Galles: Dan Biggar chiede di cambiare le regole per le convocazioni in nazionale

In un momento difficile per i Dragoni l’apertura suggerisce un cambio di rotta di una regola controversa

Galles: Dan Biggar chiede di cambiare le regole per le convocazioni in nazionale ph. Sebastiano Pessina

Galles: Dan Biggar chiede di cambiare le regole per le convocazioni in nazionale ph. Sebastiano Pessina

In un momento difficile a livello di risultati, il centurione del Galles Dan Biggar suggerisce come provare ad aumentare la competitività della Nazionale dei Dragoni. Secondo il mediano d’apertura di Northampton infatti la WRU dovrebbe abolire la regola secondo la quale solo chi ha più di 60 caps in nazionale può venire scelto se gioca in una formazione non gallese.

Leggi anche: L’ultima sconfitta gallese contro l’Australia con clamorosa rimonta subita

Questo partendo da un presupposto che non lo riguarda, visto che lui ha maturato 102 caps, ma che potrebbe riguardare talenti del futuro come Louis Rees-Zammit (Gloucester), Christ Tshiunza (Exeter) e Tommy Reffell (Leicester), i quali non hanno ancora ufficializzato il loro futuro.

Proprio su Rees Zammit, Biggar (che le voci di mercato danno in direzione Tolone per la prossima stagione) ha parlato a RugbyPass dicendo: “Qualcuno può voler rimanere a giocare in Galles, e va bene, ma ci sono persone come me alle quali invece piacciono sfide diverse. Penso che sfidare grandi squadre ogni settimana possa essere un vantaggio, a me ha dato molto”.

“Perché non poter convocare dei giocatori gallesi che militano in Inghilterra? Noi siamo un paese piccolo, per come la vedo io non conta se uno ha 10 o 100 caps, se gioca a Gloucester o a Tolone, penso che dovremmo scegliere i migliori giocatori a prescindere da questo”.

Leggi anche: Il ranking di World Rugby dopo gli ultimi due test match di novembre

La regola delle 60 presenze è stata introdotta nel 2017 e pensata per incoraggiare i giocatori gallesi a giocare nelle quattro franchigie dello URC, con la WRU che può avere voce in capitolo su quanti match vengono effettivamente disputati dai giocatori “d’interesse” e controllarli maggiormente. Tutto questo mentre, oltre ai risultati deludenti arrivati nell’ultimo mese di novembre, il Galles potrebbe perdere la seconda linea Will Rowlands su cui ci sono forti interessi da parte di formazioni della Premiership. Non avendo ancora raccolto 60 caps potrebbe rimanere fuori dalle convocazioni gallesi del prossimo futuro.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Il Sudafrica potrebbe lanciare un nuovo numero 10 nel prossimo tour estivo

Rassie Erasmus potrebbe buttare nella mischia un nuovo mediano d'apertura il 22 giugno contro il Galles

item-thumbnail

Test Match Autunniali: L’Australia sfiderà una squadra di Premiership a novembre

Una selezione di Wallabies darà il via al tour europeo

item-thumbnail

Sam Cane si ritira dal rugby internazionale: non farà più parte degli All Blacks

L'avanti chiuderà la sua esperienza alla fine del 2024

item-thumbnail

Galles: un’assenza e un ritorno di peso in vista dei test match estivi

Due degli uomini più influenti del pack ritornano a disposizione, ma non mancano le defezioni

item-thumbnail

Owen Farrell pronto a sfidare la Francia il prossimo giugno

L'apertura dei Saracens sfiderà i rivali transalpini con la maglia del World XV

item-thumbnail

All Blacks: i 7 giocatori che Scott Robertson potrebbe lanciare nel 2024

Il neo-tecnico della Nuova Zelanda ha intenzione di mischiare un po' le carte: ecco i talenti da tenere d'occhio