Wayne Barnes ha preso la decisione giusta: la citazione su Andrew Porter è stata cancellata

Il pilone non è stato squalificato e sarà a disposizione sin dall’inizio del 2022-2023

Wayne Barnes ha preso la decisione giusta: la citazione su Andrew Porter è stata cancellata

Wayne Barnes ha preso la decisione giusta: la citazione su Andrew Porter è stata cancellata

All Blacks-Irlanda: terzo test, sabato 16 luglio 2022. Tuttineri e Verdi si sfidano per vincere la partita e la partita e la serie.

Al 50′ Andrew Porter, pilone irlandese, placca alto Retallick – che si frattura lo zigomo – e viene ammonito dal direttore di gara Wayne Barnes, che procede con il provvedimento dopo una revisione con tutta la sua squadra arbitrale.

Si va avanti, il match finisce, l’Irlanda si impone in trasferta 22-32, eppure l’eco di quell’intervento e di quel provvedimento non si spegne, anche perché nel Test Match numero 2 della serie un intervento simile di Angus Ta’avao ai danni di Ringrose era stato punito con il rosso.

Ieri infatti, lunedì 18 luglio, il Citing Commisioner del match, l’australiano James Sherriff cita il prima linea per il suo intervento di fatto quasi “sconfessando” l’operato di Barnes.

Il giudizio viene fissato per oggi, martedì 19 luglio, davanti alla Commissione Indipendente Giudicante. In Irlanda pensano che Porter verrà squalificato e che la prima parte della stagione 2022-2023 sia compromessa, tuttavia questo non succede: la citazione viene dismessa, cancellata.

Wayne Barnes ha preso la decisione giusta: la citazione su Andrew Porter è stata cancellata

“Il Comitato Indipendente della Commissione Giudicante – si legge nel comunicato di World Rugby –  presieduto da Adam Casselden (Australia), affiancato dall’ex giocatore della nazionale sudafricana Stefan Terblanche e dall’ex tecnico della nazionale scozzese Frank Hadden, ha ascoltato il caso e considerato tutte le prove disponibili, inclusi molteplici angoli di trasmissione televisiva e le osservazioni dal giocatore e dal suo rappresentante legale, Aaron Lloyd”.

“Il giocatore – prosegue – ha ammesso di aver commesso un atto di antigioco, ma ha affermato che la soglia del cartellino rosso non era stata raggiunta e che il cartellino giallo emesso in quel momento dagli ufficiali di gara era corretto nelle circostanze”.

“Dopo aver considerato tutte le prove, il Comitato Indipendente applicando le normative di World Rugby ha concordato con la decisione presa sul campo dagli ufficiali di gara: l’atto di antigioco del giocatore, per violazione della legge 9.13, non ha soddisfatto la soglia del cartellino rosso, a causa del natura assorbente del placcaggio (fattore mitigante, ndr). Su tale base, il Comitato Indipendente ha ritenuto che l’atto di antigioco non meritasse ulteriori sanzioni. La citazione è stata dismessa”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

All Blacks, un test in Giappone prima del tour di novembre

Si giocherà il 29 ottobre a Tokyo, prima delle sfide a Inghilterra, Scozia e Galles

item-thumbnail

Mamuka Gorgodze: “Il rugby sta diventando sempre più popolare in Georgia”

La leggenda del rugby georgiano ha commentato anche la vittoria sull'Italia e le nuove tendenze nel rugby nel suo Paese

item-thumbnail

La Francia perde Demba Bamba: lungo periodo di stop per il pilone

Il pilone dei Bleus e di Lione ha chiuso con largo anticipo il suo 2022 sportivo e si rivedrà solo l'anno prossimo

item-thumbnail

Il Rugby Europe Championship sarà a otto squadre dal 2023

Un importante cambiamento per il principale torneo europeo di seconda fascia

item-thumbnail

Dall’Inghilterra si spara a zero su All Blacks e Sam Cane, tirando in ballo Michele Lamaro

Dalle colonne del Times, Stuart Barnes si scaglia contro il capitano degli All Blacks

item-thumbnail

Inghilterra: confermata la fiducia a Eddie Jones, ma il futuro va verso Andy Farrell

La federazione vicecampione del mondo pensa alla Rugby World Cup 2023 ma anche a quella del 2027