Folau, Sopoaga, e tutti quelli che potrebbero “cambiare casacca” con le nuove regole di World Rugby

Sono tanti i giocatori che potrebbero beneficiare dello “switch”, e alcuni sono anche molto conosciuti

Folau, Sopoaga, e tutti quelli che potrebbero "cambiare casacca" con le nuove regole di World Rugby

Folau, Sopoaga, e tutti quelli che potrebbero “cambiare casacca” con le nuove regole di World Rugby ph. Sebastiano Pessina

Le nuove regole sull’eleggibilità nel rugby internazionale hanno aperto nuovi e curiosi scenari per il futuro. Chiaramente, uno degli obiettivi di questo cambiamento è rimediare – per quanto possibile – al “saccheggio” perpetrato nei confronti delle nazioni isolane, e in quest’ottica si inserisce anche l’aumento degli anni di residenza necessari (da 3 a 5) per l’equiparazione.

Ma cosa significa, concretamente, questa nuova regola? Vuol dire che tanti giocatori che hanno vestito la maglia di nazionali di alto livello, ma che da anni non sono più nel giro, potranno avere – se lo vorranno – una nuova occasione di scendere in campo a livello internazionale con la propria nazione d’origine.

È il caso, ad esempio, di Lima Sopoaga: apertura (e ai Wasps anche estremo, in alternanza con Minozzi) con 16 presenze negli All Blacks, e protagonista anche del capitolo della serie Amazon Prime “All or Nothing” dedicato ai tuttineri. Sopoaga non veste la maglia della nazionale neozelandese da oltre 3 anni, ed è di origine samoana: questo vuol dire che – se lui e la formazione isolana volessero – potrebbe scendere in campo con la maglia delle Samoa. Volendo esagerare, persino Julian Savea – campione del mondo 2015 con gli All Blacks, che ha concluso la sua esperienza in nazionale nel 2017 – potrebbe tentare un’esperienza con la selezione samoana. Inoltre, giocatori con un discreto passato con gli All Blacks, come Steve Luatua (15 caps) in passato si erano schierati a favore di questa possibilità.

Tra i “papabili”, il nome più caldo è certamente quello di Israel Folau: licenziato dalla federazione australiana per le ben note frasi omofobe pubblicate sui social, l’ex Wallabies ha fatto la spola tra Europa e Australia nel Rugby League, per poi firmare un contratto in Giappone tornando al Rugby a 15. La sua ultima apparizione con l’Australia risale al 24 novembre 2018, contro l’Inghilterra. Questo significa che sono passati esattamente 3 anni dal suo ultimo match in nazionale: Folau è di origine tongana, per cui – se volesse – potrebbe rilanciarsi nel rugby internazionale proprio con la maglia di Tonga.

Per quanto riguarda l’Italia invece, al momento l’unico nome “spendibile” è quello di Alex Lozowski, attualmente ai Saracens e con 5 presenze nella nazionale inglese tra il 2017 e il 2018. Per il resto, difficile immaginare altri scenari, anche perché l’altro nome “caldo” in ottica azzurra – Paolo Odogwu – può essere convocato anche senza l’ausilio di questa regola, non avendo ancora debuttato con la maglia dell’Inghilterra.

In teoria, qualsiasi oriundo o equiparato che non gioca da 3 anni con la nazionale scelta potrebbe effettuare questo “switch”, per cui la lista di nomi sarebbe potenzialmente infinita. Pensiamo a Vaea Fifita, che ha giocato con gli All Blacks fino al 2019 e che quindi – fra un anno – sarebbe selezionabile per Tonga, o a Nathan Hughes che non veste la maglia dell’Inghilterra da 2 anni e mezzo e che quindi fra 6 mesi potrebbe giocare per le Fiji. Per questo motivo, nell’elenco che segue, sono inclusi soltanto alcuni dei nomi più gettonati che allo stato attuale non sono più nel giro della propria nazionale e che potrebbero tornare a giocare nelle selezioni isolane.

Non solo Folau e Sopoaga quindi, ecco quindi alcuni nomi tra coloro che potrebbero effettuare lo “switch” con le nuove regole di World Rugby:

Samoa: Lima Sopoaga, Victor Vito, Francis Saili, Steve Luatua, Joe Tomane, Julian Savea

Tonga: Israel Folau, Charles Piutau, George Moala, Sekope Kepu, Augustine Pulu

Fiji: Henry Speight, Seta Tamanivalu

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

I vincitori del 42° torneo di Minirugby “Città di Treviso”

Grande spettacolo nella bellissima giornata dello Stadio Monigo, presenti anche i giocatori del Benetton e il sindaco di Treviso

23 Maggio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Il Servette, la squadra svizzera dei record: 8 promozioni in 8 anni

La straordinaria storia del club di Ginevra rinato nel 2014 e che da allora ha solo vinto

19 Maggio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: La Rochelle e Tolone volano in finale e in classifica

I gialloneri inseguono Leinster: la finale di Champions Cup decide tutto

18 Maggio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Le nuove regole di World Rugby per medici e portatori d’acqua

Dopo le polemiche della scorsa estate sul Sudafrica, la federazione internazionale restringe il campo d'azione del personale medico

17 Maggio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Michele Rizzo: dal campo allo staff della Verona Rugby Academy

L’ex pilone Azzurro racconta l’impegno di coach dei giovani avanti, ruolo che il prossimo anno rivestirà anche per la prima squadra scaligera

12 Maggio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

European Onrugby Ranking: Leinster vola in vetta, crollo Leicester

Il weekend delle Coppe Europee causa diversi sconvolgimenti nella classifica settimanale. Benetton e Zebre ferme in attesa del derby di sabato

12 Maggio 2022 Terzo tempo