Italia: Kieran Crowley dice la sua sul poco utilizzo degli azzurri in Inghilterra

Il commissario tecnico torna a parlare delle sue scelte verso il Sei Nazioni 2022 ormai sempre più vicino al suo inizio

Italia: Kieran Crowley dice la sua sul poco utilizzo degli azzurri in Inghilterra. PH Sebastiano Pessina

Italia: Kieran Crowley dice la sua sul poco utilizzo degli azzurri in Inghilterra. PH Sebastiano Pessina

Con il Sei Nazioni distante ormai meno di tre settimane, sale sempre di più la temperatura intorno all’Italia ovale. Sul Gazzettino Ivan Malfatto ha intervistato il Commissario Tecnico azzurro Kieran Crowley, l’ottavo allenatore straniero sulla panchina nostrana in 23 anni di Championship. Dopo le convocazioni rese pubbliche la scorsa settimana, con la netta prevalenza (23 su 33) di giocatori del Benetton, Crowley ha sottolineato i due obiettivi più importanti da centrare con l’Italia nel torneo imminente: “Migliorare in difesa, dove abbiamo concesso il maggior numero di mete e punti rispetto a tutte le altre squadre, e nella disciplina. Svolgeremo, per quest’ultimo punto, allenamenti specifici aiutati dalla classe arbitrale”.

Leggi anche: Italia, i convocati verso il Sei Nazioni 2022

Crowley ha poi approfondito alcuni aspetti delle sue convocazioni, giustificando i soli 5 convocati delle Zebre con lo scarsissimo minutaggio avuto dalla franchigia ducale negli ultimi due mesi (soli due match giocati), sottolineando come la porta per il futuro sia comunque aperta ma che servano certi tipi di prestazioni. Quello dei minutaggi è un problema non certo secondario, visto che ci sono anche elementi come Parisse che hanno giocato poco in questa stagione, ma come già detto Crowley è in contatto con l’ex capitano azzurro e si è dichiarato pronto a convocarlo per la seconda parte del torneo.

Leggi anche: L’intervista di OnRugby a Kieran Crowley

Nell’intervista con il Gazzettino, un passaggio interessante è riservato a Varney, convocato nonostante anche lui fin qui abbia trovato poco spazio a Gloucester: “Negli ultimi tempi al Gloucester ha disputato due match di Premiership e due nella competizione minore. Dovrebbe giocare di più, ma non abbiamo il controllo sui club inglesi. Preferiscono usare giocatori locali per avere i contributi dalla federazione. È lo stesso problema di Fuser, o di Minozzi nella convocazione di novembre”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Leggi anche la nostra guida alle regole del rugby, per studiare/ripassare o imparare il regolamento ovale e tutte le sue sfaccettature

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia: le ultime novità sul possibile terzo test-match estivo

Dovrebbe mancare solo l'ufficialità di World Rugby per il test match degli azzurri previsto il 2 luglio

17 Maggio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Giammarioli: “Worcester non mi ha imposto nessun divieto per la Nazionale”

La terza linea racconta come si sono svolte le trattative coi Warriors e il suo rapporto con la Nazionale

27 Aprile 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italiani all’estero: un problema o un vantaggio?

Ecco il punto di vista del direttore tecnico della FIR Daniele Pacini

27 Aprile 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: in vendita i biglietti per le partite in casa dell’Italia

Tre i match in agenda: contro Francia, Irlanda e Galles

26 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Callum Braley si ritira dall’attività internazionale

Il mediano di mischia lascerà il Benetton e ha deciso di non vestire più la maglia della Nazionale

20 Aprile 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Il calendario del Sei Nazioni 2023

Si comincia il 4 febbraio, si chiude il 18 marzo. Per l'Italia ci sarà la Francia all'esordio e la Scozia all'ultimo turno

20 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni