Jason Robinson, dalla vetta al suicidio. Salvato da un compagno

I trionfi nel rugby a 13 e in quello a 15, il titolo mondiale del 2003 ma anche l’abisso dell’alcolismo. Poi arrivò Va’aiga Tuigamala

ph. Andrew Budd/Action Images

ph. Andrew Budd/Action Images

Una grande, grandissima carriera sportiva a cavallo tra rugby league e rugby a 15. Eppure non importa quanto in alto puoi essere, se uno ha dei problemi che covano dentro di sé quelli non ti lasceranno mai. E così questa sera ITV4 trasmetterà (nel Regno Unito) il documentario Jason Robinson: Sports Life Stories nel quale l’ex campione del mondo 2003 racconta i suoi problemi con l’alcol (noti) e il fatto di aver pensato al suicidio: “A un certo punto ero in una situazione tale che ero ubriaco anche per sei giorni a settimana – dice l’ex ala che ha disputato una finale mondiale andche di rugby a 13 – Il lunedì a Wakefield c’era una serata da 10 pence a pinta, il martedì generalmente a Liverpool, mercoledì Oldham, giovedì a Wigan. E dopo la partita andavamo in un qualsiasi posto”.
Poi il pensiero del suicidio: “Ricordo che ero seduto nlla mia camra da letto con un coltello per tagliare la carne. Non volevo continuare a vivere così e una notte ho davvro pensato di farla finita, piangevo come un bambino. A salvarmi fu Va’aiga Tuigamala”.

 

Una vita bagnata dal succeso quella di Robinson ma per nulla facile: abbandonato dai suoi genitori naturali, malmenato dal patrigno, una gioventù complicata segnata da atti di vandalismo fini a se stesso. Poi il rugby, prima quello a 13 (Robinson è di Leeds, una delle culle della league inglese) con enorme successo e popolarità, quindi il salto nell’altro codice, con uguali ed enormi risultati. Eppure… arrivarono così gli arresti per aggressione e danni.
A salvarlo, appunto, il compagno di squadra del Wigan Va’aiga Tuigamala che lo spinse verso il cristianesimo: “Se non fosse stato per lui non sarei qui e non avrei le speranze che ho adesso, mise il mio ambiente e la mia vita sotto un altro aspetto e ne cambiò la direzione. E la speranza è qualcosa che la gente non può perdere”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Marco Fuser è ufficialmente un giocatore dei Newcastle Falcons

Lascia Treviso dopo 8 intense stagioni

4 Agosto 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Cosa aspettarsi dal fondo CVC nel rugby?

Ne ha parlato, su Rugby World Magazine, Nick Clarry, CEO della divisione sportiva del fondo

3 Agosto 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

Rugby mercato di grossa taglia per London Irish e Tolone

Gli inglesi ingaggiano un seconda linea da oltre 90 cap con l'Australia, un Campione del Mondo rimane a Tolone

2 Agosto 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

Due super star All Blacks ai Kobelco Steelers

Il team giapponese rinforza la squadra con una coppia da urlo

31 Luglio 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

Cosa succederà agli Exeter Chiefs?

La formazione inglese ha preso una decisione dopo le richieste dei tifosi di modificare il nome, il logo e non solo...

30 Luglio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Saracens v Stormers: super sfida intercontinentale in arrivo

Dovrebbe andare in scena nel 2021, a Londra

26 Luglio 2020 Emisfero Nord / Premiership