È morto a 52 anni l’ex All Black Va’aiga Tuigamala

Uno dei giocatori più forti degli Anni Novanta, considerato il predecessore di Jonah Lomu

Vaiga Tuigamala con la maglia degli All Blacks – ph. STAFF / AFP

È scomparso prematuramente, all’età di 52 anni, l’ex trequarti ala degli All Blacks Va’aiga Tuigamala, detto Inga per via della pronuncia del suo nome (vainga), uno dei giocatori più forti degli Anni Novanta.

Giocatore esplosivo ed estremamente muscolare in un rugby che stava cambiando improvvisamente, Tuigamala ha rappresentato la Nuova Zelanda e Samoa a livello internazionale (rispettivamente 19 e 23 caps), ha vinto la Premiership con i Wasps e i Newcastle Falcons e ha giocato sia a rugby union che a rugby league.

Ha partecipato a tre edizioni della Rugby World Cup, lasciando traccia di sé soprattutto in quella del 1991, dove fu una delle stelle della rappresentativa neozelandese.

Leggi anche: Inga Tuigamala, che non volle essere Lomu

Nonostante non fosse un professionista inappuntabile, tanti dei suoi compagni lo hanno ricordato per il suo carisma e il forte sentimento di amicizia che è stato in grado di mantenere negli anni.

I ricordi più commossi, tra quelli apparsi pubblicamente sui social networks, sono stati quelli di Tom May e Jason Robinson.

May, ex compagno di Tuigamala ai Newcastle Falcons e oggi commentatore sportivo, ha scritto sul suo account Twitter: “Inga ha fatto tantissimo per me, ha preso tutti noi sotto la sua ala, ci ha tenuti d’occhio e aiutati. Durante la pandemia, ha fatto un discorso fantastico a mia figlia durante una chiamata Zoom. Grazie fratello.”

Robinson, invece, ha postato una sua foto insieme a Tuigamala ai tempi del Wigan, squadra di rugby league dove entrambi militavano prima di passare (o tornare, come nel caso del neozelandese) all’union: “Devo tantissimo a quest’uomo! Mi ha letteralmente cambiato la vita quando è arrivato ai Wigan Warriors dalla Nuova Zelanda.”

Leggi anche: Jason Robinson, dalla vetta al suicidio. Salvato da un compagno

Dopo la conclusione della sua carriera sportiva aveva messo su una palestra di boxe e una azienda di servizi funebri. Le cause della morte non sono state divulgate pubblicamente.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Uno studio scientifico per spiegare i rapporti tra un club e la sua Academy

Lo ha pubblicato il manager delle giovanili del Munster, che ha preso spunto da un match giocato a dicembre senza 48 seniores tra giocatori e staff

19 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Quando la natura umana sorprese Jean de Villiers nel momento sbagliato

Schalk Burger ha raccontato un episodio tragicomico del suo ex compagno di nazionale, che nel 2007 ebbe un'emergenza appena prima di giocare

18 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

World Rugby Ranking: gli All Blacks respirano e risalgono in classifica

La Nuova Zelanda risale e abbandona quello che era il peggior piazzamento della sua storia

17 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

I Briganti di Librino in trasferta in Inghilterra

Saranno ospiti del Bolton, squadra dilettantistica gemellata con il club catanese

12 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Ed Slater e la convivenza con SLA

L'ex giocatore di Gloucester ha raccontato com'è venuto a conoscenza della malattia e come si sta preparando ai prossimi mesi

9 Agosto 2022 Terzo tempo