Galles, Gatland: “La regola dei 60 caps? Sbarazziamocene. Credo che con l’Inghilterra si giocherà”

L’allenatore dei dragoni: “Dobbiamo eliminare il nostro campanilismo e mettere da parte gli interessi personali, per il bene del Galles”

Galles, Gatland: "La regola dei 60 caps? Sbarazziamocene. Credo che con l'Inghilterra si giocherà" (Ph. Sebastiano Pessina)

Galles, Gatland: “La regola dei 60 caps? Sbarazziamocene. Credo che con l’Inghilterra si giocherà” (Ph. Sebastiano Pessina)

Il capo allenatore del Galles, Warren Gatland, è tornato sulle questioni più annose del rugby gallese. Prima di tutto, sulla possibilità che i suoi giocatori scioperino e si rifiutino di scendere in campo per la terza giornata del Sei Nazioni 2023, contro l’Inghilterra: “Mi aspetto che la partita si giochi, i ragazzi si stanno allenando molto bene, devono solo mettere da parte per un po’ tutte le questioni esterne e concentrarsi sulla partita” ha detto in conferenza stampa.

“Le ultime settimane non sono state facili, ma a volte cose di questo tipo ti permettono di concentrarti meglio di e di arrivare ancora più preparato. Stiamo lavorando nel miglior modo possibile per la prossima settimana” ha continuato Gatland, che poi si è concentrato sulla regola dei 60 caps, che rende non convocabili tutti i giocatori gallesi che militano all’estero e non hanno raggiunto quel numero di presenze.

Leggi anche: Benetton, Bortolami dopo il k.o. di Cardiff: “Non ci sono scuse, noi troppo inconsistenti”

“Non sono sicuro sia utile allo scopo al momento. Questa situazione credo rappresenti l’occasione per dire ‘sbarazziamocene’. È una cosa della quale si dovrà parlare dopo la Coppa del Mondo, ma trovando una soluzione in breve tempo, non portandola avanti per mesi e mesi. Vengo da un paese (la Nuova Zelanda, ndr) in cui quando sei in un momento di crisi, chiudi tutti in una stanza e risolvi tutto entro 24 ore”

“Qual è la soluzione? Poteva funzionare (la regola dei 60 caps, ndr) con 4 franchigie, ma non so se potrebbe funzionare con tre o due franchigie, non avrebbe senso non avere dei giocatori potenzialmente convocabili solo perché giocano fuori dal Galles. Ognuno deve assumersi un ruolo e una responsabilità: la Nazionale, le franchigie, i club. Dobbiamo eliminare il nostro campanilismo e i nostri interessi personali, prendendo le decisioni migliori per il gioco”.

Leggi anche: Italia, Goosen verso l’Irlanda: “Rallentare il loro possesso per fermarli”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Sei Nazioni, si pensa a un cambiamento: disputare tutti gli incontri il sabato

In futuro potrebbero non esserci più partite al venerdì sera e alla domenica

10 Luglio 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra