Galles, federazione e franchigie ai ferri corti: la “colpa” è dei contratti

La federazione voleva “centralizzare” quelli dei giocatori di interesse nazionale, ma le quattro regioni hanno detto di no

ph s. pessina

Volendo ragionare un po’ alla grossa e parlare per slogan dovremmo dire che le franchigie gallesi dicono no al centralismo federale e chiedono di operare in maniera libera e indipendente. Una ricostruzione che può stare in piedi, ma che è un po’ troppo tagliata con l’accetta.
I fatti sono che  ad agosto la federazione di Cardiff ha fatto pervenire a Ospreys, Scarlets, Dragons e Blues una proposta per gestire direttamente i contratti dei giocatori di interesse nazionale. Come fa – ad esempio – la Nuova Zelanda. Una idea che in qualche modo non sarebbe dispiaciuta dalle nostre parti nemmeno all’ex presidente Dondi, che nell’ultimo anno aveva introdotto qualcosa di simile limitatamente ai giocatori che escono dalle Accademie.
Le premesse sono note: le difficoltà economiche di federazione e province (anche se la WRU ha annunciato poche settimane fa un bilancio addirittura da record che ha sorpreso molti osservatori), l’introduzione del salary cap, la fuga all’estero di molti suoi giocatori importanti, sopratutto verso la Francia. In quest’ottica la richiesta della federazione va letta come un tentativo di calmierare gli ingaggi.
Le quattro franchigie però hanno detto no e il CEO Roger Lewis fa buon viso a cattivo gioco: “Ne prendiamo atto, rispettiamo la decisione delle società”. Ad inguaiare – paradossalmente – la WRU è proprio il suo bilancio da record: le squadre si aspettavano un aumento del contributo federale per i giocatori di interesse nazionale e non un minor controllo sullo stesso (6 milioni e rotti di sterline). I colloqui tra le parti continueranno nella ricerca di un compromesso che soddisfi le parti.

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Nominato il nuovo amministratore delegato del Sei Nazioni, succederà a Ben Morel da aprile

Si tratta di Tom Harrison, ex capo dell'England and Wales Cricket Board (ECB) ed ex dirigente di IMG Media e ESPN STAR Sports

27 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Andy Farrell alla guida dei Lions nel 2025: la IRFU dice sì

In caso di chiamata, la Federazione Irlandese sosterrà il suo allenatore a capo della selezione britannica

26 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match
item-thumbnail

Il Sei Nazioni chiude la porta al Sudafrica: “Nessuna espansione in questo momento”

Il CEO di Six Nations, Ben Morel, ha messo le cose in chiaro

25 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: Inghilterra, problemi di infortuni. Ben 4 cambi rispetto ai primi convocati

Il ct Steve Borthwick deve gestire un'infermeria già molto piena

24 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Galles: Gatland vuole riconsiderare la regola dei 60 cap

L'allenatore del Galles stringe i tempi per discutere la regola sul numero di presenze necessarie a un giocatore che milita all’estero per essere conv...

24 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Gatland: “Con l’Italia bisognerà costruire di 3 punti in 3 punti”, e glissa sul cucchiaio di legno…

Il tecnico del Galles ha risposto alle nostre domande in conferenza stampa

23 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni