Gatland: “Con l’Italia bisognerà costruire di 3 punti in 3 punti”, e glissa sul cucchiaio di legno…

Il tecnico del Galles ha risposto alle nostre domande in conferenza stampa

Gatland: "Con l'Italia bisognerà costruire di 3 punti in 3 punti", e glissa sul cucchiaio di legno...

Gatland: “Con l’Italia bisognerà costruire di 3 punti in 3 punti”, e glissa sul cucchiaio di legno… Ph. Sebastiano Pessina

Comincia ufficialmente l’avvicinamento al Sei Nazioni 2023. Questa mattina si è tenuta a Londra la prima conferenza stampa di presentazione del torneo, che ha visto coinvolti tutti i capitani e gli allenatori delle sei nazionali che si contenderanno uno dei trofei più antichi del Mondo.

È intervenuto in conferenza stampa anche il neo-tecnico del Galles, Warren Gatland, tornato alla guida della selezione nazionale dopo la parentesi Pivac. Gatland, su nostra domanda, ha parlato anche della sfida contro l’Italia, prevista a Roma per la quarta giornata del Sei Nazioni.

Leggi anche: Italia, inizia il raduno per il Sei Nazioni 2023: gli ultimi aggiornamenti

“Penso che la vittoria dello scorso anno (22-21 a Cardiff, ndr) sia stata un grande risultato per l’Italia, ed è stata la dimostrazione di quello che succede quando non scendi in campo pienamente concentrato su quello che devi fare. Vincendo quella partita il Galles avrebbe avuto la possibilità di ottenere il terzo posto nel torneo” dice il tecnico, che poi analizza nel dettaglio le differenze che ci saranno rispetto all’ultima sfida.

“In partite come queste devi costruire il risultato di 3 punti in 3 punti” dice Gatland, riferendosi probabilmente alla scelta di non piazzare dello scorso Sei Nazioni: “Loro stanno avendo dei miglioramenti importanti, mi hanno impressionato per come hanno battuto l’Australia lo scorso Novembre. Stanno costruendo dalle fondamenta, come dimostrano anche i successi delle loro Under 20 in questi anni”.

Abbiamo provato anche a punzecchiare un po’ il tecnico gallese, chiedendogli se pensa che la partita di Roma possa essere una specie di “finale” per il cucchiaio di legno. Gatland ha reagito con una risata, non risparmiando però altri complimenti verso la Nazionale azzurra: “Sarà una partita difficile e per noi, penso sia importante per il Sei Nazioni che l’Italia sia competitiva e questo renderà il torneo ancora più impegnativo, per noi e per tutte le altre squadre”.

Francesco Palma

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni