Argentina, la formazione per la sfida alla Scozia

I Pumas tornano a giocare in casa dopo più di 1000 giorni, torna nei 23 Agustin Creevy

Argentina Scozia- ph. S. Pessina

Argentina, la formazione per la sfida alla Scozia- ph. S. Pessina

Agustin Creevy mancava dalla nazionale argentina dal 9 ottobre 2019, quando i Pumas sfidarono gli USA alla Rugby World Cup in Giappone.

Ancora più lunga era l’assenza della selezione albiceleste dal proprio paese: sono passati oltre 1000 giorni dall’ultima partita in casa dell’Argentina.

Entrambe i digiuni si concluderanno sabato 2 luglio quando all’Estadio 23 de Agosto di San Salvador de Jujuy l’Argentina ospiterà la Scozia con Agustin Creevy in panchina, pronto a subentrare al capitano Julian Montoya e ad ottenere il proprio cap numero 90.

Leggi anche: Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming dall’1 al 2 luglio

Un ribaltamento di ruoli rispetto al passato. Michael Cheika però non ha molti dubbi sulla propria Argentina, alla prima uscita da quando è commissario tecnico: subito dentro i più collaudati, senza badare all’età né guardare troppo al futuro. L’obiettivo è chiaro: bisogna quagliare subito, per arrivare al meglio alla Rugby World Cup 2023.

Ecco dunque che l’Argentina dell’australiano è simile a quella di Ledesma: il pilone del Benetton Tetaz Chaparro con Gomez Kodela in prima linea, le qualità atletiche del duo Petti e Alemanno in seconda, la conferma dell’emergente Juan Martìn Gonzalez in terza insieme al ruvido Marcos Kremer e a Pablo Matera.

In cabina di regia grande esperienza con Tomas Cubelli e Nicolas Sanchez che accumulano un totale di 175 caps in due.

Ad estremo Juan Cruz Mallìa del Tolosa è preferito a Santiago Carreras che, con la numero 22 in panchina, potrebbe essere il backup anche di Sanchez all’apertura, ruolo in cui ha giocato ultimamente in nazionale.

La formazione della Argentina per il match con la Scozia

1. TETAZ CHAPARRO, Nahuel (67 caps)
2. MONTOYA, Julián (75 caps, C)
3. GÓMEZ KODELA, Francisco (21 caps)
4. PETTI, Guido (66 caps)
5. ALEMANNO, Matías (73 caps)
6. GONZÁLEZ, Juan Martín (8 caps)
7 KREMER, Marcos (44 caps)
8. MATERA, Pablo (80 caps)
9. CUBELLI, Tomás (82 caps )
10. SÁNCHEZ, Nicolás (93 caps)
11. BOFFELLI, Emiliano (38 caps)
12. DE LA FUENTE, Jerómino (65 caps)
13. ORLANDO, Matías (47 caps)
14. CORDERO, Santiago (44 caps)
15. MALLÍA, Juan Cruz (13 caps)

A disposizione:
16. CREEVY, Agustín (89 caps)
17. VIVAS, Mayco (12 caps)
18. SCLAVI, Joel (sin caps)
19. PAULOS, Lucas (5 caps)
20. ISA, Facundo (37 caps)
21. BERTRANOU, Gonzalo (38 caps)
22. CARRERAS, Santiago (19 caps)
23. MORONI, Matías (57 caps)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

All Blacks, un test in Giappone prima del tour di novembre

Si giocherà il 29 ottobre a Tokyo, prima delle sfide a Inghilterra, Scozia e Galles

item-thumbnail

Mamuka Gorgodze: “Il rugby sta diventando sempre più popolare in Georgia”

La leggenda del rugby georgiano ha commentato anche la vittoria sull'Italia e le nuove tendenze nel rugby nel suo Paese

item-thumbnail

La Francia perde Demba Bamba: lungo periodo di stop per il pilone

Il pilone dei Bleus e di Lione ha chiuso con largo anticipo il suo 2022 sportivo e si rivedrà solo l'anno prossimo

item-thumbnail

Il Rugby Europe Championship sarà a otto squadre dal 2023

Un importante cambiamento per il principale torneo europeo di seconda fascia

item-thumbnail

Dall’Inghilterra si spara a zero su All Blacks e Sam Cane, tirando in ballo Michele Lamaro

Dalle colonne del Times, Stuart Barnes si scaglia contro il capitano degli All Blacks

item-thumbnail

Inghilterra: confermata la fiducia a Eddie Jones, ma il futuro va verso Andy Farrell

La federazione vicecampione del mondo pensa alla Rugby World Cup 2023 ma anche a quella del 2027