Sei Nazioni? Ci sono un israeliano, un olandese, un tongano…

Curiosità: nel torneo delle Sei Nazioni i paesi rappresentati in campo in realtà sono molti, molti di più…

 

ph. Sebastiano Pessina

Francia, Galles, Inghilterra, Irlanda, Italia e Scozia. In rigoroso ordine alfabetico. Queste sono le nazionali partecipanti al Sei Nazioni e di conseguenza tra inizio febbraio e metà marzo di ogni anno  nei fine settimana vediamo scendere in campo francesi, gallesi, inglesi, irlandesi, italiani e scozzesi. Sempre in rigoroso ordine alfabetico. In realtà non è così semplice: perché su quei campi, con le maglie della nazionali succitate, vediamo giocare figiani, neozelandesi, australiani, olandesi e persino un israeliano.
Un torneo cosmopolita, non c’è che dire, merito (o colpa, a seconda di come la si vede) delle regole IRB che consentono ad un atleta di giocare per una nazionale “altra” per motivi genealogici o di formazione.

 

E così, scartabellando le schede dei giocatori del torneo 2013, scopriamo che la nazionale che più ricorre agli “stranieri” è la Scozia, con ben 12 elementi: l’olandese Visser, il neozelandese Maitland, lo statunitense Seymour, Denton è nato in Zimbabwe e poi ci sono una valanga di inglesi, che però proprio stranieri non dovremmo definirli. Cugini.
Il Galles ricorre a 9 giocatori nati al di fuori dei propri confini: anche qui tanti inglesi, un paio di sudafricani, un tongano e un australiano. L’Irlanda risponde con 7 stranieri: l’americano O’Gara, l’israeliano Heaslip, due neozelandesi e un australiano mentre gli inglesi sono solo due.
Anche l’Inghilterra ha un discreto battaglione di stranieri, nonostante possa contare sulla base più numerosa del mondo: due sudafricani, tre neozelandesi, un samoano, uno statunitense e due tedeschi (Lee Dickson e Matt Kvesic).  La Francia dal suo immenso ex impero – e non solo – sta pescando 5 giocatori (particolarità: ha tre africani che provengono da aree rugbisticamente poco evolute e cioè Congo, Burkina Faso e Costa d’Avorio). Infine l’Italia che ne ha undici: Parisse, Castro, Canale, Furno, Barbieri, McLean, Burton, Botes, Vosawai, Orquera, Garcia e Geldenhuys.

 

Squadre che riflettono sempre di più la natura cosmopolita delle nostre società: la maggior parte di questi “stranieri” è nata quasi per errore fuori dai confini delle rispettive patrie. Poi c’è sicuramente qualche caso un po’ più “dibattuto”, mettiamola così, ma le regole oggi sono quelle e tutti le rispettano. O le mettono in pratica. D’altronde anche il presidente FIR Gavazzi ha detto più volte che anche l’Italia inizierà a guardare con occhi attenti alle isole del Pacifico..

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento