487.

          • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 15:36

            Ecco, buona precisazione.

      • ginomonza 14 Maggio 2014, 15:29

        c’era un tennista abbastanza forte e si chiamava anche lui Ferreira ed era un marcantonio fisicamente. magari stessa famiglia !!!

  12. tergestum 14 Maggio 2014, 15:30

    dopo ponderata e sanguinosa medizione, sono arrivato al dunque, la lampadina di eureka, la sublimazione dei 4 neuroni che mi rimangono:
    ONRUGBY DEVE ESSERE VETRINA DI NOI TALENT SCOUT.
    mi spiego: gli utenti di onrugby spaziano dal Manzanarre al Reno quindi ognuno si deve far carico- in maniera adeguata e prima di essersi bevuto il Timavo- di segnalare gioveni virgulti rugbistici- Zona giografica- ruolo- età e 4 righe di presentazioni( non faccamo gli sboroni con il figlio e/o nipote mezza pippa spacciato per BOD)
    Considerato che tutti quelli che contatano, danno un occhio a Onrugby ..é FATTA entro 2-3 anni ci mangiamo a colazione i SA eheheheh

    • 6nazioni 14 Maggio 2014, 16:01

      @ tergestum ottima idea.
      ma i federali con le (*)?

  13. Mr Ian 14 Maggio 2014, 15:35

    Spero il “ragazzotto” accetti e non snobbi le Zebre per un contratto in ProD2…
    http://itsrugby.fr/joueur-24100.html
    Paradossalmente ha giocato di più al suo esordio che durante la crescita, speriamo gli trovino pure un avo italico

    • Mr Ian 14 Maggio 2014, 15:52

      Questo sinceramente è stato il mio primo pensiero, poi però analizzando le partite, penso che non sia stato il caso di fare troppi esperimenti perchè il Giappone in primis è una squadra forte e già l anno scorso mise in crisi il Galles. Vorrei invece che Brunel possa esprimere le proprie volontà nelle convocazioni degli emergenti, bacino fondamentale per la nostra nazionale

  14. San Isidro 14 Maggio 2014, 15:53

    Sono totalmente d’accordo con il discorso di @Rabbidaniel sopra…mi sta bene se qualche straniero di qualità viene a rinforzare le nostre due franchigie, ma Zebre e Treviso non devono diventare centri di equiparazione…ma perchè dobbiamo far arrivare stranieri dagli angoli più disparati del mondo con la prospettiva di equipararli quando abbiamo messo su un sistema complesso e articolato (e probabilmente anche discutibile) di formazione? Ha più accademie e centri di formazione la FIR che le nostre Forze Armate! Il 2 Giugno dopo i cadetti della Nunziatella sfileranno pure quelli dell’Accademia FIR di Parma…ma diamine, perchè dobbiamo andarci a prendere il samoano, il sudafricano o il neozalendese di turno a discapito di un aquilano, di un padovano, di un benevenatano o di un catanese! Perchè non si lavora bene su un bel ragazzone del Gran Sasso anzichè andarci a equipare il fijano solo perchè è grosso…adesso è uno sfogo, e sono sicuro che tutte queste accademie e centri qualcosa di buono la faranno uscire, ma si persegue con questa politica che francamente non mi piace per niente. Sono sincero, molti aspettano con ansia la benedetta equiparazione di Vunisa o di Steyn, io per nulla…per carità Vunisa è un buon elemento, ma speravo che al suo posto ci fosse qualcuno di formazione italiana…e non ho nulla contro gli equiparati che tanto hanno dato anche alla nostra nazionale (Quintino, Van Zyl, Vosawai, in parte Botes), ma è questa politica che va cambiata…perchè aspettare con ansia un Budd o un Vunisa con la maglia azzurra, quando potremmo produrceli da noi i giocatori con un sistema migliore…anche su Allan all’inizio ero perplesso che, nonostante le origini italiane, si è formato da tutt’altra parte (e gli anni di minirugby al Petrarca per me non fanno testo), tant’è che è stato nazionale scozzese u.20…e la FIR non ha tutte le colpe, fa parte di un sistema, l’IRB dovrebbe rivedere le scellerate regole sull’equiparazione (già riportare da tre a cinque anni i criteri di equiparazione sarebbe un piccolo passo)…ripeto, ben venga qualche straniero che ci può dare una mano ad alto livello, ma se questo Ferreira viene in Italia per prendersi la maglia azzurra tra tre anni la cosa non mi va giù visto che abbiamo investito parecchio in queste benedette accademie…

    • 6nazioni 14 Maggio 2014, 16:05

      @san questo commento lo quoto in totale.
      se si devono spendere dei piccioli si devono spendere x tecnici stranieri preparati che preparano i ns tecnici.

    • Mr Ian 14 Maggio 2014, 16:09

      Ti rispondo semplice che questi tipi di progetti hanno un tempo di realizzazione di minimo 10 anni, considerando che questi discorsi si fanno da una decina d anni a questa parte, significa che troppo poco ancora è stato fatto. Per cui dobbiamo ancora aspettare almeno altri 10 anni da oggi che può essere considerato come una nuova era del rugby italiano, siamo seduti a tavola coi grandi, adesso dobbiamo meritare di completare tutto il pasto. Da un punto di vista di politica internazionale non penso la fir abbia sbagliato tante mosse, ha avuto un mondiale u20, se non si rimangiano la promessa, magari la prima finale della nuova CC si giocherà a S.Siro, stadio da 82.000 persone. Infine non si pagherà più la tassa ai celti, o quantomeno si pagherà meno.
      Il vero problema rimane la gestione della politica interna, che rispecchia il nostro becero provincialismo e pressapochismo; ma sono sicuro che ci sono nuove persone in regione nelle varie regioni che stanno iniziando a lavorare bene e sono fiducioso che qualcosa di buono si possa vedere.

      • Mr Ian 14 Maggio 2014, 16:11

        ho scritto a c…o, mi viene male con il telefono

      • San Isidro 14 Maggio 2014, 16:49

        Mr Ian, infatti non stavo discutendo le politiche internazionali della FIR quali le trattative con i celti o il farsi assegnare il mondiale u.20 o le finali di coppa…
        Comunque si, credo anch’io che ci vogliano altri anni prima di vedere molti atleti formati a casa nostra, resta il fatto che si poteva fare meglio prima…

    • Stefo 14 Maggio 2014, 16:25

      San il tuo sfogo e’ sacorsanto ma la risposta al perche’ e’ che le Accademie oggi come oggi e per come sono strutturate e gestite non producono abbastanza in termini di qualita’ e quantita’.
      Si torna al solito discorso che le Accademie magari non sono il problema ma non sono neanche la soluzione anzi, per come non sono inserite nel sistema ed essendo staccate da tutto e tutti e con formatori che non sono al livello richiesto oggi (se mi si dice che i club non formavano bene continua a chiedere da dove vengono sti allenatori delle 1000 accademie?Li hanno nascosti in ripostiglio della Fir?), si potrebbe presupporre che potrebbero diventare un problema.
      Stante questa situazione bisogna ricorrere al mercato estero.

      Quando si usa la parola “project players” (non mi riferisco a te San ma a gsp) bisognerebbe ben aver chiaro cos’e’ quel “project”…non e’ solo il progetto di vaere uno eleggibile in 3 anni ma anche un impegno a lavorare nella formazione giovanile per evitare che quel problema continui a presentarsi, l’Irlanda 4-5 anni fa era senza piloni destri dietro a Ross, oggi nonostante gli arrivi di Ah You, Borlase (scartato), Bent (non e’ un project in senso stretto perche’ passaportato ma bene o male era preso per coprire il buco ed e’ fortunato a non essere stato scartato) si sono formati Moore ed Archer che stanno davanti a tutti questi giocatori nominati.

      • 6nazioni 14 Maggio 2014, 16:50

        troppe parole il problema si risolve con tecnici stranieri
        preparati. punto
        TECNICI STRANIERI due paroline che non volete capire o fate
        finta di non capire. punto

        • Stefo 14 Maggio 2014, 16:57

          E chi ha mai detto che non servono tecnici stranieri?Certo se la tua capacita’ di analisi ti fa pensare che sia solo quella la soluzione a tutti i problemi in bocca al lupo…

          • 6nazioni 14 Maggio 2014, 17:17

            esempi della mia analisi………..
            viadana campione d’italia u.20 2012/13,
            fasi finali u.18 tecnico scozzese sinclair
            san dona’ uno dei migliori vivai italiani tecnico
            straniero birchall fasi finali u.18
            colorno tecnici argentini u.18
            stiamo parlando di paesotti di 15-20 mila abitanti
            con pochi euro.
            la tua di analisi x risolvere i problemi?
            Continuare con lo sperpero di euro con le (*)?

          • Stefo 14 Maggio 2014, 18:23

            Ma 6N hai letto bene quello che ho scirtto sia oggi che in passato?Io queste Accademie non le ho mai supportate…quindi che cosa mi vieni a scrivere?!

          • 6nazioni 14 Maggio 2014, 18:34

            la tua analisi x risolvere il problema.

          • Stefo 14 Maggio 2014, 18:46

            ^N non bastano tecnici stranieri qui c’e’ da riformare tutto il percorso formativo sia dei giocatori che senza dubbio dei tecnici ma allora la soluzione non e’ “prendere dei tecnici stranieri” e farli lavorare coi ragazzi se no sarai sempre dipendente da quello, oltre a farli lavorare coi ragazzi e’ far si che ci sia una scuola per tecnici in Italia che sviluppi i tecnici italiani, riformare pesantemente il eprcorso formativo come metodi di allenamento a tutto tondo.
            I problemi sulla formazione c’erano gia’ prima delle Accademie ma non sono mai stati risolti e si e’ pensato che le Accademie li risolvessero diventando quindi l’espressione simbolo del problema formazione in Italia non il problema originale.
            Mettere tecnici stranieri nelle Accademie secondo te risolverebbe tutto?Per me no perche’ comunque il lavoro che viene fatto prima e’ quello che porta ad avere dei ragazzi non preparati come si deve (con le eccezioni del caso di alcuni club che sanno fare un buon lavoro).
            I tecnici stranieri sono la soluzione se li coinvolgi in una riforma della formazione che parte da sotto le accademie, se poi inserisci le accademie in un contesto di percorso ben preciso e non lasciandole cosi’ staccate da tutto il resto del movimento come sono.

          • 6nazioni 14 Maggio 2014, 19:01

            @stefo
            Le (*) cosi’ formate non servono e non formano un
            bel niente. Prendere tecnici stranieri preparati
            per aprire una scuola tipo (coverciano-calcio) ed
            insegnare la pratica del rugby ai ns tecnici questo
            e’ un investimento serio che darà sicuramente dei
            risultati.

          • Stefo 14 Maggio 2014, 21:22

            6N hai scritto esattamente quello che ho scritto io te ne sei reso conto?!?!?!

          • Stefo 14 Maggio 2014, 21:24

            Per la precisione ti riporto il pezzo che evidentemente hai saltato (o probabilmente hai saltato tutto senza leggere niente visti i commenti): “oltre a farli lavorare coi ragazzi e’ far si che ci sia una scuola per tecnici in Italia che sviluppi i tecnici italiani, “

      • San Isidro 14 Maggio 2014, 16:55

        infatti bisognerebbe proprio fare in modo che, una volta che hai tappato il buco con l’equiparato di turno, il problema non si ripresenti…invece a noi si è ripresentato spesso…Gavazzi è stato chiaro: non vuole legare le accademie alle celtiche, anche se non concordo, avrai i suoi motivi, boh…comunque da un’accademia nazionale u.23 che gioca in Serie A, tre accademie zonali u.18 e i numerosi nuovi centri di formazione u.16 + tutte le nuove strutture che dovranno sorgere spero che qualcosa ne esca fuori, sennò dobbiamo sempre aspettare il Ferreira di turno…

        • 6nazioni 14 Maggio 2014, 17:21

          @san le (*) u.18 sono 9 x adesso e 32 i centri di formazione

          • San Isidro 14 Maggio 2014, 17:29

            a me sembrano una marea, non ho parole, con tutte queste accademie dovremmo battercela con SA e Australia e invece…

          • 6nazioni 14 Maggio 2014, 18:37

            @san da premettere che il ns presidente sta pensando di aprire nuove (*) u.19 u.20………
            e molti altri centri di formazione.
            Arriviamo al punto che abbiamo più (*) e centri di
            formazione che club iscritti alla fir.

      • gsp 14 Maggio 2014, 17:05

        Stefo, ma ferreira non sarebbe un project player. e’ poi evidente che le lacune formative rimangono tutte.

        • gsp 14 Maggio 2014, 17:05
          • Stefo 14 Maggio 2014, 17:08

            Ferreira e cosa ne sai tu che non sia preso per naturalizzarlo in caso?
            Sul secondo punto di domanda le risposte sarebbero tante…dipende dalla domanda 🙂

          • San Isidro 14 Maggio 2014, 17:14

            secondo me @gsp prima si è fatto la domanda, poi si è dato la risposta, non sapendo che dire ha risposto “?”…il tutto in perfetto stile marzulliano, della serie “si faccia a una domanda e sia dia una risposta…gsp a se stesso cosa chiede e cosa si risponde?”…il “fulmine marzulliano”…

          • gsp 14 Maggio 2014, 17:22

            siete due canaglie 🙂 🙂

            il punto di domanda era riferito a ‘perche’ ferreira, non sarebbe un project player?”

            MMbuto!!

          • San Isidro 14 Maggio 2014, 17:32

            gsp, acolta Marzullo:

        • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 18:20

          Con questa formula autoassolutoria dei project player fra un paio di anni ci potremmo trovare in nazionale una terza linea Van Schalkwyk-Vunisa-Steyn (con Budd e Swanepoel in panchina). Forse non accadrà, ma non è fantascienza.

          • 6nazioni 14 Maggio 2014, 18:32

            speriamo di no.

          • Stefo 14 Maggio 2014, 18:34

            Rabbi mano alla formazione non viene messa se non aumentando Accademie e corollario pensando che sia la soluzione…alla fine si sta solo implementando passo dopo passo l’idea originale “prendiamo 15 isolani e naturalizziamoli” solo che non si va solo nel pacifico ma anche da altre parti…

          • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 18:39

            Ovvio Stefo, ma non tutti abbiamo l’anello al naso e stare qui a raccontarsi che è normalissimo avere una nazionale che sembra una versione minore dei Baa-Baas mi pare intellettualmente disonesto.

          • Stefo 14 Maggio 2014, 18:55

            No rabbi non e’ normalissimo per niente…

          • tony 14 Maggio 2014, 19:05

            @Rab non mi ricordo dove ho scritto che sono andato in Ghirada a vedere i n.s under 20 naz. al mondiale 50 sberloni da Ingh.,N.Z.,Austr,S.A. etc non ce li tolgono nessuno.Quando ho visto il livello in cui siamo mi sono messo le mani nei capelli..

          • Rabbidaniel 14 Maggio 2014, 19:32

            Sì tony ho letto. D’altra parte le squadre nazionali dovrebbero rispecchiare la natura e la qualità del movimento. Se, per assurdo, domani la Spagna naturalizzasse 10 top player argentini, dovremmo supporre che il rugby spagnolo è superiore al nostro? Ripeto, Bortolami e Lo Cicero hanno detto chiaramente che la nostra nazionale ha beneficiato di oriundi ed equiparati per tenere un certo livello, non io che sono un pinco pallino qualsiasi.

  15. speartacKle 14 Maggio 2014, 16:03

    Sia santificato il Santo…

  16. Francesco.Strano 14 Maggio 2014, 23:04

    PIUTTOSTO CHE PAGARE UN ALTRO SUDAFRICANO CHE VENGA IN VACANZA(NON ME NE VOGLIA…..)….ASSUMIAMO UN TECNICO DEI CALCI…!!!!!

    POI,LA FIR DEVE INVESTIRE IN CONVEGNI,CORSI DI FORMAZIONI TENUTI DA TECNICI STRANIERI,BASTA CON LO SPERPERO DI DENARO PUBBLICO!!!!

Lascia un commento

item-thumbnail

URC: gli highlights di Zebre-Scarlets

Tutte le azioni principali della sfida del diciassettesimo turno

item-thumbnail

URC: Zebre imprecise e Scarlets concreti, a Parma vincono i gallesi

L'ultimo match casalingo della franchigia ducale finisce con una sconfitta senza bonus

item-thumbnail

URC: la preview di Zebre-Scarlets

Gara da vincere a tutti i costi per Giovanni Licata e soci nell'ultima gara casalinga della stagione

item-thumbnail

URC: la formazione delle Zebre per la partita con gli Scarlets

Roselli ritrova Luca Morisi per l'ultima partita in casa. In mediana tocca a Garcia e Montemauri

item-thumbnail

Le Zebre annunciano l’addio di 9 giocatori

Sei avanti e tre trequarti non faranno parte delle franchigia nella prossima stagione

item-thumbnail

URC: le Zebre non passano in Scozia. Edinburgh vince 40-14

I ducali escono sconfitti dalla trasferta scozzese. Mete di Prisciantelli e Trulla