Galles: Gatland vuole riconsiderare la regola dei 60 cap

L’allenatore del Galles stringe i tempi per discutere la regola sul numero di presenze necessarie a un giocatore che milita all’estero per essere convocato

ph. Sebastiano Pessina

Warren Gatland sta lavorando per discutere il futuro del rugby gallese di alto livello. Con un Sei Nazioni alle porte e una Coppa del Mondo sempre più vicina, il capo allenatore di origine neozelandese vuole evitare un potenziale esodo di talenti verso contratti più appetibili.

Il tema della discussione è il famoso tetto delle 60 presenze. La regola dei 60 cap infatti impedisce di giocare con la maglia del Galles ai giocatori che militano all’estero privi delle fatidiche 60 partite internazionali.

L’incertezza economica in vista della prossima stagione, con le quattro squadre professionistiche Ospreys, Scarlets, Dragons e Cardiff che rischiano di essere ridimensionate, potrebbe portare molti giocatori gallesi alla ricerca di nuovi ingaggi oltre i confini del paese.

Alcuni pezzi pregiati del movimento gallese si sono già mossi. La seconda linea dei Dragons Will Rowlands ha già firmato per il Racing 92, mentre l’ala dei Cardiff Blues Josh Adams è dato come possibile partente in direzione Lione.

Leggi anche Gatland: “Con l’Italia bisognerà costruire di 3 punti in 3 punti”, e glissa sul cucchiaio di legno…

Per questa ragione Gatland, che si era già espresso sul tema in passato, ha lanciato un segnale abbastanza chiaro: “evitiamo di spararci sul piede”. Che tradotto significa: discutiamo la regola con la governance federale per consentire alla squadra nazionale di rimanere competitiva a prescindere dalle scelte individuali degli atleti.

“Non posso incolpare i giocatori per aver esplorato altre opzioni, perché al momento esiste un certo livello di incertezza nel rugby gallese – Ha spiegato Gatland – in particolare per coloro che sono senza contratto. Devono pensare alla propria situazione personale e questo è perfettamente comprensibile dal mio punto di vista. Mi piacerebbe mantenere i nostri migliori giocatori in Galles.”

Il coach, che continua a monitare Jake Ball e Corey Hill nel campionato giapponese, ha poi concluso con l’auspicio di un passo avanti. “Dobbiamo essere pragmatici, intavolare un accordo tra federazione e regioni. Sarebbe deludente se alcuni giocatori perdessero la Coppa del Mondo.”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Leggi anche la nostra guida alle regole del rugby, per studiare/ripassare o imparare il regolamento ovale e tutte le sue sfaccettature

onrugby.it © riproduzione riservata
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: due rientri nell’Inghilterra che prepara il match di domenica con l’Italia

Innesti importanti nel reparto dei trequarti per aumentare le opzioni a disposizione di Borthwick

7 Febbraio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2023, Irlanda: è allarme infortuni per la sfida con la Francia

I "Verdi" devono fare i conti con le assenze di tanti giocatori importanti. Sexton in dubbio

6 Febbraio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia-Francia: ottimi ascolti tv per la prima partita del Sei Nazioni 2023

Il match fa registrare dati importanti nel combinato fra Sky Sport e TV8

6 Febbraio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2023, la meta più bella della giornata è quella di van der Merwe

Ma non quella inserita nel lotto delle mete in lizza per il premio ufficiale

6 Febbraio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Galles, la stampa non perdona: “Primo tempo disastroso, l’Irlanda ci ha messi in lavatrice”

I media gallesi non perdonano un primo tempo terrificante: "Difesa fragile, errori e indisciplina"

5 Febbraio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: la preview di Italia-Francia

I transalpini vorranno vincere a tutti i costi la battaglia davanti: la qualità e la quantità della risposta degli Azzurri in queste circostanze defin...

5 Febbraio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni