URC: le Zebre chiudono con la diciottesima sconfitta contro i Lions

Non basta la tripletta di Gesi a Pretoria nell’ultima giornata della stagione per le squadre in campo. Finisce 50-35

Simone Gesi, autore di una tripletta in Lions-Zebre – ph. OnRugby

Non basta una tripletta di Simone Gesi e una partita offensiva di buona qualità per impedire alle Zebre di racimolare la diciottesima sconfitta in altrettante gare di United Rugby Championship, ovvero tutte quelle della stagione.

Nell’inconsueta cornice del Loftus Versfeld di Pretoria, scelto per il double header che vede poi in campo Bulls e Leinster, i Lions di Johannesburg battono la franchigia di Parma per 50-35.

Fin dalle prime azioni della gara è stato chiaro che sarebbe finita con un alto punteggio, con squadre che, non avendo molto da chiedere più alla stagione, hanno avuto più voglia di giocare con il pallone che non di difendere senza l’ovale.

Nel primo pallone dell’incontro Tiff Eden spacca in due la difesa dei Lions e serve un bell’assist a Gesi che deve solo correre e segnare quando ancora il cronometro non ha finito il suo primo giro.

Immediata la replica dei Lions, che colpiscono in rapida successione con Nohamba e van der Merwe. Intorno alla mezz’ora si rompe qualsiasi diga: Gesi bissa al 27′ per riportare sotto le Zebre, Kriel replica solo 4 minuti dopo; la premiata ditta Eden-Gesi colpisce ancora al 34′ con una bella azione offensiva ben rifinita da Trulla, ma subito dopo i Lions riconquistano l’ovale dal restart e colpiscono con van der Merwe, servito da un calcio-passaggio in realtà completamente sbucciato da Louw, che fortunosamente fa il tunnel a van Wyk.

Sul 24-22, le Zebre subiscono però anche una quinta marcatura all’ultima azione del primo tempo.

Nella situazione dell’ultima marcatura, inoltre, Volpi prende un giallo per placcaggio solo di spalla. Si va al riposo sul 31-22, con le Zebre consapevoli di dover affrontare un momento di difficoltà.

Nonostante i 3 punti in apertura di ripresa arrivati dal piede di Eden per tenersi a contatto nel punteggio, i Lions prendono il largo con Nohamba (troppo facile la marcatura per lui) e ipotecano definitivamente la partita con Andries Coetzee, quando le Zebre sono ancora in 14 per un giallo subito da Eden proprio al termine di quello di Volpi.

Il clima già vacanziero contribuisce ad esaltare i difetti delle Zebre: indisciplina e amnesie difensive caratterizzano un secondo tempo dove la squadra di Parma non ha più il possesso del pallone, lasciando il monologo in mano a degli avversari felici di chiudere la stagione alla grande.

Nel finale di partita, dopo la meta di drive dei Lions con Rijnsburger, un lampo di bellezza con Trulla che segna su un’invenzione di Prisciantelli che prima gioca un calcetto a scavalcare per sé stesso e poi torna a usare l’esterno destro per servire il compagno e mandarlo in meta. Pitinari accorcia ulteriormente da distanza ravvicinata dopo una azione insistita sulla verticale del punto d’incontro.

Lions: 15 Quan Horn, 14 Rabz Maxwane, 13 Manuel Rass, 12 Marius Louw (c), 11 Edwill van der Merwe, 10 Gianni Lombard, 9 Sanele Nohamba, 8 Francke Horn, 7 Ruan Venter, 6 Jaco Kriel, 5 Ruben Schoeman, 4 Willem Alberts, 3 Asenathi Ntlabakanye, 2 PJ Botha, 1 Rhynardt Rijnsburger
A disposizione: 16 Morne Brandon, 17 Morgan Naude, 18 Ruan Dreyer, 19 Ruan Delport, 20 Emmanuel Tshituka, 21 Morne van den Berg, 22 Rynhardt Jonker, 23 Andries Coetzee

Marcatori Lions
Mete: Nohamba (9, 49), van der Merwe (15, 37), Kriel (31), Horn (40), Coetzee (59), Rijnsburger (66)
Trasformazioni: Nohamba (9, 31, 40, 59, 66)
Calci di punizione:

Zebre: 15 Jacopo Trulla, 14 Kobus van Wyk, 13 Richard Kriel, 12 Enrico Lucchin, 11 Simone Gesi, 10 Tiff Eden, 9 Chris Cook, 8 Giacomo Ferrari, 7 Iacopo Bianchi, 6 Guido Volpi, 5 Andrea Zambonin, 4 Leonard Krumov, 3 Matteo Nocera, 2 Luca Bigi, 1 Paolo Buonfiglio
A disposizione: 16 Marco Manfredi, 17 Juan Pitinari, 18 Muhamed Hasa, 19 David Sisi, 20 Davide Ruggeri, 21 Alessandro Fusco, 22 Geronimo Prisciantelli, 23 Damiano Mazza

Marcatori Zebre
Mete: Gesi (1, 27, 34), Trulla (68), Pitinari (72)
Trasformazioni: Eden (27, 34)
Calci di punizione: Eden (18, 44)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

URC: un rinforzo in prima linea per le Zebre 2024/25

La mischia della franchigia ducale si arrichisce di un giocatore proveniente dalla Serie A Elite

item-thumbnail

Zebre Parma: programmata un’amichevole estiva il 22 agosto

I ducali preparano la nuova stagione di URC con una seconda amichevole di livello

item-thumbnail

Zebre, parla Roselli: “Tra cambiamenti e precarietà non è stato facile, eppure sta nascendo un’eccellenza”

Il tecnico romano saluta la franchigia emiliana, con cui ha collaborato complessivamente per 6 stagioni

item-thumbnail

URC: le Zebre imbrigliano a lungo Glasgow, poi nel finale passano gli scozzesi

La franchigia ducale gioca una partita di spessore, ma non basta per ottenere la vittoria in trasferta

item-thumbnail

URC: Zebre, ultimo atto. A Glasgow per finire con orgoglio

La preview della gara che chiude la stagione della franchigia di Parma

item-thumbnail

Le ultime Zebre della stagione: la formazione per Glasgow

Luca Morisi capitano per l'ultima della gestione Roselli