URC: si continua con le Zebre, per ora

In un’intervista il presidente FIR Marzio Innocenti spiega che cosa ha convinto il Consiglio federale a puntare ancora su Parma

Marzio Innocenti ha dichiarato che il Petrarca dovrà attendere, per lo URC avanti con le Zebre – ph. Sebastiano Pessina

Secondo il presidente della FIR Marzio Innocenti: “La situazione economica e il progetto sportivo delle Zebre Parma adesso vanno nella direzione auspicata dalla Federazione italiana Rugby”.

Lo ha detto in un’intervista a Il Gazzettino, interpellato nuovamente sulla questione della candidatura del Petrarca a sostituire le Zebre nel novero delle due franchigie italiane coinvolte nello URC.

Un avvicendamento che, per il momento, Innocenti scongiura in maniera netta, come fatto in recenti dichiarazioni. Una posizione, quella assunta dal presidente federale, che in altre occasioni non era stata così chiara: il numero 1 della FIR non aveva lesinato critiche alla franchigia di Parma.

Leggi anche: Benetton, inizia la stagione 2022/2023

Stavolta, invece, elenca minuziosamente le motivazioni per cui, almeno nel medio termine, a Parma si può stare tranquilli. La FIR continuerà a puntare sulle Zebre e non ha emesso il bando pubblico per l’assegnazione della franchigia che sembrava intenzionata a pubblicare.

“Ora la situazione economica della franchigia è sotto controllo. Le Zebre nella stagione appena conclusa hanno operato un risparmio sul budget. che continuerà anche la prossima stagione. permettendo di ridurre l’apporto finanziario fornito dalla federazione.”

“Hanno cominciato ad aumentare le entrate provenienti dagli sponsor. Hanno continuato a rientrare del debito contratto con la FIR, attualmente ridotto di quasi la metà rispetto a quello iniziale.”

Leggi anche: Due avanti e tre trequarti lasciano le Zebre risolvendo il loro contratto

“Sulla nuova situazione economica si innesta poi la novità del progetto tecnico. Le Zebre la prossima stagione avranno una base fatta di circa trenta giovani italiani, tutti di interesse nazionale, come Neculai, Hasa, Zambonin, Trulla, Ferrari, solo per fare qualche nome. Insieme a loro ci saranno una decina di stranieri ingaggiati in modo mirato per fare da chioccia, più un’Accademia giovanile di appoggio attiva già da un anno.”

“Terza svolta un abbozzo di collaborazione con l’altra franchigia del Benetton che prima non c’era: scambio di giocatori, condivisione di programmi, eccetera. Infine il rinnovato management delle Zebre, che ora va nella stessa direzione della FIR.”

“Quattro importanti novità che ci inducono a continuare in questa direzione. L’obiettivo è far crescere i giovani per la nazionale in un contesto del genere, che prima non c’era. Se ci riusciremo bene, se fallirà ne riparleremo cercando un nuovo partner.”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Tornano gli Open Day FIR: porte aperte il 17 e 18 settembre

Un momento di accoglienza e aggregazione che punta a seminare cultura ovale

10 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Caso Castrogiovanni: World Rugby non aprirà nessuna indagine a riguardo

Il Board non ha intenzione di approfondire una questione che era già venuta fuori nel 2009

9 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

FIR: approvato il nuovo regolamento sull’impiantistica

Sarà in vigore dal 2023/2024 e consentirà di togliere ai club le responsabilità legate alle deroghe sulle omologazioni

5 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Franco Smith: “Volevo tornare ad allenare. Da c.t. non avevo le armi per competere, c’era poca esperienza”

L'ex allenatore e responsabile dell'alto livello dell'Italia racconta le motivazioni del suo addio

4 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale