Sport e Salute ha approvato i contributi alle federazioni sportive, compresa la FIR, nel 2022

Cifra stabile rispetto alla scorsa stagione per la federazione ovale

Il CONI ha approvato i contributi alle federazioni sportive, compresa la FIR, nel 2022

Il CONI ha approvato i contributi alle federazioni sportive, compresa la FIR, nel 2022

Il CDA di sport e Salute, come riportato dal post, ha approvato poco prima di Natale l’assegnazione dei contributi pubblici 2022 (quest’anno di 288 milioni, 8 in più di quelli distribuiti nel 2021) agli Organismi Sportivi italiani, quindi a federazioni ed enti riconosciuti dal Coni.

Entrate per i suddetti enti da reinvestire con le due seguenti finalità: “l’organizzazione ed il potenziamento dello sport nazionale, ed in particolare la preparazione degli atleti e l’approntamento dei mezzi idonei per le Olimpiadi e per tutte le altre manifestazioni sportive nazionali o internazionali” e “la promozione della massima diffusione della pratica sportiva”.

La scorsa estate avevamo spiegato scendendo nei dettagli con quali criteri lavora l’algoritmo che definisce la distribuzione – sotto appunto le indicazioni dell’azienda pubblica Sport e Salute S.p.A (prima chiamata CONI Servizi e controllato dal CONI) che è ora sotto la gestione del ministero dell’Economia – della somma complessiva. A questo giro, però, differentemente dai criteri dello scorso anno, come spiega proprio Sport e Salute “aumenta al 30% l’incidenza della pratica sportiva, mentre il “peso” dei risultati sportivi passa al 60%, ed il rimanente 10% è il valore dato all’efficientamento delle risorse“.

La stessa Sport e Salute che ha tenuto a precisare come ad ogni modo non ci siano stati tagli per nessun organismo coinvolto. Qualche entità percepirà più soldi rispetto all’anno precedente, altre invece manterranno stabile il loro introito, come la FIR (il cui “incasso” sarà il 14esimo più elevato), la cui cifra – di poco inferiore ai 6 milioni – è rimasta di fatto invariata dal 2021.

Sul podio delle federazioni che riceveranno più contributi, al fianco del re calcio, sport nazionale, ci sono pallavolo (seconda) e nuoto (terzo) – entrambi ad un terzo degli incassi (13 milioni contro i 36 del pallone), due sport che per numero di praticanti e risultati ottenuti veleggiano su alti livelli. Appena dietro l’Atletica Leggera.

Leggi anche: Dalla Siberia alla Premiership, le mille peripezie di Kirill Gotovtsev

La lista delle 14 federazioni che ricevono più contributi nel 2022, sino alla FIR (cifra in euro)
Calcio – FIGC (36.229.054)
Pallavolo – FIPAV (13.637.320)
Nuoto – FIN (13.409.103)
Atletica Leggera – FIDAL (12.726.155)
Sport Invernali – FISI (10.819.043)

Tennis – FIT (10.172.411)
Ciclismo – FCI (9.661.243)
Basket – FIP (9.463.079)
Scherma – FIS (8.347.387)
Judo Lotta Karate – FIJLKAM (8.154.912)

Ginnastica – FGI (7.950.376)
Tiro al volo – FITAV (7.260.261)
Sport del ghiaccio – FISG (5.940.477)
Rugby – FIR (5.929.036)

Clicca qui per vedere la tabella comprensiva dei contributi di ognuna delle 44 federazioni olimpiche.

Leggi anche, Tutti i ruoli del rugby

Leggi anche, Glossario del rugby: squadre e competizioni

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news. Dai uno sguardo anche alla nostra pagina Instagram, sempre ricca di spunti.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Tornano gli Open Day FIR: porte aperte il 17 e 18 settembre

Un momento di accoglienza e aggregazione che punta a seminare cultura ovale

10 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Caso Castrogiovanni: World Rugby non aprirà nessuna indagine a riguardo

Il Board non ha intenzione di approfondire una questione che era già venuta fuori nel 2009

9 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

FIR: approvato il nuovo regolamento sull’impiantistica

Sarà in vigore dal 2023/2024 e consentirà di togliere ai club le responsabilità legate alle deroghe sulle omologazioni

5 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Franco Smith: “Volevo tornare ad allenare. Da c.t. non avevo le armi per competere, c’era poca esperienza”

L'ex allenatore e responsabile dell'alto livello dell'Italia racconta le motivazioni del suo addio

4 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale