World Rugby Awards 2021: assegnato il premio di rivelazione e allenatore dell’anno

Will Jordan vince grazie alle sue 15 mete in 11 partite. A Simon Middleton dell’Inghilterra il premio per miglior tecnico

World Rugby: assegnato gli Awards per la rivelazione e l’allenatore dell’anno – ph. FRANCK FIFE / AFP

World Rugby ha annunciato martedì 7 dicembre i vincitori degli Awards per le categorie di rivelazione dell’anno e di allenatore dell’anno: Will Jordan, trequarti dei Crusaders e degli All Blacks, ha conquistato il primo; l’allenatore delle Red Roses, la nazionale inglese femminile, Simon Middleton ha vinto il secondo.

L’ala degli All Blacks è reduce da un anno solare dove ha, a dir poco, fatto fuoco e fiamme. Negli ultimi 18 anni di rugby internazionale infatti nessuno è riuscito a segnare 15 mete come Jordan e per trovare qualcuno che abbia fatto meglio serve tornare alle 18 di un’altra ala neozelandese, Joe Rokocoko, nel 2003. Un riconoscimento meritato per un trequarti che, anche durante la stagione con i Crusaders, ha saputo sempre essere decisivo.

Leggi anche: World Rugby Awards 2021: i premi per la meta più bella dell’anno

Nel 2021 nessuno ha vinto tanto quanto Simon Middleton. L’head coach della nazionale femminile dell’Inghilterra ha conquistato il terzo Sei Nazioni consecutivo, raggiunto l’invidiabile traguardo di 18 vittorie consecutive e portato la sua squadra a dominare il ranking mondiale: lo scorso 4 gennaio le Red Roses erano prime con appena 0.42 punti di vantaggio sulle Black Ferns, la nazionale neozelandese.

Leggi anche: I migliori 20 giocatori del 2021 secondo Rugby World: vince un francese su un All Black

Undici mesi più tardi, dopo aver, tra le altre cose, battuto in maniera netta e inequivocabile proprio le neozelandesi, l’Inghilterra ha ora 7 punti di vantaggio dalla prima inseguitrice. Il tutto segnando 57 mete e concedendone appena 10 in tutto il 2021.

Middleton è il primo capo allenatore di una squadra femminile a vincere il premio come allenatore dell’anno. Il tecnico è al settimo anno in carica ed ha battuto la concorrenza di Allan Bunting e Cory Sweeney (Nuova Zelanda 7s femminile), Ian Foster (All Blacks) e Dave Rennie (Wallabies).

È stato anche dato un riconoscimento alla carriera dell’arbitro australiano Andrew Cole, ritiratosi a livello internazionale nel 2005.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui per restare aggiornato sul regolamento del rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

European OnRugby Ranking: l’ultima classifica prima del Sei Nazioni

Altra settimana intensa per il rugby di club, prima dell'inizio del torneo più antico del mondo

1 Febbraio 2023 Terzo tempo
item-thumbnail

Campbell Johnstone fa coming out: è il primo All Black dichiaratamente gay

Ha giocato nei Crusaders, a Biarritz, negli Ospreys, in Russia e in Romania. Nel 2005 ha ottenuto 3 caps con la nazionale neozelandese

31 Gennaio 2023 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: il Benetton sale in Top 15

I biancoverdi risalgono ancora grazie alla sesta vittoria consecutiva

25 Gennaio 2023 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: il Benetton risale ancora

Edimburgo e Bulls salgono , crollano Clermont e Sale dopo il terzo turno di Challenge e Champions Cup

18 Gennaio 2023 Terzo tempo
item-thumbnail

I fratelli Paolo e Alessandro Garbisi si raccontano a vicenda

In una lunga doppia intervista a Rugby World, i due mediani azzurri hanno raccontato il loro rapporto e il loro percorso rugbistico

12 Gennaio 2023 Terzo tempo
item-thumbnail

Dietro le quinte dei BaaBaas con il documentario Being Barbarians

La produzione video di RugbyPass ritrae la squadra ad inviti nei momenti più importanti e irriverenti della loro attività

11 Gennaio 2023 Terzo tempo