Cosenza, il rugby femminile e una palla tonda maschile: chi vince?

Una giovanissima società femminile – la prima in Calabria – che si vede “espropriata” del campo d’allenamento. Una storia che si ripete

Si chiamano Le Lupe di Cosenza e sono la prima squadra femminile di rugby in Calabria. Mille le difficoltà, a cominciare dal reperimento della “materia prima” – e cioè le giocatrici – in una regione che non ha grandi trazioni rugbistiche nemmeno tra gli uomini. Poi la mancanza di fondi e infine un tarlo che accomuna queste ragazze a troppe altre realtà sparse ovunque: la mancanza di strutture.
Le lupe si allenavano a Roges di Rende, al campo “Marchesino”.
Usiamo il passato perché ora la locale squadra di calcio (maschile) ha occupato anche l’ultimo spazio che veniva concesso alle ragazze per qualche ora ogni settimana, cacciandole tra l’altro pure con metodi spicci e poco educati.
Quella delle Lupe è una piccola storia uguale a mille altre che purtroppo ogni tanto riescono a raggiungere i riflettori della cronaca. Ma per una vicenda che raggiunge qualche giornale locale, blog o sito, ce ne sono moltissime che rimangono nell’ombra. Un “buio” informativo che spesso significa la morte certa per queste società, soprattutto nelle regioni del Sud.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Mogliano: staff tecnico d’élite per il nuovo settore femminile

Il club veneto si affida agli allenatori campioni d'Italia 2019

item-thumbnail

World Rugby lancia un toolkit online per favorire reclutamento e formazione di allenatrici

Il governo mondiale fornisce un programma d'assistenza alle varie federazioni affinché coinvolgano sempre più coach di sesso femminile, ad ogni livell...

item-thumbnail

Il brillante percorso di Sofia Rolfi, giovane bresciana alla conquista della Premiership

Abbiamo parlato con la giovane trequarti, che, silenziosamente, si è presa un posto al sole della Premiership inglese

item-thumbnail

La classifica marcatrici del girone 1 di Serie A femminile (in aggiornamento)

Vittoria Ostuni Minuzzi si prende la leadership, Elena Vitadello risale a gran velocità. Entra in graduatoria anche Eleonora Ricci

28 Gennaio 2020 Campionati Italiani / Rugby Femminile