La ricerca del “numero 10”: Progetti spariti e il paradigma-Iannone

Il giovane trequarti è arrivato a Parma nell’ambito del “Progetto Apertura”, ma sta giocando in altri ruoli. E di quella iniziativa…

ph. Sebastiano Pessina

Una premessa metodologica, per così dire. Siamo ancora a inizio stagione, si sono giocate solo (quasi) quattro partite e quindi le cose potrebbero rapidamente cambiare da qui a un paio di mesi. Detto questo tiriamo una sorta linea e prendiamo atto di quanto è avvenuto finora. Fine della premessa.
Non vi facciamo nemmeno un riassuntone della vicenda (se lo volete leggete qui), ma registriamo che del “Progetto Apertura” non se ne parla più: non lo fanno i media – e vabbé, finché sono i giornali, siti e tv a non occuparsene… – ma soprattutto nulla sembra muoversi a livello organizzativo/federale.
In questo stallo ormai molto prolungato segnaliamo una vicenda che è paradigmatica, quella di Tommaso Iannone. Il giovane trequarti è passato quest’estate dal Benetton Treviso alle Zebre: in Veneto giocava poco e qualcuno ha pensato che avesse le caratteristiche per poter entrare nel gruppo di quello che doveva diventare il “Progetto Apertura”. Il ragazzo ha sicure qualità, ma è un’apertura? Alcuni hanno dubbi.
Va detto che tra chi lo avrebbe voluto nel “Progetto Apertura” non va annoverato il ct Jacques Brunel, che a fine marzo ha dichiarato alla stampa riunita a Milano dopo la fine del Sei Nazioni che “Iannone ha dato la sua disponibilità (per il Progetto, ndr) ma non lo conosco ancora così bene e quello è un ruolo particolare, dove servono leadearship e carattere. Su di lui non posso ancora esprimermi”.

 

Tommaso Iannone alle Zebre è stato utilizzato come numero dieci nei test estivi ma una volta arrivati gli impegni che contano, quelli con in palio dei punti veri, è stato dirottato altrove: al debutto con Connacht era in panchina ed è entrato sostituendo Toniolatti all’ala, con Munster è subentrato a Garcia (centro) mentre con Cardiff ha fatto il suo debutto da titolare, ma sempre al centro. Contro i Warriors partirà invece dalla panchina.
Togliamo subito ogni dubbio: non stiamo criticando né il giocatore (ci mancherebbe!) né tantomeno lo staff tecnico
. Andrea Cavinato e Umberto Casellato fanno le loro legittime scelte, è il loro compito ed eventualmente devono risponderne alla dirigenza bianconera, certo non a un sito web. Ma come dicevamo all’inizio prendiamo atto di due cose: che un giocatore fatto arrivare a Parma per farlo giocare come apertura scende in campo in un ruolo diverso e che del famoso “Progetto” non si parla più dopo solo una manciata di mesi. Ma le prossime settimane ci smentiranno. Forse.

 

Il Grillotalpa

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Benetton, si gioca per i playoff: Bortolami vuole gli Azzurri subito in campo

Si parla di 4 protagonisti del Sei Nazioni nel XV titolare per i Lions, con altri pronti a entrare dalla panchina

item-thumbnail

Benetton Rugby, Ferrari: “Ci aspettano le due settimane più importanti della stagione”

I biancoverdi si giocano una parte importante delle proprie ambizioni a partire da sabato

item-thumbnail

Benetton Rugby, verso la sfida ai Lions: ambizioni di classifica e colpi di mercato

Il punto della situazione in casa Treviso prima del rush finale

item-thumbnail

Zebre: nuovo rinnovo tra il centurione Tommaso Boni e gli emiliani

Prosegue il matrimonio tra il centro 30enne e la franchigia ducale

item-thumbnail

Zebre: Luca Bigi rinnova il proprio contratto con la franchigia ducale

Il tallonatore farà ancora parte della rosa del club emiliano