Warren Gatland sceglie di nuovo i Lions e stavolta si prende Johnny Sexton

Sulla sua rubrica sul Telegraph il tecnico sceglie i migliori dei test match estivi e racconta di riflettere ancora sull’esclusione del 10 irlandese

Iain Henderson si scaglia contro Warren Gatland e sul suo modo di schierare le formazioni

Warren Gatland – ph. Sebastiano Pessina

Nella sua rubrica sul Telegraph, Warren Gatland è tornato a fare il selezionatore dei British & Irish Lions: basandosi sulle prestazioni dei giocatori britannici e irlandesi durante gli ultimi test estivi, il tecnico neozelandese ha scelto quelli che oggi sarebbero i suoi 23 per un ipotetico tour.

Fra questi c’è anche Johnny Sexton, lasciato a casa solamente un anno fa dalla tournée in Sudafrica.

“A 37 anni si è semplicemente conquistato il diritto di essere in questa lista – scrive Gatland – Penso che Marcus Smith abbia qualcosa di speciale, ma se voglio vincere una partita la prossima settimana, devo mettere in campo Johnny.”

Leggi anche: Wayne Barnes ha preso la decisione giusta: la citazione su Andrew Porter è stata cancellata

“Non si può negare l’impatto che ha avuto sulla sua squadra nell’ultimo anno. In Sudafrica ero preoccupato per la serie di infortuni da cui usciva e se potesse effettivamente affrontare un tour, ma ancora mi chiedo se sia stata la giusta decisione quella di lasciarlo a casa.”

Nella sua selezione sulle colonne del quotidiano inglese, Gatland ha nominato solo 12 giocatori che hanno effettivamente preso parte al tour in Sudafrica dello scorso anno, a ulteriore testimonianza di come un anno abbia radicalmente cambiato le cose per quanto visto sul campo e nella testa dell’allenatore.

Quella su Sexton non è l’unica osservazione interessante, né l’unico riferimento alle scelte dell’anno passato. Gatland, ad esempio, si rammarica di non aver dato più spazio nei test contro gli Springboks a Josh Adams, rivela di non aver scelto James Lowe per i suoi numerosi errori difensivi (“ma è migliorato molto”) e che Tadhg Beirne è un giocatore a volte rivedibile nell’attitudine durante le sessioni di allenamento.

I 23 Lions di Warren Gatland, oggi

15 Freddie Steward – Inghilterra
14 Josh Adams – Galles
13 Robbie Henshaw – Irlanda
12 Owen Farrell – Inghilterra
11 James Lowe – Irlanda
10 Jonathan Sexton – Irlanda
9 Jamison Gibson-Park – Irlanda
8 Caelan Doris – Irlanda
7 Josh van der Flier – Irlanda
6 Courtney Lawes – Inghilterra
5 Tadhg Beirne – Irlanda
4 James Ryan – Irlanda
3 Tadhg Furlong – Irlanda
2 Jamie George – Inghilterra
1 Ellis Genge – Inghilterra

16 Dan Sheehan – Irlanda
17 Andrew Porter – Irlanda
18 Zander Fagerson – Scozia
19 Maro Itoje – Inghilterra
20 Taulupe Faletau – Galles
21 Ali Price – Scozia
22 Marcus Smith – Inghilterra
23 Jack Nowell – Inghilterra

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

All Blacks, un test in Giappone prima del tour di novembre

Si giocherà il 29 ottobre a Tokyo, prima delle sfide a Inghilterra, Scozia e Galles

item-thumbnail

Mamuka Gorgodze: “Il rugby sta diventando sempre più popolare in Georgia”

La leggenda del rugby georgiano ha commentato anche la vittoria sull'Italia e le nuove tendenze nel rugby nel suo Paese

item-thumbnail

La Francia perde Demba Bamba: lungo periodo di stop per il pilone

Il pilone dei Bleus e di Lione ha chiuso con largo anticipo il suo 2022 sportivo e si rivedrà solo l'anno prossimo

item-thumbnail

Il Rugby Europe Championship sarà a otto squadre dal 2023

Un importante cambiamento per il principale torneo europeo di seconda fascia

item-thumbnail

Dall’Inghilterra si spara a zero su All Blacks e Sam Cane, tirando in ballo Michele Lamaro

Dalle colonne del Times, Stuart Barnes si scaglia contro il capitano degli All Blacks

item-thumbnail

Inghilterra: confermata la fiducia a Eddie Jones, ma il futuro va verso Andy Farrell

La federazione vicecampione del mondo pensa alla Rugby World Cup 2023 ma anche a quella del 2027