Italia-Uruguay, Crowley: “Teniamoci solo la vittoria. Serve lavorare molto sul breakdown”

L’head coach azzurro e il capitano Michele Lamaro sono intervenuti in conferenza stampa dopo la vittoria sui Teros

Crowley: "Teniamoci solo la vittoria. Serve lavorare molto sul breakdown". PH Sebastiano Pessina

Crowley: “Teniamoci solo la vittoria. Serve lavorare molto sul breakdown”. PH Sebastiano Pessina

Facce scure in volto nella sala stampa del Lanfranchi dopo Italia-Uruguay, con Kieran Crowley e capitan Michele Lamaro che sono intervenuti sul match appena vinto 17-10. In apertura Lamaro, visto il colloquio avuto con l’arbitro nell’occasione del giallo dato a Fischetti, ha spiegato il motivo della decisione: “L’arbitro non ha voluto dare la meta tecnica perché Fischetti non era l’unico uomo in zona. Il suo placcaggio era anticipato e dunque si è preso il giallo, ma la vicinanza di altri azzurri ha fatto propendere l’arbitro per non dare i 7 punti ai Teros”.

Sulla partita è intervenuto prima Kieran Crowley: “Inutile girare intorno al fatto che ci sono stati tanti aspetti che non ci hanno soddisfatto. Soprattutto nel finale di primo tempo abbiamo avuto molte occasioni ma senza raccogliere nulla. Salviamo solo la vittoria, arrivata comunque in un test match. Ci è mancata la voglia di essere diretti nell’avanzamento, l’Uruguay si è dimostrato solido al placcaggio”.

Leggi anche: La cronaca della vittoria dell’Italia sull’Uruguay

È stato poi il turno di Michele Lamaro: “Diamo credito ai nostri avversari che si sono dimostrati più forti di quanto ci potessimo aspettare, e molto diversi da quelli visti a Padova la scorsa domenica. Serve crescere per controllare meglio determinati momenti della partita, con tantissime touche a favore sui 5 metri siamo riusciti a concretizzarne solo una. Anche io come capitano posso fare meglio a livello decisionale”.

Il terza linea del Benetton ha poi parlato del pack azzurro: “Siamo stati dominanti nel drive ma loro, creando confusione e commettendo tanti falli, ci hanno in qualche modo messo in difficoltà. Abbiamo a lungo fatto una lotta come singoli, non come squadra: dobbiamo lavorare di più con il collettivo.”

Se dopo Italia-Nuova Zelanda era stata tracciata una linea sulla sabbia, ora: “Questa linea è tornata indietro – dice Crowley – Sono innegabili le difficoltà. È importante aver conosciuto bene il gruppo in queste tre settimane di lavoro ma credo che, verso il Sei Nazioni, servirà lavorare moltissimo sull’area del breakdown”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022, Italia: il calendario degli azzurri, con luoghi, date e orari

Due soli impegni casalinghi contro Inghilterra e Scozia

25 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022: in vendita i biglietti per le partite casalinghe dell’Italia

Gli azzurri ospiteranno all'Olimpico Inghilterra e Scozia, rispettivamente alla seconda e alla quarta giornata del torneo

25 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia-Uruguay, un amaro ritorno alla vittoria

Una vittoria è una vittoria, ma è doveroso costruire qualcosa di più nel minor tempo possibile

21 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’Italia vince a Parma. Uruguay sconfitto 17-10

Al Lanfranchi decidono le mete dei debuttanti Pierre Bruno e Hame Faiva

20 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia-Uruguay: gli azzurri devono tornare al successo

Vittoria che manca dal Mondiale 2019, e che rappresenta l'obiettivo contro i Teros

20 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale