Eleggibilità nel rugby internazionale: dopo tre anni senza convocazione, un possibile cambio di casacca?

L’ipotesi è al vaglio di World Rugby: a fine novembre la decisione sulla norma

Eleggibilità nel rugby internazionale: dopo tre anni senza convocazione, un possibile cambio di casacca?

Eleggibilità nel rugby internazionale: dopo tre anni senza convocazione, un possibile cambio di casacca? (Ph. Onrugby)

Ancora poche settimane e poi sapremo. A fine mese di novembre infatti, World Rugby si pronuncerà sulla possibilità, al vaglio, di rendere effettiva una nuova norma che consentirebbe a chi ha collezionato un cap con una determinata nazionale, ma non viene convocato da tre anni, di potersi “liberare” dal vincolo della nazionale stessa rendendosi eleggibile invece per la propria nazione di nascita o di origine familiare.

Eleggibilità nel rugby internazionale: dopo tre anni senza convocazione, un possibile cambio di casacca?

La data individuata è quella del 24 novembre. Per essere resa effettiva la norma ha bisogno di almeno il 75% dei consensi all’interno del Consiglio Mondiale: 39 voti positivi sui 52 disponibili.

In pratica si andrebbero a rimuovere i vincoli secondo cui un giocatore, una volta totalizzato un cap con le rappresentative nazionali di un Paese, indicate a World Rugby (Squadra Maggiore, Under 20, Nazionale a 7), è legato alla nazionale stessa per tutta la sua carriera.

Osservando un “periodo di disinteresse” di tre anni, il singolo giocatore tornerebbe nuovamente eleggibile per una nuova rappresentativa di un altro Paese, come se il suo “contatore di presenze internazionali” tornasse immacolato a 0 caps. Questo “Switch” potrebbe accadere però una sola volta nella carriera.

Un esempio pratico, che cita anche la BBC, se dovesse passare la regola, è quello dei fratelli Mako e Billy Vunipola: i due, di origini tongane, se paradossalmente dovessero non essere più convocati da qui al 2024 per l’Inghilterra, nel 2025 potrebbero richiede lo switch e andare a giocare per la nazionale di Tonga.

Una regola questa che andrebbe a tutelare in particolare le Nazionali del Pacifico (Tonga, Fiji e Samoa), spesso “saccheggiate” dei loro talenti migliori in età giovanile, e che fa seguito a quella approvata lo scorso 31 dicembre 2020 relativa all’eleggibilità per equiparazione, portata da 3 a 5 anni di residenza.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news. Dai uno sguardo anche alla nostra pagina Instagram, sempre ricca di spunti.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sevens World Series, esordio in Spagna con assenze di peso

Le Sevens World Series 2022, dopo il doppio turno a Dubai, ripartono da Malaga (Spagna) con i forfait di Nuova Zelanda, Samoa e Fiji.

19 Gennaio 2022 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Video: chi ha segnato più drop nella storia dei mondiali?

C'è chi ne ha segnati 4, 5, 6 o addirittura 14: ecco la classifica

3 Gennaio 2022 Foto e video
item-thumbnail

Rugby: tutti gli appuntamenti del 2022

Con (almeno) due Rugby World Cup

1 Gennaio 2022 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Il rugby giapponese ha un nuovo sogno iridato

Nel Sol Levante vorrebbero realizzare uno storico anniversario iridato

30 Dicembre 2021 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

World Rugby Ranking: al femminile il disastro della Nuova Zelanda è la storia del 2021

Nel 2022 Black Ferns per la prima volta oltre il secondo posto? Le azzurre chiudono ottave e con il biglietto per il Mondiale in tasca

29 Dicembre 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

World Rugby Ranking: la squadra maschile più cresciuta nel 2021 è africana, ma non si chiama Sudafrica

Interessante rilettura della classifica mondiale che tiene conto dei risultati delle nazionali maschili. In vetta poche novità, in coda molte di più

29 Dicembre 2021 Rugby Mondiale