World Rugby cambia la regola sull’eleggibilità nel rugby internazionale

La cosa riguarda il possibile cambio di “casacca” di giocatori che hanno già all’attivo dei caps

World Rugby cambia la regola sull'eleggibilità nel rugby internazionale

World Rugby cambia la regola sull’eleggibilità nel rugby internazionale (Ph. Sebastiano Pessina)

Il Consiglio Mondiale di World Rugby ha dato il via libera: dall’1 gennaio 2022 le regole sull’eleggibilità all’interno dello scenario del rugby internazionale subiscono un’importante modifica. Tutti i giocatori infatti che hanno almeno totalizzato 1 cap con una nazionale, ma che non vengono convocati dalla stessa per tre anni, saranno liberi di poter cambiare casacca – solo una volta nel corso della propria carriera – a patto che vadano a giocare per la propria nazione di nascita o di origine familiare.

Leggi anche, Eleggibilità nel rugby internazionale: dopo tre anni senza convocazione, un possibile cambio di casacca?

World Rugby cambia la regola sull’eleggibilità nel rugby internazionale

Un emendamento alla regola 8, questo, che tutela in particolare le nazionali del Pacifico – Tonga, Fiji e Samoa – ma non solo, consentendo peraltro degli “switch” più comodi anche all’interno del mondo del rugby a 7, che ormai da due edizioni si è preso la vetrina olimpica.

“Siamo contenti di aver approvato questa modifica normativa, – ha affermato Bill Beaumont, il presidente di World Rugby, al sito ufficiale di World Rugby -, il processo arriva al termine di una serie di consultazioni con tutte le parti chiamate in causa, in particolare quella dei giocatori: così facendo abbiamo aggiornato il nostro modus operandi all’interno del panorama professionistico, senza compromettere l’integrità dello scenario internazionale”.

Poi ha aggiunto, in maniera importante e dettagliata: “Qualsiasi giocatore che voglia sposare questa nuova norma dovrà avere un legame stretto e credibile con la nazione che andrà a scegliere (nascita o origine familiare, appunto). I criteri saranno rigorosi, lo dico fin d’ora, come il controllo dei 36 mesi (3 anni di assenza dalla scena internazionale). Riteniamo che sia giusto venire incontro ai giocatori e alle giocatrici per continuare a “sviluppare” il gioco, ma che sia altrettanto corretto far rispettare questo nuovo scenario sotto tutti i punti di vista”.

A fargli eco, infine, ci ha pensato – con grande soddisfazione – il CEO dell’International Rugby Players Omar Hassanein: “Dopo anni di lavoro e di proposte, siamo giunti al traguardo. Penso a tutti i giocatori e le giocatrici che avranno la possibilità di tornare sulla scena internazionale rappresentando la loro famiglia o il Paese dove sono nati. Tutto ciò, sono sicuro, farà bene alla competitività del rugby internazionale”.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news. Dai uno sguardo anche alla nostra pagina Instagram, sempre ricca di spunti.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sevens World Series 2022: ecco il podio femminile, giochi riaperti nel maschile

La tappa di Tolosa delle Sevens World Series ha chiuso la stagione femminile definendo il podio, mentre nel torneo maschile tutto può ancora accadere....

23 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Eddie Jones: “Felice di lavorare a fianco del mio successore durante la Rugby World Cup 2023”

La Federazione Inglese vorrebbe provare a ripetere l'esperimento fatto dalla Francia con Galthiè

18 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Doppio appuntamento nel weekend con il rugby a sette mondiale

Le Sevens World Series maschili e femminili si disputeranno a Tolosa, in Francia

18 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Warren Gatland tra i candidati per una “missione mostruosa”: la panchina degli USA

L'ex c.t. del Galles potrebbe cimentarsi in una nuova e difficile impresa: rendere competitivi gli Stati Uniti per i mondiali in casa del 2031

17 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

La Rugby World Cup 2031 negli USA probabilmente si terrà in estate

Sembra proprio che l'edizione a stelle e strisce del mondiale sarà foriera di tanti cambiamenti. World Rugby di certo non si nasconde

13 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Rugby World Cup: assegnate ufficialmente le edizioni maschili e femminili fino al 2033

Inghilterra, Australia e Stati Uniti ospiteranno le prossime cinque rassegne iridate tra uomini e donne

12 Maggio 2022 Rugby Mondiale / Rugby World Cup